Exclusion of liability

This translation is generated by eTranslation, a machine translation tool provided by the European Commission.

Website experience degraded
We are currently facing a technical issue with the website which affects the display of data. The full functionality will be restored as soon as possible. We appreciate your understanding. If you have any questions or issues, please contact EEA Helpdesk (helpdesk@eea.europa.eu).

Adattamento ai monti dei Carpazi

 

 

I Carpazi sono il secondo sistema montano più lungo d'Europa che copre una superficie di circa 210.000 chilometri quadrati. Sette paesi (Repubblica Ceca, Ungheria, Polonia, Romania, Serbia, Repubblica slovacca e Ucraina) condividono il territorio della regione dei Carpazi, di cui cinque sono membri dell'UE.

 

La regione montuosa dei Carpazi è uno dei rifugi naturalistici più significativi e ricchi del continente europeo. Le montagne dei Carpazi ospitano circa il 30 % della flora europea e le più grandi popolazioni europee di orsi bruni, lupi, lince, bisonti europei e specie di uccelli rari, tra cui l'Aquila imperiale minacciata a livello globale. Oltre alla diversità naturale, gli habitat seminaturali come i pascoli alpini e i prati di fieno, che sono il risultato di secoli di gestione tradizionale del territorio, sono di grande importanza ecologica e culturale. Il WWF ha incluso la regione dei Carpazi nella lista mondiale "Global 200" delle ecoregioni note per l'eccezionale livello di biodiversità. La regione montuosa dei Carpazi fornisce importanti beni e servizi ecosistemici come cibo, acqua dolce, prodotti forestali e turismo e fa parte di tre grandi bacini fluviali: il Danubio, il Dniester (al Mar Nero) e la Vistola (per il Mar Baltico).

I Carpazi servono come ponte tra le culture nord-occidentali e sud-occidentali dell'Europa, con un'ampia varietà culturale.

Minacce per l'ambiente dei Carpazi

L'abbandono del suolo, la conversione e la frammentazione degli habitat, la deforestazione, la silvicoltura insostenibile e le pratiche agricole e l'inquinamento stanno causando la perdita del paesaggio e della biodiversità dei Carpazi. I principali fattori trainanti sono gli sviluppi socioeconomici e i cambiamenti climatici. L'abbandono dei terreni e la perdita di habitat sono più significativi nelle aree remote ad altitudini più elevate, dove l'agricoltura tradizionale non può competere con l'agricoltura moderna. La conversione e la frammentazione degli habitat sono per lo più legate al turismo insostenibile e allo sviluppo delle infrastrutture, mentre l'agricoltura è la principale fonte di inquinamento delle acque superficiali e sotterranee. Il cambiamento climatico, causando cambiamenti nei modelli di precipitazione, neve e temperatura, intensifica i processi sopra descritti.

Cambiamenti climatici e adattamento nelle montagne dei Carpazi

L'impatto attuale e previsto dei cambiamenti climatici ha avviato una serie di progetti finanziati dall'UE, tra cui:

  • CARPATCLIM mirava ad armonizzare i dati climatici dal 1961 al 2010 e a metterli a disposizione in una banca dati grigliata;
  • CarpathCC in cui sono stati effettuati una serie di studi di vulnerabilità e sono state valutate misure di adattamento;
  • CarpiVia durante la quale sono stati valutati la vulnerabilità dei principali ecosistemi della regione Carpazi e dei sistemi di produzione basati sugli ecosistemi e sono state proposte opzioni di adattamento.