Home Banca dati Pubblicazione e relazioni Pianificazione urbana per la salute — esperienze di sviluppo della resilienza in 12 città

Exclusion of liability

This translation is generated by eTranslation, a machine translation tool provided by the European Commission.

Website experience degraded
We are currently facing a technical issue with the website which affects the display of data. The full functionality will be restored as soon as possible. We appreciate your understanding. If you have any questions or issues, please contact EEA Helpdesk (helpdesk@eea.europa.eu).
Publications and Reports

Pianificazione urbana per la salute — esperienze di sviluppo della resilienza in 12 città

Descrizione

Le emergenze possono diventare esperienze trasformative per le città: Un'opportunità per ripensare, ripianificare e ricostruire, e per spingere per cambiamenti che possano renderli più sani, sostenibili, equi e resilienti. Tornare al "normale" potrebbe non essere abbastanza buono — invece, le città dovrebbero sforzarsi di costruire un futuro urbano migliore. Questo rapporto presenta i risultati di una serie di interviste con le città della regione europea dell'OMS, che miravano a compilare approfondimenti locali su come definire le priorità per diventare più resilienti e per prepararsi (o rispondere) alle crisi ambientali e sanitarie. Sono state condotte interviste con rappresentanti del governo locale coinvolti nella pianificazione urbana, nell'ambiente o nelle aree sanitarie. Si sono concentrati su come le città si erano approcciate alla pianificazione urbana e alla progettazione delle infrastrutture come risposta a disastri specifici — o in modo preventivo per quelli futuri — e su come questi sforzi potrebbero contribuire a un futuro urbano più sano e sostenibile.

Un totale di 12 città di case study in 11 paesi della regione europea dell'OMS sono state intervistate utilizzando un questionario inviato in anticipo. Essi comprendevano tre piccoli (100 000 cittadini), cinque medi (100 000–500 000 cittadini) e quattro grandi città (> 500 000 cittadini). Di questi, 10 avevano vissuto almeno un evento di emergenza nell'ultimo decennio, tra cui grandi inondazioni, incendi boschivi, terremoti, uragani, incidenti industriali, interruzioni di corrente, ondate di calore e tempeste di neve. Diverse città hanno subito più disastri allo stesso tempo — una tendenza che probabilmente continuerà in futuro. Questi eventi hanno causato una vasta gamma di effetti, tra cui impatti sostanziali sulla salute. L'analisi tematica è stata applicata agli estratti di interviste per identificare argomenti, idee e modelli comuni.

La preparazione alleemergenze è un elemento chiave per costruire la resilienza dei sistemi sanitari e di altri sistemi e una componente centrale dei quadri di gestione delle emergenze. Gli estratti dell'intervista sono stati quindi analizzati utilizzando quattro fasi distinte ma interconnesse dei quadri di gestione delle emergenze. Queste includono due fasi che si svolgono durante e dopo un'emergenza (risposta e recupero), e due da effettuare prima di un nuovo sciopero di emergenza (mitigazione e preparazione).

Nel valutare la risposta, le interviste hanno evidenziato il fatto che le città devono affrontare una serie di sfide con le azioni intraprese durante un'emergenza. Alcuni hanno toccato gli aspetti della governance, della collaborazione e della comunicazione; ad esempio, affrontare la mancanza di informazioni e protocolli, collaborare con gli organi governativi a livello regionale o nazionale e raggiungere efficacemente la comunità durante la crisi. Anche la gestione dei rischi per la salute e l'attenzione ai gruppi vulnerabili sono state individuate come principali sfide durante la gestione delle emergenze: rischi ambientali imprevisti per la salute possono derivare da determinate catastrofi; gli impatti sulla salute mentale possono essere ignorati inizialmente, portando a una maggiore attenzione in seguito; e le città possono sperimentare una mancanza di materiale di emergenza durante i momenti critici. Mentre i sistemi di allarme rapido e di informazione possono contribuire ad attenuare la salute e altri effetti di alcuni tipi di eventi, la loro portata spaziale e la loro accuratezza possono essere limitate e alcune città potrebbero non averle in atto.

I risultati dell'intervista hanno individuato alcuni fattori chiave per la ripresa dopo l'evento, tra cui l'accesso alle risorse finanziarie e ai bilanci di emergenza, la copertura assicurativa, la flessibilità nelle catene di approvvigionamento e distribuzione locali e la consapevolezza sociale delle diverse esposizioni e rischi per la salute dell'ambiente circostante. Inoltre, le interviste hanno delineato una serie di fattori nel costruire la resilienza che sono fondamentali per una ripresa completa e rapida, tra cui gli investimenti a lungo termine in infrastrutture critiche, la trasformazione del modello economico per fare più affidamento su industrie sostenibili e verdi e il controllo sulla pressione sullo sviluppo.

 

Informazioni di riferimento

Collaboratore:
Ufficio regionale dell'OMS per l'Europa

Pubblicato in Climate-ADAPT Nov 22 2022   -   Aggiornamento più recente in Climate-ADAPT Dec 06 2022

Azioni sul documento