Exclusion of liability

This translation is generated by eTranslation, a machine translation tool provided by the European Commission.

Website experience degraded
We are currently facing a technical issue with the website which affects the display of data. The full functionality will be restored as soon as possible. We appreciate your understanding. If you have any questions or issues, please contact EEA Helpdesk (helpdesk@eea.europa.eu).

Shigellosi

La shigellosi è una malattia relativamente rara in Europa, che porta a problemi gastrointestinali causati dai batteri Shigella. Tuttavia, è una preoccupazione per la salute di alcuni gruppi di popolazione e in alcuni paesi, anche nel mondo sviluppato. In Europa, un sesto-un terzo dei casi è importato dai viaggiatori (ECDC, 2014-2022). Le infezioni si verificano dopo la deglutizione della contaminazione fecale. La malattia colpisce in particolare i bambini piccoli nei paesi in via di sviluppo e le epidemie sono frequenti in condizioni con scarso approvvigionamento idrico e strutture sanitarie, portando ogni anno a circa 160000 morti in tutto il mondo (Chung The et al., 2021). Tuttavia, la malattia è sottostimata e spesso diagnosticata male. Particolarmente preoccupante è la resistenza multi-farmaco dei batteri Shigella in diverse regioni (Lampel et al., 2018).

 

Fonte & trasmissione

La shigellosi è trasmessa principalmente attraverso la contaminazione fecale da una persona infetta alla bocca di un'altra persona. Le persone infette che non si lavano accuratamente le mani dopo la defecazione possono causare nuove infezioni attraverso il contatto fisico diretto (compreso il contatto sessuale), o indirettamente contaminando cibo o acqua. In Europa, la trasmissione sessuale è una via di infezione comune oggi. I pazienti possono trasmettere la malattia fino a quando i batteri Shigella sono escreti nelle feci, che è generalmente durante l'infezione acuta, ma può continuare fino a 4 settimane o occasionalmente diversi mesi.

Accanto alle infezioni da persona a persona, latte crudo e prodotti lattiero-caseari contaminati o verdure non cotte sono altre vie di trasmissione (Gerba, 2009). Inoltre, le mosche possono trasmettere batteri Shigella dalle latrine al cibo scoperto (Gerba, 2009). Al di fuori del corpo umano, tuttavia, Shigella può sopravvivere solo per un breve periodo di tempo (Niyogi, 2005). Sorprendentemente, la malattia può manifestarsi già a dosi molto basse di meno di dieci cellule batteriche, che è più di diecimila volte inferiore rispetto alla maggior parte delle altre infezioni batteriche (Chung The et al., 2016).

Le epidemie si verificano principalmente in luoghi in cui molte persone sono insieme (come nelle carceri, nelle istituzioni per bambini, nei centri diurni o negli ospedali psichiatrici) soprattutto quando l'igiene personale è scarsa, così come tra gli uomini che fanno sesso con gli uomini (Rebmann, 2009).

 

Effetti sulla salute

Le infezioni da Shigella possono avere sintomi da lievi a gravi, con alcune persone infette che non manifestano nemmeno sintomi. Se sintomatici, i sintomi di solito durano tra 4 e 7 giorni e la maggior parte dei pazienti guarisce senza interventi medici tranne che per una corretta reidratazione. I sintomi si verificano rapidamente, circa uno o tre giorni dopo l'infezione e includono diarrea — spesso con muco e/o sangue, febbre, nausea, crampi allo stomaco e talvolta minzione dolorosa o defecazione. I batteri Shigella possono anche produrre tossine che circolano nel flusso sanguigno di una persona infetta (tossiemia). Nei casi più gravi, le feci possono essere sanguinose e viscere (disenteria) e possono seguire complicazioni, come muscoli intestinali indeboliti (che portano al prolasso rettale), appendicite o un'infiammazione colonica pericolosa per la vita. Inoltre, disidratazione, basso contenuto di sale (iponatremia) o livelli di zucchero (ipoglicemia) nel sangue, infezioni neurologiche (meningite), infiammazione delle ossa (osteomielite), artrite, ascessi nella milza o infezioni vaginali possono derivare da shigellosi. Tra le manifestazioni cliniche più pericolose ci sono convulsioni, danni neurologici o un aumento dei globuli bianchi che imitano la leucemia. Come effetti a lungo termine, i pazienti possono sviluppare una sindrome dell'intestino irritabile, artrite o sindrome uremica emolitica, che colpisce i globuli rossi, i reni e il sistema nervoso (Pacheco & Sperandio, 2012).

Morbilità e mortalità

Nei paesi membri del SEE (esclusa la Svizzera e Türkiye a causa dell'assenza di dati), nel periodo 2007-2021:

  • 69,100 infezioni (ECDC, 2023)
  • 15 decessi e un tasso di mortalità complessivo dello 0,025 %. Tuttavia, i tassi di mortalità variano con il ceppo batterico e le condizioni del paziente e possono salire al 20 % per i pazienti ospedalizzati (Bagamian et al., 2020; Ranjbar et al., 2010).
  • Aumento del trend di incidenza tra il 2015 e il 2019, dopo una diminuzione dei casi segnalati tra il 2007 e il 2014. Nel 2020 il numero di casi segnalati è diminuito drasticamente, il che potrebbe essere dovuto a una carenza di segnalazioni e a una diminuzione dell'esposizione a seguito delle restrizioni di viaggio e sociali e delle misure igieniche associate alla pandemia di COVID-19.
  • Fino al 2019, circa la metà dei casi riguardava i viaggi. La trasmissione avviene principalmente attraverso il cibo, e meno frequentemente dal contatto sessuale e da persona a persona.

(ECDC, 2014-2022)

Distribuzione tra popolazione

  • Fascia d'età con il più alto tasso di malattia in Europa: bambini sotto i 5 anni e uomini di età compresa tra 25 e 44 anni (ECDC, 2014-2022)
  • Gruppi a rischio di un decorso grave della malattia: bambini sotto i 10 anni, persone private di buona assistenza sanitaria o insicurezza alimentare, anziani e persone con un sistema immunitario indebolito (Kotloff et al., 2018; Niyogi, 2005; Launay et al., 2017)

 

Sensibilità climatica

Adattabilità climatica

I batteriShigellacrescono meglio a temperature ambiente tra 21 e 38ºC. L'intervallo di pH ottimale è compreso tra 5,8 e 6,4 (Ghosh et al., 2007).

Stagionalità

In Europa, la maggior parte delle infezioni si verificano a fine estate/autunno (ECDC, 2014-2022).

Impatto sui cambiamenti climatici

L'aumento delle temperature, delle precipitazioni e dell'umidità dell'aria accelerano la riproduzione batterica e aumentano il rischio di acqua contaminata (bevande), che può aumentare i rischi di infezione da shigellosi. Gli studi in Asia suggeriscono che i cambiamenti nelle condizioni climatiche possono alterare il modello di distribuzione geografica dei batteri Shigella e aumentare il rischio di infezione da shigellosi (Song et al., 2018; Chen et al., 2019). Ciò può influenzare indirettamente la popolazione europea in quanto parte delle infezioni da shigellosi in Europa sono legate ai viaggi.

 

Prevenzione e trattamento

Prevenzione

  • Sensibilizzazione sull'efficacia del lavaggio delle mani e dell'igiene generale, in particolare durante i viaggi in regioni con cattive condizioni igieniche o durante la manipolazione degli alimenti
  • Identificazione e chiusura di fonti d'acqua contaminate
  • Isolamento dei pazienti nelle strutture di assistenza per prevenire epidemie
  • I sistemi di sorveglianza consentono l'individuazione delle malattie e le successive misure di risposta per contenere i focolai e ridurre il numero di casi
  • I vaccini sono in fase sperimentale

(Accademie nazionali di scienze, ingegneria e medicina, 2020; Sciuto et al., 2021)

Trattamento

  • Reidratazione, antidiarrea o farmaci che riducono la febbre
  • Gli antibiotici possono ridurre la durata della trasmissione potenziale e della malattia. I ceppi multi-farmaco ed estesamente resistenti sono sempre più problematici per i gruppi ad alto rischio.

(Kotloff et al., 2018; CDC, 2022)

 

Link per ulteriori informazioni

 

Referenze

Bagamian, K. H., et al., 2020, Eterogeneità nelle infezioni enterotossigene Escherichia coli e shigella in bambini sotto i 5 anni di età provenienti da 11 paesi africani: Un approccio subnazionale che quantifica il rischio, la mortalità, la morbilità e l'arresto, The Lancet Global Health 8(1), e101–e112. https://doi.org/10.1016/S2214-109X(19)30456-5

CDC, 2022, Centri per il controllo delle malattie e l'impatto dei cambiamenti climatici, https://www.cdc.gov. Ultimo accesso all'agosto 2022.

Chen, C.-C., et al., 2019, caratteristiche epidemiologiche della shigellosi e fattori climatici associati a Taiwan, Medicina 98(34), e16928. https://doi.org/10.1097/MD.0000000000016928

Chung The, H., et al., 2021, Storia evolutiva e resistenza antimicrobica in Shigella flexneri e Shigella sonnei nel sud-est asiatico, Communications Biology 4(1), 353. https://doi.org/10.1038/s42003-021-01905-9

Chung The, H., et al., 2016, Le firme genomiche dell'evoluzione, dell'adattamento e della diffusione geografica di Shigella, Nature Reviews Microbiology 14(4), 235–250. https://doi.org/10.1038/nrmicro.2016.10

ECDC, 2014-2022, Relazioni epidemiologiche annuali per il periodo 2012-2020 — Shigellosis. Disponibile all'indirizzo https://www.ecdc.europa.eu/en/shigellosis/surveillance-and-disease-data. Ultimo accesso all'agosto 2023.

ECDC, 2023, Atlante di sorveglianza delle malattie infettive. Disponibile all'indirizzo https://atlas.ecdc.europa.eu/public/index.aspx. Ultimo accesso all'agosto 2023.

Gerba, C. P., 2009, agenti patogeni a trasmissione ambientale. In microbiologia ambientale, Academic Press, pp 445-484. https://doi.org/10.1016/B978-0-12-370519-8.00022-5

Ghosh, M., et al., 2007, Prevalenza di Staphylococcus aureus e Shigella spp. In alcune strade grezze vendute alimenti indiani, International Journal of Environmental Health Research 17(2), 151-156. https://doi.org/10.1080/096031207012

Kotloff, K. L., et al., 2018, Shigellosis The Lancet 391(10122), 801-812. https://doi.org/10.1016/S0140-6736(17)33296-8

Lampel, K. A., et al., 2018, Una breve storia di Shigella, EcoSal Plus 8(1), 1-25, https://doi.org/10.1128/ecosalplus.ESP-0006-2017

Launay, O., et al., 2017, profilo di sicurezza e risposte immunologiche di un nuovo vaccino contro Shigella sonnei Amministrato intramuscolare, intratradermally e intranasale: Risultati di due studi clinici di fase 1 paralleli in volontari adulti sani in Europa, EBioMedicine, 22, 164-172. https://doi.org/10.1016/j.ebiom.2017.07.013

Niyogi, S. K., 2005, Shigellosis, The Journal of Microbiology 43(2), 133-143.

Pacheco, A. R., & Sperandio, V., 2012, Shiga tossina in enterohemorrhagic E.coli: Regolamentazione e nuove strategie antivirulenza, Frontiere in Cellular and Infection Microbiology 2, 2235-2988. https://doi.org/10.3389/fcimb.2012.00081

Ranjbar, R., et al., 2010, Fatalità dovuta alla shigellosi con particolare riferimento all'analisi molecolare dei ceppi di Shigella sonnei isolati dai casi fatali, Iranian Journal of Clinical Infectious Diseases 5(1) 36–39.

Rebmann, T., 2009, Spotlight on shigellosis, Nursing 39(9), 59–60. https://doi.org/10.1097/01.NURSE.0000360253.18446.0f

Song, Y. J., et al., 2018, L'influenza epidemiologica dei fattori climatici sui tassi di incidenza della shigellosi in Corea, International Journal of Environmental Research and Public Health 15(10), 2209. https://doi.org/10.3390/ijerph15102209