Home Banca dati Pubblicazione e relazioni La relazione 2022 sull'Europa del "Lancet Countdown on Health and climate change": verso un futuro resiliente ai cambiamenti climatici

Exclusion of liability

This translation is generated by eTranslation, a machine translation tool provided by the European Commission.

Website experience degraded
We are currently facing a technical issue with the website which affects the display of data. The full functionality will be restored as soon as possible. We appreciate your understanding. If you have any questions or issues, please contact EEA Helpdesk (helpdesk@eea.europa.eu).
Publications and Reports

La relazione 2022 sull'Europa del "Lancet Countdown on Health and climate change": verso un futuro resiliente ai cambiamenti climatici

Descrizione

Negli ultimi decenni si sono verificati importanti progressi in materia di salute pubblica in Europa, con drastiche diminuzioni della mortalità prematura e un aumento dell'aspettativa di vita di quasi 9 anni dal 1980. I paesi europei hanno alcuni dei migliori sistemi sanitari al mondo. Tuttavia, l'Europa è sfidata da crisi senza precedenti e sovrapposte, che sono dannose per la salute umana e i mezzi di sussistenza e minacciano la capacità di adattamento. Rispetto ai tempi preindustriali, l'aumento medio medio della temperatura dell'aria superficiale in Europa è stato di quasi 1ºC superiore all'aumento medio della temperatura globale e il 2022 è stato l'estate europea più calda mai registrata. Essendo la terza economia mondiale e un importante contributo alle emissioni cumulative globali di gas serra, l'Europa è una delle principali parti interessate nella risposta mondiale ai cambiamenti climatici e ha una responsabilità globale e l'opportunità di guidare la transizione verso un'economia a basse emissioni di carbonio e una società più sana e più resiliente.


I costi sanitari della decarbonizzazione ritardata
Gli aumenti allarmanti dei pericoli, delle vulnerabilità, delle esposizioni e degli impatti legati alla salute derivanti dai cambiamenti climatici in tutta Europa mostrano l'urgente necessità di obiettivi ambiziosi di mitigazione che limitino l'aumento della temperatura globale a meno di 1,5ºC rispetto ai livelli preindustriali. Allo stesso tempo, sono urgenti strategie di adattamento efficaci per costruire la resilienza alle crescenti minacce per la salute dei cambiamenti climatici.
La popolazione europea è sempre più esposta a ondate di calore, mettendo a rischio i gruppi particolarmente vulnerabili (compresi gli anziani, i bambini e le persone in cattive condizioni di salute) e portando a un elevato carico di malattie e morti. Oltre agli impatti diretti sulla salute, l'esposizione al calore mina anche i mezzi di sussistenza delle persone e i determinanti sociali della salute riducendo la capacità di lavoro. 
I cambiamenti climatici stanno inoltre guidando eventi estremi sempre più intensi e frequenti legati al clima in Europa, con impatti sia diretti che indiretti sulla salute, perdita di infrastrutture e costi economici.
Le mutevoli condizioni ambientali stanno anche spostando l'idoneità ambientale per la trasmissione di varie malattie infettive, tra cui Vibrio, dengue, virus del Nilo occidentale.
Le temperature più calde stanno anche spostando le stagioni di fioritura di diverse specie di alberi allergenici, con le stagioni di betulla, oliva e anziani che iniziano a fiorire prima e influenzano la salute di circa il 40 % della popolazione in Europa che soffre di allergie al polline.
Questi impatti sovrapposti e interconnessi sulla salute, che si stanno evolvendo sullo sfondo di una pandemia e di una guerra devastante in Ucraina, rivelano l'urgente necessità di interventi che costruiscano la resilienza nel settore sanitario e proteggano le persone dai crescenti rischi per la salute. Sono stati compiuti alcuni progressi nell'adattamento sanitario dell'Europa, tra cui lo sviluppo di strategie o piani nazionali in materia di salute e di cambiamento climatico, le valutazioni della vulnerabilità e dell'adattamento e l'inverdimento degli ambienti. L'adattamento ai cambiamenti climatici spesso deve competere per le scarse risorse finanziarie e l'attuazione di piani di adattamento da soli non è sufficiente per promuovere la capacità di adattamento. Con l'aumento degli impatti dei cambiamenti climatici, gli sforzi di adattamento devono accelerare rapidamente ed essere attuati con attenzione insieme alle strategie di mitigazione.

L'Europa dovrebbe ridurre le proprie emissioni per conseguire l'obiettivo di zero emissioni nette di gas a effetto serra entro il 2050 e ridurre gli impatti sanitari dei cambiamenti climatici. Inoltre, con i tagli alle emissioni, la regione beneficerebbe anche di benefici sanitari diretti e indiretti derivanti dalla diminuzione dell'esposizione al particolato proveniente dalla combustione di combustibili fossili e dai trasporti. Le diete europee ad alto contenuto di carbonio e ricche di carne contribuiscono anche alle sue elevate emissioni di gas a effetto serra e rappresentano una minaccia per la salute umana. Inoltre, il ritardo nell'attuazione delle fonti energetiche a basse emissioni di carbonio generate localmente ha reso l'Europa soggetta alla volatilità dei prezzi dell'energia, che ha raggiunto valori record nel 2022. Mentre il mondo sta cercando di riprendersi dalla pandemia di COVID-19 e di rispondere a molteplici catastrofi coincidenti, la ripresa è ostacolata dagli impatti negativi dei cambiamenti climatici sulla salute e sui suoi determinanti, sottolineando l'urgente necessità di intervenire.


Un cambiamento trasformativo per la salute
Nonostante la scarsa azione per il clima in Europa ad oggi, gli indicatori contenuti in questa relazione suggeriscono che i cambiamenti potrebbero essere in corso. Sebbene l'impegno per l'intersezione tra salute e cambiamenti climatici sia basso rispetto all'impegno generale per i cambiamenti climatici, dal 2014 è leggermente aumentato l'impegno politico con la salute e i cambiamenti climatici al Parlamento europeo. Gli indicatori mostrano che una transizione accelerata verso l'energia pulita potrebbe salvare vite umane ogni anno.


La più grande opportunità di salute pubblica del secolo
Con un mondo pericolosamente vicino al raggiungimento di punti di non ritorno a causa del clima e una crescente crisi energetica, e con la salute delle popolazioni sempre più minata dal riscaldamento globale, l'Europa è in un punto cruciale per il cambiamento. Se i piani di mitigazione del clima e di adattamento sono progettati e attuati con la salute, il benessere e l'equità come obiettivo principale, questo potrebbe rappresentare la più grande opportunità di politica di salute pubblica del secolo. Le ambiziose strategie europee di adattamento e mitigazione non solo proteggeranno la vita e il benessere in Europa, ma anche nei paesi che hanno contribuito meno ai cambiamenti climatici di origine antropica. Il pericolo di raggiungere un punto di non ritorno significa che l'Europa non può permettersi di perdere tale opportunità.

Informazioni di riferimento

Collaboratore:
Lancet Countdown in Europa

Pubblicato in Climate-ADAPT Nov 22 2022   -   Aggiornamento più recente in Climate-ADAPT Nov 29 2022

Azioni sul documento