Exclusion of liability

This translation is generated by eTranslation, a machine translation tool provided by the European Commission.

Website experience degraded
We are currently facing a technical issue with the website which affects the display of data. The full functionality will be restored as soon as possible. We appreciate your understanding. If you have any questions or issues, please contact EEA Helpdesk (helpdesk@eea.europa.eu).

Inquinamento atmosferico

Popolazione urbana esposta a concentrazioni di inquinanti atmosferici al di sopra di determinati standard di qualità dell'aria dell'UE, UE-27 e Regno Unito. Fonte: SEE, superamento degli standard di qualità dell'aria in Europa

Problemi di salute

Le emissioni di inquinamento atmosferico sono generalmente diminuite in Europa. Tuttavia, l'esposizione all'inquinamento atmosferico è considerata il più importante rischio ambientale per la salute umana della popolazione europea (OMS, 2016). Gli inquinanti più gravi in Europa, in termini di danni per la salute umana, sono il particolato (PM), il biossido di azoto (NO2) e l'ozono troposferico (O3).

L'esposizione agli inquinanti atmosferici porta a una vasta gamma di malattie, tra cui ictus, malattie polmonari ostruttive croniche, trachea, tumori broncosi e polmonari, asma aggravata e infezioni respiratorie inferiori. Ci sono anche prove di legami tra l'esposizione all'inquinamento atmosferico e il diabete di tipo 2, l'obesità, l'infiammazione sistemica, il morbo di Alzheimer e la demenza. Per maggiori informazioni vedere: Inquinamento atmosferico: come influisce sulla nostra salute.

Sebbene l'inquinamento atmosferico colpisca l'intera popolazione, alcuni gruppi hanno maggiori probabilità di soffrire di esposizione ad essa. Ciò include bambini, anziani, donne incinte e persone con problemi di salute preesistenti. In gran parte dell'Europa, i gruppi a basso reddito hanno maggiori probabilità di affrontare una maggiore esposizione all'inquinamento atmosferico vicino a strade trafficate o aree industriali (SEE, 2018).

Effetti osservati

Nel 2019, circa 307 000 decessi prematuri nell'UE-27 erano attribuibili all'esposizione a lungo termine al particolato con un diametro pari o inferiore a 2,5 μm (PM 2,5). Il biossido di azoto (NO2) è stato collegato a 40 400 morti premature e all'ozono a livello del suolo (O 3)a 16 800 morti premature (SEE, 2021).

Negli ultimi anni, la quota della popolazione urbana esposta a concentrazioni di inquinanti atmosferici superiori ai valori limite dell'UE e il conseguente impatto sulla salute è diminuita per il PM2.5 e l'NO2 (cfr. figura sopra). Per quanto riguarda l'ozono a livello del suolo, la concentrazione di fondo emisferica settentrionale sta aumentando in Europa, mentre i valori di picco globali stanno diminuendo (Andersson et al., 2017; Orru et al., 2019; Paoletti et al., 2014).

Vi sono prove crescenti del fatto che gli effetti negativi dell'inquinamento atmosferico sulla salute si verificano anche al di sotto dei livelli della direttiva UE sulla qualità dell'aria ambiente, e ciò si riflette nelle nuove linee guida globali dell'OMS sulla qualità dell'aria (OMS, 2021). Poiché le linee guida aggiornate dell'OMS sono più severe per la maggior parte degli inquinanti, la quota della popolazione urbana esposta a concentrazioni di inquinanti atmosferici malsani e l'impatto sulla salute associato sarà maggiore delle stime precedenti.

Effetti proiettati

Le variazioni di temperatura, precipitazioni, vento, umidità o radiazione solare associate ai cambiamenti climatici influenzano la qualità dell'aria, potenzialmente peggiorandola (Fu e Tian, 2019). Ciò avviene attraverso emissioni alterate provenienti da fonti naturali (come incendi, polveri minerali, sale marino, composti organici volatili biogenici (BVOC)); emissioni provenienti da fonti umane (come l'ammoniaca dell'agricoltura); tassi di reazioni chimiche nell'atmosfera; e processi di trasporto, dispersione e deposizione degli inquinanti atmosferici (Fortems-Cheiney et al., 2017; Geels et al., 2015).

Per quanto riguarda la salute umana, la combinazione di stress termico e inquinamento atmosferico è particolarmente dannosa. L'esposizione simultanea della popolazione alle alte temperature e all'inquinamento atmosferico (PM, NO2 o O3) è stata collegata ad un aumento dei tassi di mortalità dovuti a cause cardiovascolari e respiratorie (SEE, 2020). I cambiamenti demografici in corso e previsti, come l'invecchiamento della popolazione con una crescente prevalenza di problemi sanitari sottostanti, contribuiranno anche ad aumentare l'onere delle malattie legate all'inquinamento atmosferico.

Particolato

Le concentrazioni di particolato nell'aria dovrebbero aumentare leggermente in futuro, anche se con qualche incertezza (Doherty et al., 2017; Park et al., 2020). Questo perché il cambiamento climatico ha un impatto sulle emissioni dei precursori del PM: il numero e la gravità degli incendi naturali dovrebbe aumentare, così come le emissioni di sale marino. Inoltre, le temperature più elevate aumentano le emissioni di ammoniaca biogenica e agricola (Geels et al., 2015). Inoltre, le reazioni chimiche che portano alla produzione di PM secondario sono intensificate dai cambiamenti di temperatura e umidità (Megaritis et al., 2014). Infine, la diminuzione della velocità del vento, ad esempio prevista per parti della regione mediterranea (Ranasinghe et al., 2021), e la diminuzione delle precipitazioni ridurranno la diluizione e la deposizione di PM, con conseguenti livelli di concentrazione nell'aria più elevati (Doherty et al., 2017).

Ozono a livello del suolo

Nell'ambito del cambiamento climatico, durante l'estate sono previste concentrazioni più elevate di O3 a livello del suolo, con il maggiore aumento previsto per gli scenari più caldi e per l'Europa meridionale e centrale (Fortems-Cheiney et al., 2017; Colette et al., 2015). Si prevede che le concentrazioni di picco aumentino, che è rilevante per gli impatti sulla salute, poiché l'esposizione a breve termine ad alte concentrazioni di ozono a livello del suolo è legata a problemi di salute respiratoria e cardiovascolare (Doherty et al., 2017). Si prevede un aumento dell'11 % della mortalità associata all'ozono a livello del suolo in alcuni paesi dell'Europa centrale e meridionale nel 2050 nell'ambito dello scenario RCP4.5 (Orru et al., 2019).

L'ozono a livello del suolo si forma nell'atmosfera da reazioni fotochimiche di composti organici volatili (VOC) e ossidi di azoto (NOx) in presenza della luce solare. In caso di cambiamenti climatici, è probabile che le emissioni di BVOC aumentino a causa di un maggior numero di giorni caldi; L'aumento deilivelli di CO2 atmosferico può anche influenzare la produzione di BVOC (Fu e Tian, 2019). L'aumento delle concentrazioni globali di metano e le temperature più elevate accelerano anche la produzione di O3. Inoltre, il previsto maggiore afflusso di ozono stratosferico nella troposfera dovrebbe aumentare ulteriormente i livelli di ozono a livello del suolo in tutta Europa (Fortems-Cheiney et al., 2017).

Biossido di azoto

Non ci si aspetta che i livelli di concentrazione2 siano influenzati dai cambiamenti climatici.  

Altri inquinanti atmosferici

Alti livelli di umidità e inondazioni degli edifici possono favorire la crescita delle muffe e aumentare la prevalenza di malattie respiratorie (D'Amato et al., 2020). Inoltre, nelle aree urbane l'inquinamento atmosferico (in particolare livelli elevati di NO2 a lungo termine) può aumentare l'allergenicità del polline (Gisler, 2021; Plaza et al., 2020), la cui concentrazione e stagionalità è influenzata dal cambiamento climatico.

Risposte politiche

Le linee guida globali per la qualità dell'aria rivedute dell'OMS costituiscono una solida base scientifica per prendere decisioni sulla politica dell'aria pulita in tutto il mondo.  Nel quadro del Green Deal europeo, l'Unione europea sta rivedendo le sue direttive sull'aria ambiente per allinearle più strettamente alle nuove linee guida dell'OMS. Le misure di mitigazione per ridurre le emissioni di CO2 hanno spesso un effetto positivo sulle emissioni di inquinanti atmosferici derivanti dal traffico, dalla produzione di energia, dal riscaldamento domestico, ecc., creando una situazione vantaggiosa per tutti.

Le valutazioni della qualità dell'aria, compreso l'impatto sulla salute, sono effettuate annualmente da diverse autorità. I sistemi di previsione e di allarme rapido per l'inquinamento atmosferico, insieme ai consigli medici, possono ridurre i rischi per la salute. Possono anche essere utilizzati dai sistemi sanitari per preparare un maggior numero di pazienti nei reparti di emergenza. I sistemi di previsione e di allarme rapido sono operativi a livello locale e su scala regionale, come ad esempio l' indice europeo di qualità dell'aria dell'AEA. In diversi paesi europei i livelli di concentrazione di ozono sono inclusi nei piani d'azione per la salute del calore.

I progetti scientifici dei cittadini sulla qualità dell'aria forniscono informazioni basate su dati concreti e creano consapevolezza tra i cittadini.

Referenze