Home Banca dati Opzioni di adattamento Adeguamento dei piani di siccità e di conservazione delle risorse idriche

Exclusion of liability

This translation is generated by eTranslation, a machine translation tool provided by the European Commission.

Website experience degraded
We are currently facing a technical issue with the website which affects the display of data. The full functionality will be restored as soon as possible. We appreciate your understanding. If you have any questions or issues, please contact EEA Helpdesk (helpdesk@eea.europa.eu).
Adaptation option

Adeguamento dei piani di siccità e di conservazione delle risorse idriche

Lo scopo di un piano di gestione della siccità è quello di ridurre i rischi e quindi gli impatti economici, sociali e ambientali della siccità. I piani di conservazione dell'acqua mirano a limitare il consumo di acqua; ridurre le perdite e gli sprechi d'acqua; migliorare l'efficienza dell'uso dell'acqua, documentare il livello di riciclaggio e riutilizzo dell'acqua, prolungare la vita delle attuali forniture idriche riducendo la domanda di acqua.

Utilizzare in modo più efficiente l'approvvigionamento idrico esistente può ridurre la domanda di acqua, ridurre al minimo gli impatti ambientali e i costi associati allo sviluppo di nuove forniture. I piani di conservazione della siccità e dell'acqua comprendono linee guida e requisiti che disciplinano la conservazione dell'acqua e la contingenza della siccità per i fornitori pubblici di acqua, ma anche attraverso restrizioni sull'uso dell'acqua, regimi di razionamento, tariffe speciali per l'acqua o la riduzione degli usi di basso valore. I DWCP possono diventare misure CCA nella misura in cui sono in grado di includere considerazioni relative ai futuri scenari di cambiamento climatico, con particolare attenzione alla variabilità e agli eventi estremi. Inoltre, poiché l'impatto sociale della siccità è tipicamente la manifestazione di problemi di scarsità d'acqua, i DWCP adattati dovrebbero anche prendere in considerazione le dinamiche socioeconomiche, al fine di considerare come una possibile riduzione delle disponibilità idriche e la siccità possano esacerbare i problemi legati all'aumento della domanda idrica derivante dagli sviluppi demografici ed economici. Gli elementi di base e i contenuti dei piani di conservazione della siccità e dell'acqua (DWCP) sono:

  • caratteristiche generali dei bacini in condizioni di siccità;
  • la storia della siccità nel bacino fluviale;
  • caratteristiche della siccità all'interno del bacino;
  • attuazione del sistema di allerta sulla siccità;
  • programma per la prevenzione e l'attenuazione della siccità legata ai sistemi di indicatori;
  • struttura organizzativa del DWCP (identificazione dell'entità competente, del comitato o del gruppo di lavoro per identificare gli impatti della siccità e proporre la gestione);
  • aggiornamento e follow-up del DWCP;
  • piani specifici per l'approvvigionamento idrico pubblico;
  • gestione prolungata della siccità (se del caso, una sezione dovrebbe essere dedicata alla "siccità prolungata" come previsto all'articolo 4.6 della direttiva quadro sulle acque).

Idealmente, il DWCP dovrebbe contenere obiettivi quantitativi e misurabili in materia di conservazione dell'acqua e una serie di misure per raggiungere tali obiettivi, con priorità in funzione delle loro prestazioni e dei costi di attuazione.

Dettagli aggiuntivi
Informazioni di riferimento

Dettagli sull'adattamento

Categorie IPCC

Istituzionale: politiche e programmi del governo, Istituzionale: legge e regolamenti

Partecipazione degli attori interessatI

Essenziale per un DWCP è l'identificazione delle parti interessate che hanno una partecipazione nell'approvvigionamento idrico, nella pianificazione della siccità e nella conservazione dell'acqua. . Questi gruppi di parti interessate devono essere coinvolti e adeguatamente rappresentati in una fase iniziale dello sviluppo del piano. La partecipazione al processo di pianificazione offre agli stakeholder l'opportunità di sviluppare una comprensione reciproca dei vari punti di vista e di generare soluzioni collaborative.
Sebbene i piani possano (e debbano) essere sviluppati a vari livelli amministrativi (comunali, irrigui, provinciali, regionali) e per diversi settori economici, dovrebbero essere collegati al piano di gestione dei bacini idrografici.

A livello nazionale, il DWCP descrive il quadro normativo, la struttura organizzativa e gli strumenti politici (come le licenze per l'estrazione di acqua e i prezzi), le procedure di dichiarazione di emergenza sulla siccità, gli obiettivi politici di alto livello e le risorse disponibili. I progetti di trasferimento dell'acqua su larga scala sono di solito definiti a questo livello. A livello regionale o idrografico, il DWCP indica fattori e indicatori di siccità regionali, rischio e vulnerabilità di siccità, interventi a lungo termine per ridurre la vulnerabilità della siccità, opzioni di mitigazione del rischio di siccità per settore e livello di gravità della siccità, ripartizione dei compiti tra gli attori regionali, criteri per l'elaborazione di piani di gestione della siccità a livello del sistema di approvvigionamento idrico, regime di cooperazione con l'agenzia di protezione civile, processi per la revisione del piano.

Successo e fattori limitanti

Il fattore di successo è una conoscenza approfondita su:

  • il modello di utilizzo dell'acqua e il contributo al benessere nonché
  • proiezione a medio-lungo termine della variabilità climatica e — dei cambiamenti, e
  • una comprensione sui fattori che influenzano la domanda di acqua nei settori economici ad alta intensità idrica e il consumo di acqua pubblica.

Il fattore limitante è il conflitto tra valori sociali, economici e ambientali quando le risorse idriche sono più scarse. Ciò potrebbe ostacolare la collaborazione durante il processo di pianificazione e implementazione.

Costi e benefici

I costi associati allo sviluppo di un DWCP a livello statale sono stati stimati tra 50.000 e 100,000 EUR. Il vantaggio è che tutti i settori economici possono continuare le attività in modo organizzato, ma con livelli d'acqua ridotti, il che significa che ci sono meno perturbazioni economiche e ambientali.

Il DWCP può far parte dei programmi regionali di protezione delle acque, basati su strumenti normativi e legislativi. I vincoli legali possono includere i diritti dell'acqua, le leggi esistenti in materia di fiducia pubblica, i requisiti per i fornitori pubblici di acqua e le questioni di responsabilità.

Al fine di affrontare la questione della scarsità d'acqua e della siccità nell'UE, la Commissione europea (CE) ha pubblicato una comunicazione dal titolo "Affrontare la sfida della scarsità d'acqua e della siccità nell'Unione europea" (2007). La comunicazione ha elencato una serie di opzioni strategiche, attuabili come azione concertata dell'UE per aumentare l'efficienza idrica e il risparmio idrico e migliorare la preparazione alla siccità e la gestione dei rischi. Gli sforzi dell'Unione europea per la riduzione del rischio di catastrofi si sono intensificati con la comunicazione della CE sulla capacità di risposta alle catastrofi (CE 2008). La presente comunicazione ha evidenziato la necessità di rafforzare la capacità e l'efficacia comunitarie di rispondere alle catastrofi, all'interno e all'esterno dell'UE. A tal fine, la CE ha proposto diversi strumenti tangibili per un migliore coordinamento delle varie politiche, strumenti, servizi e attori dell'UE/comunitari (a livello nazionale, europeo e internazionale). La direttiva quadro europea sulle acque (WFD), il fiore all'occhiello della politica dell'UE in materia di acque, ha riconosciuto la siccità come potenziali minacce che possono annullare gli sforzi volti a conseguire un buono stato ecologico dei corpi idrici comunitari. Tuttavia, l'attenuazione della siccità è l'ultima tra gli obiettivi sostenuti dall'articolo 1 della direttiva e quella meno motivata. La revisione 2012 della direttiva quadro sulle acque è vista da molti come un'opportunità per aumentare l'enfasi sulla scarsità d'acqua e sulla siccità.

Tempo di implementazione

1-5 anni

Durata

Variabile

Informazioni di riferimento

Riferimenti:

Progetto DG ENV ClimWatAdapt, 6º PQ, strategie di mitigazione e adattamento ADAM e progetto della DG CLIMA Strategia di adattamento delle città europee

Pubblicato in Climate-ADAPT Nov 22 2022   -   Aggiornamento più recente in Climate-ADAPT Aug 17 2023

Azioni sul documento