Home Banca dati Casi di studio Una valle verde di Emscher resistente alle inondazioni e al calore, Germania

Exclusion of liability

This translation is generated by eTranslation, a machine translation tool provided by the European Commission.

Website experience degraded
We are currently facing a technical issue with the website which affects the display of data. The full functionality will be restored as soon as possible. We appreciate your understanding. If you have any questions or issues, please contact EEA Helpdesk (helpdesk@eea.europa.eu).
Casi studio

Una valle verde di Emscher resistente alle inondazioni e al calore, Germania

Una valle verde di Emscher resistente alle inondazioni e al calore, Germania

Più di un secolo fa un paesaggio scarsamente popolato di prati d'acqua fu trasformato in un agglomerato industriale, e il fiume Emscher, nella zona della Ruhr, si trasformò in un sistema artificiale di corsi d'acqua aperti. A causa della subsidenza causata dall'estrazione mineraria, era impossibile costruire un sistema fognario sotterraneo. Pertanto, l'Emscher e i suoi affluenti sono stati regolamentati e utilizzati per trasportare le acque reflue insieme all'acqua piovana in superficie. Questo ha reso l'Emscher semplicemente un grande canale di acque reflue aperte. Con il declino dell'industria mineraria, l'industria pesante tradizionale ha lasciato il posto ai servizi e alle industrie high-tech.

Negli anni'90 iniziò il restauro del tratto di 85 km del fiume Emscher, creando gradualmente la Nuova Valle Emscher, tenendo conto anche delle sfide del cambiamento climatico. Questo progetto su larga scala era destinato a guidare lo sviluppo regionale, stimolando il progresso economico, ecologico e sociale nella valle. Ciò è stato ottenuto da un consenso sociale e da una stretta cooperazione tra comuni, imprese e cittadini. Nel 2006, la Emscher Roadmap 2020 comprendente i principi di pianificazione per un nuovo progetto di rivitalizzazione è stata pubblicata dalla Emschergenossenschaft (Cooperative Emscher). Sono state attuate numerose misure di questa tabella di marcia. Le acque reflue sono state incanalate attraverso fognature chiuse e il fiume e i suoi affluenti sono stati trasformati in corsi d'acqua simili alla natura. In fase di sviluppo graduale con l'aiuto di diversi progetti e il ruolo degli enti di pianificazione regionale, la valle comprende spazi verdi rinfrescanti, aree per il controllo delle inondazioni, aree ricreative e una rete che collega diversi habitat. Migliora quindi la qualità della vita nell'area metropolitana della Ruhr anche in condizioni climatiche future. Rafforzando la rete di infrastrutture verdi e cambiando la gestione dell'acqua, la Valle Emscher ha iniziato con successo a migliorare la sua capacità di assorbimento del carbonio, a creare un microclima più favorevole, a ridurre i rischi di alluvione in caso di forti eventi piovosi e a raggiungere un ciclo idrico più equilibrato nei periodi estivi secchi.

 

Descrizione del caso studio

Sfide

Nel corso del20º secolo il fiume Emscher è stato utilizzato principalmente per drenare rapidamente e completamente tutte le acque reflue della zona. Ciò ha portato a fluttuazioni estreme nella quantità di acqua scaricata. A seguito di un acquario, fino a 350 metri cubi al secondo di acqua avrebbe potuto scorrere attraverso l'Emscher, al contrario, durante i periodi asciutti, solo 11 metri cubi al secondo di acqua avrebbero potuto scivolare attraverso questo corso d'acqua inquinato. Considerando le proiezioni sui cambiamenti climatici ci si può aspettare più estremi.

Secondo le proiezioni climatiche a lungo raggio, l'area di Emscher sperimenterà inverni più umidi e moderati, insieme a venti e tempeste estremi più frequenti. Le estati saranno più calde e con eventi ricorrenti di precipitazioni estreme. Questi cambiamenti climatici lasceranno effetti duraturi sulle condizioni socioeconomiche della popolazione, sulla sicurezza, sulla produttività e sulla competitività della regione. Più in dettaglio, per l'area sono attesi le seguenti sfide in materia di cambiamenti climatici (Quirmbach et al., 2012):

  • Aumento degli eventi piovosi estremi: più spesso e più grave. Il cambiamento climatico raddoppierà gli eventi di precipitazioni estreme. I dati del 1961-1990 mostrano eventi piovosi con oltre 40 mm/giorno che si verificano circa 2 volte all'anno. Le proiezioni per eventi simili per gli anni 2021-2050 sono circa 5 volte all'anno e per gli anni 2071-2100 anche più di 5 volte. Le precipitazioni medie annue aumenteranno di circa il 9 % entro il 2050.
  • Aumento della temperatura: giorni più caldi, meno freddi. Negli ultimi 50 anni, la temperatura media dell'aria ha mostrato un aumento di 1ºC. Per il futuro, la temperatura media annuale dovrebbe aumentare di altri 1,6 gradi entro il 2050 e di circa 2,9 gradi entro il 2100. Non solo l'aumento della temperatura media, ma anche gli estremi saranno più comuni con più giorni con temperature superiori ai 30 gradi. Entro il 2050, si prevede che si verifichi il 50 % in più di giorni caldi e entro il 2100 circa il 100 % in più di giorni caldi. Ciò causerà stress da calore, soprattutto per l'invecchiamento della popolazione umana nell'area della Ruhr. Le giornate fredde con gelo e ghiaccio diminuiranno di circa il 50 % entro il 2050 e di circa l'80 % entro il 2100.
  • Impatti sulle acque sotterranee: meno in estate e più in inverno. In estate ci si aspetta che temperature più elevate si traducano in una minore velocità di ricarica delle acque sotterranee. In inverno, con maggiori precipitazioni, il livello delle acque sotterranee dovrebbe aumentare. Ciò aumenterà la possibilità di inondazioni. In particolare, se non verrà attuata una gestione sostenibile delle acque tempeste, le aree a rischio di alluvioni aumenteranno di circa il 20 % nel prossimo futuro.
  • Impatto sugli ecosistemi. I cambiamenti climatici sopra descritti avranno impatti su ecosistemi come corpi idrici, zone umide e boschi. Soprattutto i corpi idrici sono sensibili: i bassi livelli d'acqua in estate aumenteranno il livello di sostanze nutritive e inquinanti, piogge estreme causeranno erosione sulle rive del fiume e una temperatura più elevata ridurrà il livello di ossigeno nell'acqua.
Obiettivi

Per prepararsi alle future condizioni climatiche, la Emschergenossenschaft (Emscher Cooperative), l'associazione di gestione dell'acqua responsabile del fiume Emscher, ha deciso soluzioni flessibili basate sulla natura. La scelta è stata fatta per combinare la canalizzazione delle acque reflue originariamente dirette verso l'Emscher e i suoi affluenti in fognature chiuse, con la rivitalizzazione dei fiumi, con l'obiettivo di rafforzare il ciclo dell'acqua e trarre profitto dal tamponamento dell'acqua e dal raffreddamento fornito dai servizi ecosistemici della natura. In breve, i principali obiettivi di adattamento erano:

  • Per l'estate: creare i corridoi verdi del parco paesaggistico Emscher per il raffreddamento, oltre a creare un sistema idrico resiliente, evitando così l'essiccazione di ruscelli e fiumi.
  • Per l'inverno: aumentare la capacità di ritenzione dei corpi idrici al fine di evitare inondazioni in caso di forti piogge.
Soluzioni

Una soluzione tradizionale in risposta alle esigenze di scarico dell'acqua prevista sarebbe la costruzione di un sistema fognario in grado di far fronte alle variazioni previste della quantità di acqua. Con il progetto di rivitalizzazione Emscher è stato adottato un approccio più transitorio per rafforzare il ciclo dell'acqua convertendo il fiume e i suoi affluenti in corsi d'acqua simili alla natura e facendo incanalare le acque reflue attraverso le fognature chiuse. In fase di sviluppo, la valle comprende già spazi verdi di raffreddamento, aree per il controllo delle inondazioni, aree ricreative e una rete di habitat. Tutte queste misure contribuiscono al miglioramento della qualità della vita nell'area metropolitana della Ruhr. Importanti elementi chiave del progetto Emscher sono stati e sono il ripristino naturale del sistema Emscher, la gestione delle acque reflue con impianti sotterranei del sistema fognario, la considerazione della protezione dalle inondazioni in tutti i progetti e la gestione sostenibile delle acque piovane con ritorno dell'acqua piovana (pulita) nei cicli dell'acqua naturale. Ulteriori elementi sono le iniziative educative intorno alla Valle Emscher e lo sviluppo di preziose aree ricreative.

I corpi idrici simili alla natura hanno una maggiore capacità di tamponare gli eventi meteorologici estremi. In caso di forti piogge, un corpo idrico simile alla natura ha una capacità di ritenzione superiore a quella pesantemente modificata. Le cinture verdi che accompagnano l'Emscher e i suoi affluenti funzionano come corridoi di rifornimento di aria fresca per le dense aree urbane. Le zone umide e le aree per la ritenzione delle acque piovane raffreddano le isole di calore. La qualità della vita delle persone aumenta, lo stress termico è ridotto e le nuove piste ciclabili lungo i corpi idrici offrono possibilità di mobilità sostenibile. L'approccio globale adottato è quello di integrare la gestione delle risorse idriche e la pianificazione urbana per uno sviluppo urbano sensibile all'acqua.

Prima dell'avvio di progetti come dynaklim e Future Cities, ogni attore della regione Emscher ha sviluppato il proprio approccio di adattamento. Ad esempio, le tavole idriche hanno analizzato se la loro gestione sostenibile dell'acqua fosse adatta a far fronte agli impatti attesi dei cambiamenti climatici. Le città hanno valutato il loro parco immobiliare e discusso quali miglioramenti sarebbero necessari in risposta all'effetto dell'isola di calore. Inoltre, l'Associazione regionale Ruhr (Regionalverband Ruhr) ha favorito le sue misurazioni delle temperature urbane. Con il sostegno di questi due progetti è stato sviluppato un approccio intersettoriale, comprendente tutte le parti interessate di diversi settori, quali: gestione delle risorse idriche, pianificazione, costruzione, servizi sanitari e di emergenza. Inoltre, essendo partner del progetto Future Cities, il caso Emscher è stato un esempio per sviluppare strategie per rendere le regioni urbane adatte a far fronte agli impatti attesi dei cambiamenti climatici. Nell'ambito del progetto è stato sviluppato lo strumento congiunto "Future Cities Adaptation Compass" per aiutare le regioni urbane a creare una propria strategia di adattamento. Questo strumento ha favorito un approccio interdisciplinare per raggiungere soluzioni intersettoriali.

Un esempio di un risultato del progetto Future Cities è lo sviluppo sostenibile di due parchi industriali a prova di clima a Bottrop, nella regione di Emscher. Inondazioni flash dopo forti piogge spesso si sono verificate su entrambi i siti. Questa situazione dovrebbe essere intensificata con il cambiamento climatico. La Emschergenossenschaft e il comune di Bottrop hanno concordato una cooperazione per ristrutturare i parchi industriali "Scharnhölzstraße" e "Boytal", combinando in tal modo misure idriche, verdi ed energetiche per renderli resistenti al clima. La "Scharnhölzstraße" è un vecchio sito commerciale con una superficie quasi completamente sigillata. Sul sito, forti piogge tendono a causare problemi e surriscaldarsi durante i periodi di siccità. È stato adottato un approccio combinato per lo spazio pubblico, da un lato, e i locali privati dell'industria, dall'altro. Sono state previste soluzioni decentralizzate per l'acqua piovana (infiltrazione delle acque piovane e uso dell'acqua piovana, uso dell'energia solare e arricchimento della zona verde) per rafforzare l'area per i prossimi eventi climatici.

Sebbene il sistema Emscher sia ora ben preparato, gli eventi di precipitazioni torrenziali possono ancora causare inondazioni di tanto in tanto. Sono stati quindi avviati o previsti altri progetti di conservazione, riqualificazione e adattamento. Ad esempio, nel 2020 la Conferenza della Ruhr ha avviato un nuovo progetto chiamato"Regione resiliente al clima con carisma internazionale" (Regione Klimaresiliente mit internationaler Strahlkraft). Nell'ambito di questo progetto, l'approccio olistico e basato sull'ecosistema applicato nella regione di Emscher sarà esteso all'intera area della regione della Ruhr. Il sistema Ruhr copre un'area di 4,435 km², in cui circa 5,1 milioni di persone vivono in 53 città e comunità. Per l'attuazione delle misure di adattamento, nei prossimi dieci anni saranno disponibili finanziamenti per un volume di circa 250 milioni di euro.

Rilevanza

Case developed and implemented and partially funded as a Climate Change Adaptation measure.

Dettagli aggiuntivi

Partecipazione degli attori interessatI

Il progetto di restauro Emscher è strettamente legato allo sviluppo regionale e ha dato grande importanza alla sensibilizzazione e all'istruzione. La Nuova Valle Emscher si sviluppa attraverso la stretta collaborazione di comuni, imprese e cittadini, coordinata dalla Emschergenossenschaft (Cooperative Emscher).

I due progetti diynaklim e Future Cities hanno fornito un importante contributo al rafforzamento della cooperazione tra i diversi attori. All'interno del primo progetto è stato istituito il gruppo diynaklim. Comprende più di 50 partner di rete: imprese coinvolte nell'economia regionale, nei bacini idrografici, nei comuni, nelle università e nelle strutture di ricerca, nonché nelle iniziative regionali e della società civile. Insieme, hanno elaborato una strategia regionale comune di adattamento ai cambiamenti climatici. La rete di dinaklim ha creato un costante scambio di nuove conoscenze ed esperienze pratiche tra i partner del progetto e con il pubblico. Allo stesso modo, nel corso del progetto Future Cities sono state definite diverse azioni e sono state istituite con l'obiettivo di sostenere la prosecuzione del progetto dopo la fine del progetto. Sono state avviate una serie di iniziative volte a garantire la durabilità dei progetti summenzionati, tra cui anche l'impegno delle parti interessate:

  • Le precedenti riunioni annuali del progetto diynaklim sono proseguite dai partner del progetto DWA (Deutschen Vereinigung für Wasserwirtschaft, Abwasser und Abfalland).
  • Alcune misure sviluppate nell'ambito del progetto dinaklim sono state integrate nel "Piano di protezione del clima" del governo della Renania settentrionale-Vestfalia.
  • La tabella di marcia Emscher 2020 dà diritto alle organizzazioni responsabili del processo di adattamento e stabilisce che tali organizzazioni proseguono le azioni necessarie anche dopo la fine dei progetti.
  • L'uso della bussola di adattamento delle città future nella città di Dortmund comprende un'ampia partecipazione degli stakeholder. Il processo è iniziato con un'analisi delle parti interessate per assicurarsi che nessun attore pertinente sia escluso.

Altre pertinenti attività di partecipazione delle parti interessate sono:

  • In caso di ripristino dei corsi d'acqua del sistema Emscher, i residenti sono coinvolti nella pianificazione e nell'implementazione in un ampio processo di informazione e partecipazione.
  • Per quanto riguarda la gestione sostenibile delle acque tempeste, le persone della regione Emscher sono informate in dettaglio su come possono essere coinvolte, compresa una piattaforma Internet.
  • In particolare per quanto riguarda gli eventi di precipitazioni estreme, è stata avviata una campagna di informazione nell'ambito del progetto Future Cities. La campagna si basa sulla piattaforma Internet.

I bacini idrografici dell'Emscher e dell'adiacente fiume Lippe affrontano sfide simili ai cambiamenti climatici. Le due tavole d'acqua, la Emschergenossenschaft e la Lippeverband, hanno quindi sviluppato insieme misure per la gestione delle acque.

Successo e fattori limitanti

La rivitalizzazione del fiume Emscher e della sua valle è iniziata nel 1992. Dopo molti anni di progettazione e realizzazione, la New Emscher Valley è passata da un ideale puramente immaginato a una realtà che ha ispirato un nuovo sviluppo urbano. L'ammodernamento delle infrastrutture per le acque reflue e la conseguente rivitalizzazione dell'Emscher stanno rendendo il fiume uno spazio prezioso per il tempo libero e il relax nella regione. Le persone possono ora nuovamente sperimentare l'Emscher, che un tempo era inaccessibile al pubblico a causa degli alti livelli di inquinamento. La rivitalizzazione dell'Emscher e lo scarico delle acque reflue nei canali sotterranei hanno liberato nuovi spazi per l'innovazione fuori terra, rendendo la regione di Emscher più attraente. L'innovazione ecologica, sociale e istituzionale è stata combinata per sviluppare questi nuovi spazi. Pertanto, la conversione di Emscher non è solo un progetto tecnologico, ma è anche inquadrata come un fattore determinante per migliorare in particolare la qualità della vita e ottenere impatti economici positivi nell'area della Ruhr.

La costruzione di fogne sotterranee è ancora in corso e dovrebbe essere completata entro il 2022. È importante sottolineare che la valorizzazione ecologica è un processo continuo, che deve quindi essere costantemente sostenuto. Il principale fattore limitante per altri interventi è lo spazio. In una regione densamente popolata come la regione di Emscher con 2.700 persone per chilometro quadrato è molto difficile trovare spazio per un sistema fluviale serpeggiante. Le esigenze in competizione sullo spazio sono molteplici: gli aspetti economici, sociali ed ecologici devono essere valutati l'uno contro l'altro. Inoltre, le autorità pubbliche possono approvare solo piani basati su regolamenti validi.

Costi e benefici

Con un volume di investimenti di 4,5 miliardi di euro e un periodo di progetto di diversi decenni, vale a dire dal 1989 (inizio del Salone Internazionale dell'Edilizia IBA Emscherpark) al 2022 (previsto termine della costruzione delle fogne sotterranee e canalizzati), la conversione Emscher è uno dei più grandi progetti infrastrutturali europei. Investimenti di queste dimensioni hanno un impatto notevole sull'economia di una regione. Attraverso la rivitalizzazione Emscher sono stati creati circa 1.400 posti di lavoro all'anno negli anni dal 1991 al 2020 (cfr. studio del Rheinisch-Westfälisches Institut für Wirtschaftsforschung, novembre 2013). L'importanza del progetto di conversione va ben oltre i suoi effetti diretti sull'occupazione. Il miglioramento della regione Emscher offre una nuova qualità della vita e del lavoro e offre grandi opportunità per migliorare in modo sostenibile l'attrattiva dell'area della Ruhr. Pertanto, può influenzare positivamente le decisioni delle aziende orientate all'innovazione che considerano il trasferimento o l'avvio nella regione. La riuscita conversione di un sistema fluviale di dimensioni così grandi invia anche un segnale positivo per progetti analoghi di gestione delle risorse idriche e di sviluppo urbano su larga scala in tutta Europa.

Considerando le sfide dell'adattamento ai cambiamenti climatici, è difficilmente possibile citare i costi se non fosse stata fatta la scelta per ripristinare l'Emscher, ma per implementare dighe più elevate e fognature più grandi. Oltre a ciò costerebbe una fortuna fornire un sistema di protezione puramente tecnico, questa non sarebbe mai una prova al 100 % considerando che nessuno sa esattamente quanto sarà estremo il prossimo evento piovoso.

La rivitalizzazione Emscher viene pagata attraverso i membri della Emschergenossenschaft, che sono i comuni, l'industria mineraria e i partiti privati. Inoltre, è stato fatto il miglior uso di diversi fondi: dallo Stato federale della Renania settentrionale-Vestfalia, i finanziamenti nazionali per la ricerca come KLIMZUG e i finanziamenti dell'UE come l'obiettivo 2, INTERREG, FP7 e HORIZON2020, LIFE+. Ove possibile, viene accolto favorevolmente il sostegno dei partiti privati, delle imprese locali e delle ONG, come l'Emscherfreunde (Amici dell'Emscher).

Tempo di implementazione

La rivitalizzazione Emscher è iniziata nel 1992. La costruzione di fogne sotterranee dura circa 25 anni e dovrebbe essere completata entro il 2022. La valorizzazione ecologica del fiume Emscher e della sua valle è un processo continuo.

Durata

La rivitalizzazione del fiume Emscher e della sua valle è un processo in corso che dovrebbe essere di lunga durata.

Informazioni di riferimento

Contatto

Emschergenossenschaft / Lippeverband
Office of the board of management

Mario Sommerhäuser, head of office
E-mail: sommerhaeuser.mario@eglv.de

Martina Oldengott
E-mail: oldengott.martina@eglv.de

Andreas Giga
E-mail: giga.andreas@eglv.de 

Riferimento

Emschergenossenschaft / Lippeverband

Pubblicato in Climate-ADAPT Nov 22 2022   -   Aggiornamento più recente in Climate-ADAPT Jan 15 2024


Si prega di contattarci per qualsiasi altra richiesta su questo caso di studio o per condividere un nuovo caso di studio (e -mail climate.adapt@eea.europa.eu )

Azioni sul documento