Exclusion of liability

This translation is generated by eTranslation, a machine translation tool provided by the European Commission.

Website experience degraded
We are currently facing a technical issue with the website which affects the display of data. The full functionality will be restored as soon as possible. We appreciate your understanding. If you have any questions or issues, please contact EEA Helpdesk (helpdesk@eea.europa.eu).

Inondazioni

Decessi associati alle inondazioni (1980-2020). Fonte: CATDAT di Risklayer GmBH

Fonte: CATDAT di Risklayer GmBH. Il set di dati è stato preparato e reso disponibile nell'ambito dell'accordo a livello di servizio SEE — Commissione europea (RTD) sul "Mainstreaming GEOSS Data Sharing and Management Principles a sostegno dell'ambiente europeo". Vedi i metadati qui.

Problemi di salute

Le inondazioni possono influenzare sia la salute fisica che mentale. Durante le inondazioni, effetti fisici diretti sulla salute includono annegamento, lesioni causate dal contatto con oggetti in acque alluvionali, ipotermia e lesioni elettriche. Secondo i dati CATDAT di Risklayer GMMH, 5172 vite sono state perse in relazione alle inondazioni nei paesi SEE-38 tra il 1980 e il 2020.

Lo straripamento delle acque reflue causate dalle inondazioni aumenta il rischio di malattie infettive, in particolare nei bambini (SEE, 2020). Le inondazioni aumentano il rischio di infezioni virali come norovirus, epatite A e rotavirus; infezioni causate da parassiti Cryptosporidium spp. e Giardia (in misura minore); e infezioni batteriche dovute a Campylobacter spp., E. coli patogeno, Salmonella enterica e, in misura minore, Shigella spp. (ECDC, 2021).

L'acqua stagnante che rimane dopo le inondazioni (ad esempio in scantinati, giardini, parchi, campi agricoli) può creare siti adatti per l'allevamento di zanzare, aumentando il rischio di malattie trasmesse dalle zanzare. Inoltre, il rischio di attacchi di cuore, problemi respiratori e gravidanze inadeguate può aumentare (ECDC, 2021; Paterson et al., 2018).

Gli effetti indiretti degli eventi alluvionali, sia durante che dopo le inondazioni, includono problemi di salute causati dall'interruzione dei trattamenti medici; carico di lavoro fisico associato alla pulizia e alla ricostruzione; carenza di assistenza medica, elettricità o acqua potabile; e problemi con le catene di approvvigionamento di alimenti, elettricità o servizi igienico-sanitari (Paterson et al., 2018). Le acque alluvionali possono causare danni alle proprietà, che possono portare allo spostamento e al sovraffollamento. Vivere in abitazioni colpite da inondazioni può portare a infezioni fungine polmonari e sistemiche (ad esempio da Aspergillusnell'aria e in polvere) e all'esposizione alle micotossine.

Le inondazioni possono anche portare alla perdita di posti di lavoro, alla mancanza di accesso all'assistenza all'infanzia e ai servizi scolastici e all'aumento della violenza domestica (Mason et al., 2021). Fino al 75 % delle persone colpite da inondazioni soffre di problemi di salute mentale: trauma, disagio mentale a breve termine al disturbo da stress post-traumatico (PTSD), ansia, insonnia, psicosi e depressione (Munro et al., 2017; Ufficio regionale dell'OMS per l'Europa, 2013).

Le popolazioni particolarmente vulnerabili agli effetti negativi delle inondazioni includono anziani, bambini, persone con malattie croniche o menomazioni fisiche e donne incinte (Ufficio regionale dell'OMS per l'Europa, 2017). Le persone ospitate in rifugi temporanei sono più inclini ad acquisire problemi di salute a causa della maggiore probabilità di esposizione agli agenti patogeni delle malattie infettive negli alloggi comunali e dell'interruzione della loro regolare fornitura di assistenza sanitaria. I lavoratori dei servizi di emergenza e di ambulanza sono a maggior rischio di malattie trasmesse dall'acqua a causa dell'elevata esposizione professionale, in quanto entrano in contatto con acque alluvionali contaminate, detriti e fango (ECDC, 2021).

Effetti osservati

Secondo il JRC, 172 000 persone in Europa (UE-27 + Regno Unito) sono attualmente esposte a inondazioni fluviali su base annuale (Dottori et al., 2020) e 100 000 sono esposte a inondazioni costiere (Vousdoukaset al., 2020). Un decimo della popolazione urbana europea vive attualmente in aree potenzialmente a rischio di inondazioni (SEE, 2020). Più di un terzo della popolazione europea vive nelle regioni costiere (SEE, 2021c).

Nel periodo 1980-2017, gli eventi alluvionali hanno provocato oltre 4 300 morti nei paesi membri del SEE (SEE, 2021a). Secondo Paprotny et al. (2018), le tendenze alluvionali tra il 1870 e il 2016 mostrano un costante aumento dell'area inondata annualmente e del numero di persone colpite. Tuttavia, il numero di vittime è diminuito in questo periodo, suggerendo un aumento della preparazione dei sistemi di emergenza e di assistenza sanitaria. Tuttavia, le inondazioni estive del 2021 nell'Europa centrale e occidentale con almeno 212 morti documentate sono state l'alluvione più letale in Europa da oltre 50 anni (ECDC, 2021).

Effetti proiettati

È probabile che il rischio di inondazioni sotto il cambiamento climatico aumenti per molte regioni in tutta Europa. Le proiezioni nell'ambito di scenari ad alte e medie emissioni mostrano un'elevata fiducia nell'aumento estremo delle precipitazioni nelle regioni dell'Europa settentrionale, centrale e orientale e nell'area alpina, mentre le proiezioni per l'Europa meridionale sono più contrastanti (IPCC, 2021; SEE, 2021b).

Nell'ambito del cambiamento climatico, alla fine del secolo si prevede che il numero di persone esposte alle inondazioni fluviali annuali in Europa sarà di 252 000 sotto lo scenario del riscaldamento globale di 1,5ºC; 338 000 nello scenario a 2ºC; e 484 000 — più di tre volte i numeri attuali — nello scenario di 3ºC. Tuttavia, con le misure di adattamento, la popolazione esposta può essere limitata a 100 000 o meno in tutti gli scenari di riscaldamento globale (Dottori et al., 2020).

Il livello relativo dei mari europei continuerà a salire per tutto il secolo in tutti gli scenari di emissioni, causando inondazioni costiere più frequenti lungo la maggior parte delle coste europee (SEE, 2021c). Si prevede che fino a 2,2 milioni di persone saranno esposte alle inondazioni costiere entro il 2100 in uno scenario di emissioni elevate e 1,4 milioni in uno scenario di mitigazione moderato, in assenza di ulteriori misure di adattamento. Con le misure di adattamento, questi numeri dovrebbero essere ridotti rispettivamente a 0,8 milioni e 0,6 milioni(Vousdoukas et al., 2020).

L'invecchiamento della popolazione europea, che soffre di malattie croniche e di isolamento sociale, è sempre più vulnerabile ai problemi di salute fisica e mentale associati alle inondazioni. Anche l'aumento dell'urbanizzazione, che comporta lo sviluppo continuo delle pianure alluvionali e l'aumento dell'impermeabilizzazione delle superfici nelle città, contribuirà a una maggiore esposizione degli europei alle inondazioni.

Policia risposte

Le misure per proteggere la salute della popolazione dalle inondazioni possono essere suddivise in quelle relative alla prevenzione, alla preparazione, alla risposta e al recupero (Ufficio regionale dell'OMS per l'Europa, 2017). La prevenzione a lungo termine comprende, tra l'altro, l'identificazione delle aree a rischio di alluvioni, la pianificazione urbana sensibile alle inondazioni con particolare attenzione all'inverdimento urbano e alla permeabilità delle superfici. Altre misure di prevenzione delle alluvioni comprendono la ricollocazione delle attività umane al di fuori delle pianure alluvionali; ammodernamento dei sistemi fognari; e l'uso di infrastrutture di protezione dalle inondazioni come dighe o dighe (SEE, 2020). Esempi di misure di preparazione e di risposta sono sistemi resilienti di approvvigionamento idrico e servizi igienico-sanitari; edifici a prova di inondazione; disponibilità di centri di evacuazione; avere un piano di preparazione all'alluvione-salute in atto. Ciò include piani di emergenza per le strutture sanitarie, che consentono loro di continuare a funzionare per quanto riguarda l'organizzazione del lavoro, la cura dei pazienti, la gestione delle forniture, l'acqua e i servizi igienico-sanitari (Ufficio regionale dell'OMS per l'Europa, 2017).

A livello europeo, l'uso efficace di sistemi di allarme rapido come il sistema europeo di sensibilizzazione alle alluvioni (EFAS), un componente del servizio di gestione delle emergenze di Copernicus (CEMS), può ridurre l'impatto delle inondazioni. Il programma RescEU dell'UE offre un sostegno collaborativo ai paesi in caso di catastrofi (come inondazioni critiche) proteggendo i cittadini e gestendo i rischi.

Le misure di recupero comprendono l'assistenza post-assistenza mentale, le disposizioni per le persone vulnerabili, l'evitare i rischi elettrici durante il recupero e la pulizia e la sorveglianza epidemiologica/igiene/sanitaria.

Referenze

Link per ulteriori informazioni