Home Banca dati Casi di studio Valutare le sfide in materia di adattamento e aumentare la resilienza all'aeroporto di Heathrow

Exclusion of liability

This translation is generated by eTranslation, a machine translation tool provided by the European Commission.

Casi studio

Valutare le sfide in materia di adattamento e aumentare la resilienza all'aeroporto di Heathrow

Valutare le sfide in materia di adattamento e aumentare la resilienza all'aeroporto di Heathrow

Nel 2011, come tutti gli altri grandi fornitori di infrastrutture nel Regno Unito, Heathrow Airport Limited (HAL) è stato chiesto dal governo del Regno Unito di presentare un rapporto di adattamento ai cambiamenti climatici (chiamato anche strategia di adattamento). Il rapporto includeva una matrice di analisi del rischio di adattamento climatico, che è stata monitorata regolarmente da allora. Oltre alla pioggia (e conseguente alluvione) e alla temperatura, la nebbia e il cambiamento delle direzioni del vento sono stati identificati come le condizioni meteorologiche che meritano maggiore attenzione oggi e anche in futuro. Le condizioni meteorologiche non dovrebbero avere un impatto significativo sulle operazioni a breve (2020) e medio (2040) termine; pertanto, una delle conclusioni della relazione di adattamento è che, per quanto riguarda i cambiamenti a breve termine, i piani di resilienza di HAL sono adatti allo scopo. Nel 2013 il governo del Regno Unito ha invitato HAL a presentare una relazione sullo stato di avanzamento, pubblicata nel luglio 2016; conformemente ad essa, sono state attuate tutte le azioni a breve termine previste nel 2011.

Descrizione del caso studio

Sfide

L'elaborazione della relazione di adattamento ha preso in considerazione le attività di proprietà di HAL e ha comportato una valutazione completa del rischio dei rischi connessi al clima per le operazioni dirette e indirette di Heathrow. L'approccio adottato era quantitativo (ove possibile) che comprendeva la modellizzazione del clima, la revisione della letteratura e la concertazione con i partner esterni di HAL. In particolare, la modellizzazione del clima è stata effettuata per due periodi di tempo: il breve termine (ad oggi fino al 2020) e il medio-lungo termine (ossia dal 2020 al 2050) considerando scenari ad alte, medie e basse emissioni. Le principali incertezze individuate riguardano la modellizzazione dei cambiamenti climatici futuri, lo sviluppo futuro delle attività a Heathrow, i rischi indiretti di terzi e i livelli di soglia critici per attività specifiche. La valutazione affronta le incertezze adottando un approccio precauzionale e classificando l'incertezza dei rischi individuati. Nel peggiore dei casi, la valutazione del rischio ha individuato 34 rischi a breve e medio-lungo termine. La principale variabilità climatica rilevante si riferisce ai cambiamenti previsti a lungo termine di temperatura e precipitazioni estreme e alle incertezze nelle condizioni del vento prevalenti in futuro. Queste ultime sono particolarmente preoccupanti, perché le due piste dell'aeroporto sono parallele e non c'è pista a vento incrociato.

Obiettivi

L'obiettivo della relazione di adattamento HAL è quello di rispettare i requisiti del governo del Regno Unito, a seguito della legge sui cambiamenti climatici del 2008. Dalla sua presentazione nel 2011, l'attuazione della strategia di adattamento segue principi di buone pratiche quali: nessun rimpianto, sinergie, principio di precauzione, flessibilità, integrazione, conoscenza, proporzionalità o sostenibilità. Un adeguamento positivo di Heathrow sarebbe misurato dalla capacità dell'aeroporto di continuare a soddisfare le sue funzioni statutarie e le esigenze delle parti interessate e a soddisfare le sue priorità organizzative.

Soluzioni

Nella relazione di adattamento sono state individuate tre categorie di risposte prioritarie all'adattamento: risposte "azione", "preparazione" e "breve di osservazione":

  • Azione: identifica la risposta necessaria a breve termine, sia per gestire i rischi a breve termine (classificati come elevati) sia perché la soluzione ai rischi a lungo termine deve iniziare nel breve termine a causa di lunghi cicli di pianificazione o implementazione.
  • Preparazione: identifica la necessità di ulteriori ricerche e/o sviluppo prima di confermare eventuali azioni di gestione del rischio.
  • Attenzione breve: i rischi sono rilevanti a lungo termine e richiedono un brief continuo per monitorare l'evoluzione scientifica e gli effetti dei cambiamenti climatici.

Le prime due classi sono state consegnate nei primi tre anni (2012-2014). Su richiesta dell'Autorità per l'aviazione civile (CAA), nel 2014 è stato elaborato e presentato un piano di resilienza operativa. I punti chiave relativi alla resilienza operativa sono i seguenti:

  • Disporre di valutazioni dei rischi per l'infrastruttura sotto il suo controllo e per tutti i servizi che offre in aeroporto, con procedure di gestione chiare e piani di comunicazione chiari per porre rimedio e affrontare l'impatto della perdita di infrastrutture o servizi.
  • Il processo dovrebbe includere la diffusione di informazioni ai passeggeri e alcune prestazioni di benessere dei passeggeri se le compagnie aeree sono lente a organizzarlo.
  • Tutti i piani dovrebbero essere sostenuti da solidi modelli di continuità operativa.
  • L'assegnazione della capacità durante le interruzioni dovrebbe essere data la massima attenzione, in quanto gli aeroporti ad alta densità come i ritardi di Heathrow non possono essere facilmente assorbiti.

Heathrow ha implementato una serie di nuove tecnologie e processi al fine di fornire maggiore capacità e aumentare la sua resilienza alle perturbazioni meteorologiche. Queste misure forniscono risposte all'adattamento nell'ambito della classe di "azione" individuata nella relazione di adattamento, che affrontano sfide quali forti eventi piovosi, cambiamenti dei livelli delle acque sotterranee e crescente variabilità delle nevicate:

  • Un modo in cui Heathrow sta mitigando l'impatto dei cambiamenti al vento è attraverso le procedure di separazione basata sul tempo (TBS), che sono state introdotte nel marzo 2015. TBS utilizza i dati del vento in tempo reale per calcolare il tempo di sicurezza ottimale tra gli aeromobili in arrivo, consentendo di ridurre le distanze di separazione per mantenere la velocità di atterraggio. TBS porta ulteriori benefici operativi oltre a fornire la resilienza climatica futura a Heathrow.
  • Nuove regole di separazione del vortice di scia (RECAT-EU). Un'altra misura in esame è la riduzione delle separazioni tra aeromobili (e quindi l'aumento della capacità aeroportuale) in determinate particolari condizioni di vento trasversale, in cui il vortice viene spazzato via.
  • Gestione del flusso dell'aeroporto attraverso il bilanciamento della capacità della domanda (DCB). DCB è in grado di prevedere il comportamento dei voli e gli effetti di qualsiasi azione intrapresa dall'aeroporto per modificare i risultati. In questo modo, la capacità effettiva dell'aeroporto può essere stimata in anticipo con maggiore precisione, tenendo conto delle condizioni attesi di un'ampia gamma di variabili, come i venti globali o le condizioni meteorologiche locali, e le misure di emergenza che l'aeroporto deve adottare. Il flusso del campo d'aviazione viene successivamente gestito tenendo conto di queste condizioni. La DCB dovrebbe essere attuata nel 2018-2019.
  • Modifiche alle procedure a bassa visibilità (LVP) per aumentare la resilienza all'impatto della nebbia attraverso sistemi avanzati di atterraggio strumentale (Eils).
  • Un investimento di 37 milioni di sterline per migliorare la resilienza alla neve (dopo le lezioni apprese nell'evento sulla neve del 2010), tra cui attrezzature aggiuntive, nuovi processi per le previsioni meteorologiche, una migliore struttura di comando e controllo e un piano dettagliato per il benessere dei passeggeri.

Queste misure non solo hanno un effetto nell'aumentare la resilienza alle perturbazioni atmosferiche. Poiché le proiezioni sui cambiamenti climatici per Heathrow suggeriscono una maggiore variabilità in futuro (ad esempio per le piogge e le nevicate), le misure attuate stanno anche aumentando la resilienza climatica a medio e lungo termine all'aeroporto.

La valutazione del rischio di cambiamenti climatici di Heathrow esamina anche come temperature più estreme potrebbero influenzare i marciapiedi aeroportuali in termini di deformazione, capacità portante e durata, anche se il rischio derivante dagli effetti della temperatura estrema è basso nel breve e medio termine. A lungo termine (in 50 anni o più) potrebbero esserci aumenti di temperatura più significativi e la necessità di introdurre materiali alternativi e requisiti prestazionali nella composizione della pavimentazione.

Utilizzando le migliori informazioni disponibili sugli effetti climatici futuri e applicando una valutazione completa del rischio che ha adottato un approccio precauzionale peggiore per i futuri rischi di cambiamento climatico, la relazione di adattamento ha concluso che:

  • Heathrow ha misure di controllo complete e piani di emergenza per la gestione dei rischi legati al clima, e questi sono considerati sufficienti per gestire i rischi dei cambiamenti climatici a breve termine (ad esempio fino al 2020).
  • Non è possibile in questo momento condurre una valutazione dettagliata delle proiezioni climatiche oltre il 2050, poiché questa scala temporale non rientra nei normali cicli di pianificazione aeroportuale e la scienza del clima diventa sempre più incerta a lungo termine.
  • I rischi climatici a breve termine sono prevalentemente bassi e, nei casi in cui i rischi sono più significativi, questi sono già gestiti attraverso i programmi di mitigazione e resilienza esistenti.
  • Supponendo che non cambino le misure di controllo esistenti, si prevede che i rischi associati agli impatti dei cambiamenti climatici a medio e lungo termine peggioreranno.
  • Supponendo che la relazione di adattamento sia attuata e continuamente evoluta, garantirà una gestione adeguata dei rischi residui.
  • Le principali risposte di adattamento individuate nel breve termine si basano generalmente sulle azioni esistenti pianificate dall'impresa.
  • L'attuazione delle azioni di adattamento sarà garantita attraverso una chiara titolarità delle unità aziendali di Heathrow, unitamente all'obbligo di riferire in corso sui progressi compiuti nei consessi di gestione delle prestazioni di alto livello in materia di salute, sicurezza e ambiente (HS &E).
  • La revisione periodica (5 revisioni annuali complete e intermedie) della valutazione del rischio climatico garantirà un aggiornamento continuo della relazione di adattamento in linea con le migliori informazioni disponibili sulla scienza del clima, sulle soglie di rischio e sui cicli di pianificazione delle imprese e delle infrastrutture.

Le azioni a breve termine intraprese finora hanno riguardato principalmente l'attuale variabilità climatica e stanno aprendo la strada a un approccio più globale e a lungo termine alle sfide dei cambiamenti climatici. Dal 2011, l'adattamento ai cambiamenti climatici è stato integrato nei principali strumenti di pianificazione dell'aeroporto. Ciò include il piano aziendale annuale di capitale strategico, che ora sta dedicando una sezione specifica agli investimenti per la resilienza, il sistema di gestione aeroportuale, che segue le linee guida ISO14001:2015, tra cui l'adattamento ai cambiamenti climatici, il piano annuale di resilienza operativa e un processo di rischio aziendale, compresa la revisione periodica dei 34 rischi inizialmente individuati nella relazione di adattamento del 2011.

Rilevanza

Case developed and implemented as a Climate Change Adaptation Measure.

Dettagli aggiuntivi

Partecipazione degli attori interessatI

La preparazione del rapporto di adattamento e la sua attuazione seguono un approccio collaborativo, con la partecipazione di professionisti dei diversi servizi tecnici e delle aziende coinvolte nelle operazioni HAL.

I principali partner esterni e le autorità di regolamentazione consultati attraverso la preparazione della relazione di adattamento comprendevano l'Agenzia per l'ambiente, i servizi nazionali di traffico aereo (NATS), il London Borough of Hillingdon, i Transport for London (TfL), gli operatori di trasporto di superficie e le principali compagnie aeree di Heathrow. Le interdipendenze sono state identificate in cui le azioni degli altri hanno probabilmente un impatto sulla capacità di Heathrow di gestire i propri rischi per il cambiamento climatico. Questi riguardano principalmente la fornitura di servizi chiave, infrastrutture di carburante per aeromobili, servizi di accesso di superficie e infrastrutture e operazioni di compagnie aeree.

Il rapporto HAL sull'adattamento climatico è stato presentato al governo del Regno Unito e pubblicato dopo l'approvazione nel maggio 2011. Le informazioni contenute nel rapporto sono state utilizzate nel piano di adattamento nazionale. A seguito della legge sui cambiamenti climatici del 2008, il governo britannico ha chiesto a HAL e ad altre organizzazioni di presentare un rapporto sullo stato di avanzamento entro il 2016. Tali aggiornamenti dovrebbero alimentare la prossima valutazione nazionale del rischio dei rischi derivanti dai cambiamenti climatici, che dovrebbe essere pubblicata entro il 2017.

Successo e fattori limitanti

Questa preparazione della relazione di adattamento è stata accolta bene in tutto l'aeroporto. I fattori di successo includono il coinvolgimento di professionisti dei vari servizi e aziende coinvolte nelle operazioni HAL; altri fattori di successo sono legati alla disponibilità di scenari di cambiamento climatico ben sviluppati e alla già profonda dipendenza delle operazioni e della gestione delle informazioni meteorologiche. Le azioni individuate offrono un buon parametro di riferimento per monitorare i progressi compiuti nella realizzazione dei risultati.

I principali fattori limitanti sono dovuti all'incertezza nei modelli climatici a lungo termine. Mentre ci sono alcuni punti comuni in termini di ostacoli all'adattamento (cioè l'incertezza scientifica), altri sono molto determinati dalla situazione di un'organizzazione. Per l'aeroporto di Heathrow i principali ostacoli al successo dell'adattamento sono riassunti di seguito:

  • Incertezza scientifica, per quanto riguarda il ritmo e la portata dei cambiamenti climatici e in particolare l'incertezza scientifica che circonda alcune variabili che attualmente non possono essere modellate in modo probabilistico, vale a dire la direzione prevalente del vento.
  • Incertezze finanziarie e vincoli di risorse. L'aeroporto deve bilanciare la necessità di investire nell'adattamento con altre priorità di investimento aziendali. Inoltre, come società regolamentata, il suo rendimento è regolato dall'Autorità per l'aviazione civile (CAA) in cicli di 5 anni che non corrispondono necessariamente alle sfide a lungo termine poste dai cambiamenti climatici.
  • Incertezza per quanto riguarda i futuri sviluppi del settore dell'aviazione: proiezioni della domanda, tendenze delle destinazioni, cambiamenti tecnologici nel settore dell'aviazione e piani di sviluppo futuri nell'aeroporto a medio e lungo termine.
  • Vincoli di spazio. L'impronta di Heathrow è relativamente compatta rispetto ad altri principali aeroporti hub in tutto il mondo. I vincoli di spazio sul sito limitano lo stoccaggio delle forniture in loco e limitano la capacità di HAL di espandere alcune infrastrutture e risorse che migliorerebbero la capacità adattiva all'aeroporto.
  • Limiti di capacità della pista. Heathrow è uno degli aeroporti più congestionati al mondo e la mancanza di capacità inutilizzata significa che, a differenza di molti altri aeroporti britannici o europei, HAL ha pochissimo spazio di manovra quando si verificano interruzioni.
  • Consentire vincoli. Le attività di Heathrow sono vincolate da numerosi vincoli di autorizzazione che riflettono la vicinanza dell'aeroporto alle aree residenziali, vale a dire la quota di volo notturno, l'accordo di Cranford, i limiti della qualità dell'aria e dell'impronta sonora. Alcuni di questi vincoli di autorizzazione possono influire sulle opzioni di adattamento disponibili per l'aeroporto.
  • Interdipendenze. Come padrone di casa di molte altre organizzazioni con sede a Heathrow, HAL è limitato in quanto direttamente può modellare l'adattamento intrapreso da altre organizzazioni. Non tutte le decisioni di adattamento saranno prese internamente da HAL e il gestore aeroportuale sarà influenzato dalla misura in cui gli altri organismi dell'aeroporto scelgono di adattarsi ai cambiamenti climatici. Inoltre, HAL si affida a organizzazioni terze esterne e fuori sede per alcuni dei suoi servizi essenziali, vale a dire carburante, trasporto del personale, energia, acqua potabile e qualora i cambiamenti climatici abbiano un impatto negativo su tali servizi, la capacità di adattamento a Heathrow potrebbe essere compromessa.
  • Altri requisiti legislativi. La risposta di Hal all'adattamento dovrà essere bilanciata con altri requisiti normativi. Tra questi vi è la necessità di mantenere la sicurezza dell'aeroporto e dell'aviazione.
Costi e benefici

Qualsiasi azione di adattamento che segue la strategia deve essere oggetto di un'analisi costi-benefici.

Il quadro giuridico principale di questa revisione è il Climate Change Adaptation Acts (2008), che fornisce un cosiddetto Adaptation Reporting Power al governo del Regno Unito. Sulla base di ciò, il governo ha chiesto a HAL, tra molte altre infrastrutture, di fornire un rapporto di adattamento entro il 2011 e di aggiornarlo regolarmente.

Il Climate Change Act (2008) ha creato un quadro giuridico per aumentare la capacità del Regno Unito di rispondere e adattarsi alle conseguenze dei cambiamenti climatici. Una componente essenziale dell'Atto e dell'adattamento ai cambiamenti climatici (ACC) programma intergovernativo consiste nel presentare al Parlamento europeo le valutazioni dei rischi delle minacce e delle opportunità poste al Regno Unito dagli impatti fisici dei cambiamenti climatici su base quinquennale, con la prima valutazione nazionale del rischio da presentare nel gennaio 2012. Le organizzazioni i cui beni e le cui funzioni sono ritenute di importanza nazionale sono state dirette dal governo a valutare la loro vulnerabilità alle conseguenze dei cambiamenti climatici.

Defra ha identificato gli operatori dell'aeroporto di Heathrow come di particolare importanza nell'adattamento del Regno Unito al cambiamento climatico, a causa della sua importanza per l'economia nazionale e per il trasporto globale di persone e merci. Heathrow (tra gli altri aeroporti strategicamente importanti del Regno Unito) è considerata nell'ambito del programma ACC come un'autorità di segnalazione prioritaria e fa parte della prima tranche di organizzazioni necessarie per contribuire alla valutazione nazionale dei rischi sui cambiamenti climatici.

Tempo di implementazione

La relazione di adattamento viene aggiornata ogni cinque anni. La prima relazione riveduta è stata presentata al governo del Regno Unito nel luglio 2016. Tutte le risposte della categoria "azione" sono state attuate e sono stati intrapresi studi per coloro che rientrano nelle categorie "preparazione" e "breve di osservazione". Il registro dei rischi di adattamento ai cambiamenti climatici di Heathrow è riesaminato regolarmente, valutando lo stato di rischio e identificando i nuovi rischi posti dai cambiamenti climatici. Vi è inoltre una revisione periodica dei progressi compiuti nella scienza dei cambiamenti climatici e nelle nuove informazioni. In particolare, la nuova serie di proiezioni sul cambiamento climatico del Regno Unito (UKCP18) sarà rivista, una volta pubblicate nel 2018.

Durata

La vita dipende dalle azioni specifiche. La revisione della strategia di adattamento è prevista ogni 5 anni.

Informazioni di riferimento

Contatto

Katherine Rolfe
Environment Manager
Heathrow Airport Limited (HAL)
Tel.: + 44 (0)7843 033 285 E-
mail: Katherine_Rolfe@heathrow.com

Riferimento
Heathrow Airport Limited (HAL) and Civil Aviation Authority (CAA)

Pubblicato in Climate-ADAPT Nov 22 2022   -   Aggiornamento più recente in Climate-ADAPT Nov 22 2022


Si prega di contattarci per qualsiasi altra richiesta su questo caso di studio o per condividere un nuovo caso di studio (e -mail climate.adapt@eea.europa.eu )

Azioni sul documento