Home Banca dati Progetti di ricerca e conoscenza Soluzioni basate sulla natura per il riutilizzo domestico delle acque reflue nei paesi del Mediterraneo mediterraneo

Exclusion of liability

This translation is generated by eTranslation, a machine translation tool provided by the European Commission.

Website experience degraded
We are currently facing a technical issue with the website which affects the display of data. The full functionality will be restored as soon as possible. We appreciate your understanding. If you have any questions or issues, please contact EEA Helpdesk (helpdesk@eea.europa.eu).
Project

Soluzioni basate sulla natura per il riutilizzo domestico delle acque reflue nei paesi del Mediterraneo mediterraneo (NAWAMED)

Descrizione:

Nei paesi mediterranei, l'uso dell'acqua domestica rappresenta una parte minore del consumo di acqua — una quantità molto maggiore viene utilizzata per l'irrigazione — ma richiede la migliore qualità e la sua domanda è in continua crescita, oltre a migliorare lo stile di vita e aumentare la popolazione urbana.

Inoltre, le acque urbane sono ancora la principale causa di inquinamento dei fiumi e delle acque sotterranee, anche se trattate prima di essere scaricate. L'uso pro capite dell'acqua domestica può essere drasticamente ridotto utilizzando risorse idriche non convenzionali (NCW) per scopi non potabili: L'acqua grigia (e l'acqua piovana quando disponibile) possono essere riutilizzate per il lavaggio e l'irrigazione dei WC, ma richiedono l'implementazione di sistemi di trattamento decentralizzati, al servizio di uno o pochi edifici.

NAWAMED mira a modificare la pratica di gestione delle acque urbane attraverso tecnologie di trattamento innovative, sostenibili e a basso costo, applicabili in modo decentrato, per sostituire l'uso di acqua potabile con una buona qualità di NCW.

Il progetto dimostrerà la fattibilità tecnica ed economica di soluzioni basate sulla natura e a basso costo, come le pareti verdi viventi, per trattare le risorse idriche non convenzionali nelle scuole, nelle università, nelle strutture pubbliche e in un campo profughi. Le acque reflue recuperate o le acque piovane saranno riutilizzate per scopi diversi, tra cui lo scarico dei servizi igienici e l'irrigazione e, di conseguenza, il consumo di acqua potabile per usi domestici sarà ridotto. Inoltre, il progetto mostrerà che il design e l'architettura possono rendere gli edifici produttori di acqua piuttosto che consumatori di acqua.

Informazioni del progetto

Coordinamento

Provincia di Latina, Italia

Partner

IRIDRA, Italia;

SVI.MED. Centro Euromediterraneo per lo Sviluppo Sostenibile, Italia;

Centro di ricerca e tecnologie in materia di acque, Tunisia;

Università di Giordania, Giordania;

Agenzia per l'energia e l'acqua, Malta;

Università Americana di Beirut, Libano;

Informazioni di riferimento

Siti Web:

Pubblicato in Climate-ADAPT Mar 07 2023   -   Aggiornamento più recente in Climate-ADAPT Mar 07 2023

Azioni sul documento