Home Conoscenza Vulnerabilità dell'UE agli impatti del CC che si verificano al di fuori dell'UE

Exclusion of liability

This translation is generated by eTranslation, a machine translation tool provided by the European Commission.

Website experience degraded
We are currently facing a technical issue with the website which affects the display of data. The full functionality will be restored as soon as possible. We appreciate your understanding. If you have any questions or issues, please contact EEA Helpdesk (helpdesk@eea.europa.eu).

La vulnerabilità dell'Europa agli impatti dei cambiamenti climatici che si verificano al di fuori dell'Europa

Il commercio internazionale, i viaggi, le telecomunicazioni e altri aspetti della globalizzazione aumentano la probabilità che gli impatti dei cambiamenti climatici abbiano conseguenze al di là delle regioni o delle nazioni in cui si verificano. Tali conseguenze sono denominate "effetti transfrontalieri" dei cambiamenti climatici o come "effetti indiretti", "effetti transfrontalieri" o "effetti fuoriuscita". Questi effetti possono influenzare significativamente il rischio complessivo di cambiamenti climatici per regioni, settori e persone. Esse dovrebbero pertanto essere prese in considerazione nell'elaborazione e nell'attuazione di politiche di adattamento. Gli effetti transfrontalieri possono essere generati da un singolo evento climatico estremo che può causare una catena di reazioni attraverso percorsi di impatto, ad esempio un'interruzione temporanea delle catene di approvvigionamento globale a causa di infrastrutture di trasporto danneggiate o determinate da periodi prolungati di condizioni meteorologiche estreme o da cambiamenti climatici graduali.

Il capitolo 6.4 della relazione dell'AEA sui cambiamenti climatici, gli impatti e la vulnerabilità in Europa 2016 analizza gli effetti transfrontalieri causati dagli impatti dei cambiamenti climatici che si verificano al di fuori dell'Europa, che hanno effetti indiretti a cascata sul territorio europeo. Identifica sei principali percorsi basati sulla letteratura disponibile: i) il commercio di materie prime agricole, ii) il commercio di materie prime non agricole, iii) le infrastrutture e i trasporti, iv) i rischi geopolitici e per la sicurezza, v) la migrazione umana e vi) la finanza (cfr. figura 1).

 

 

Figura 1. Sei principali percorsi di impatto indiretto per l'Europa (SEE, 2017).

Fonte: SEE.
Nota: I percorsi di impatto sono stati collocati arbitrariamente sulla mappa; pertanto, le frecce non indicano alcuna direzione geografica predominante da cui tali impatti potrebbero influire sull'Europa (relazione SEE "Cambiamenti climatici, impatti e vulnerabilità in Europa 2016").

 

Come riportato nel capitolo 6.4 della relazione SEE, le prove più forti della sensibilità dell'Europa agli impatti transfrontalieri sono gli effetti economici causati dalle volatilità dei prezzi globali indotte dal clima; perturbazioni delle reti di trasporto come i porti; e cambiamenti nell'ambiente artico, come le nuove rotte marittime.

La regione mediterranea d'Europa è stata identificata come la più vulnerabile agli shock nel flusso di prodotti agricoli, a causa dell'elevata dipendenza dalle importazioni dall'esterno dell'Europa. Gli estremi climatici recenti al di fuori dell'Europa hanno già avuto un impatto negativo sull'Europa. Ad esempio, l'ondata di calore russa nel 2 010 ha distrutto circa il 30 % del raccolto di grano russo e ha contribuito a un aumento del 60-80 % dei prezzi globali del grano. La crisi globale del riso del 2008, durante la quale il prezzo di mercato globale del riso è aumentato di quattro volte nell'arco di pochi mesi, è stato in parte causato da una lunga siccità in Australia, tra le altre cause.

È probabile che i gruppi a basso reddito in tutte le parti d'Europa siano maggiormente influenzati dalla volatilità dei prezzi alimentari.

Ci si aspetta che le economie europee piccole, aperte e altamente sviluppate siano vulnerabili soprattutto agli shock nel flusso di materie prime non agricole. Esempi di tali effetti indiretti sono la carenza di hard disk e il conseguente aumento dei livelli dei prezzi causato da un grave evento alluvionale in Thailandia nel 2011 e dal calo delle esportazioni di carbone e dall'aumento dei prezzi del mercato mondiale causato da inondazioni estreme nell'Australia orientale nel 2010/11.

Gli impatti dei cambiamenti climatici e degli eventi estremi sulle infrastrutture di trasporto al di fuori dell'Europa (ad esempio strade, oleodotti, ferrovie, ponti, porti, aeroporti e gallerie) possono avere effetti di ricaduta anche in Europa. Ad esempio, l'uragano Katrina nel 2 005 ha distrutto gran parte del porto di New Orleans negli Stati Uniti, causando una temporanea carenza di approvvigionamento petrolifero globale e un temporaneo aumento del prezzo globale del petrolio.

I cambiamenti climatici in Nord Africa e Medio Oriente potrebbero aumentare i rischi geostrategici per l'Europa. Recenti studi suggeriscono che le temperature supereranno una soglia per l'adattabilità umana verso la fine del 21º secolo in alcune di queste regioni. Inoltre, l'innalzamento del livello del mare sta minacciando sempre più zone costiere popolate, come il Delta del Nilo, dove gran parte della popolazione egiziana e la terra agricola si concentrano. Condizioni climatiche senza precedenti, in combinazione con fattori socioeconomici e politici, possono aumentare ulteriormente l'instabilità regionale. Questo aumento, a sua volta, potrebbe portare a un aumento sostanziale dei flussi di rifugiati e migrazione verso l'Europa, con potenziali impatti politici e sulla sicurezza.

Il percorso finanziario si riferisce a quegli impatti dei cambiamenti climatici che possono perturbare il flusso di capitali pubblici e privati, come investimenti all'estero, rimesse da lavoratori migranti o assicurazioni internazionali, con ripercussioni sui flussi finanziari in vari paesi. Ad esempio, una notevole quantità dei costi assicurativi dell'uragano Katrina nel 2005 è scesa sui mercati azionari di Londra. L'aumento previsto del verificarsi e dell'intensità degli eventi meteorologici estremi in molte parti del mondo metterà in discussione i sistemi assicurativi, determinando aumenti dei premi assicurativi e diminuendo la copertura, ma anche fornendo nuove opportunità alle compagnie assicurative europee di investire nei paesi in via di sviluppo.

Secondo diversi studi, la vulnerabilità europea agli effetti transfrontalieri dei cambiamenti climatici dovrebbe aumentare nei prossimi decenni, ma le proiezioni quantitative non sono ancora disponibili.