Home Banca dati Casi di studio Fattore di area biotope di Berlino — Attuazione di orientamenti per il controllo della temperatura e del deflusso

Exclusion of liability

This translation is generated by eTranslation, a machine translation tool provided by the European Commission.

Website experience degraded
We are currently facing a technical issue with the website which affects the display of data. The full functionality will be restored as soon as possible. We appreciate your understanding. If you have any questions or issues, please contact EEA Helpdesk (helpdesk@eea.europa.eu).
Casi studio

Fattore di area biotope di Berlino — Attuazione di orientamenti per il controllo della temperatura e del deflusso

Fattore di area biotope di Berlino — Attuazione di orientamenti per il controllo della temperatura e del deflusso

Nella città interna di Berlino, i piani per lo sviluppo di nuovi edifici sono soggetti al programma paesaggistico di Berlino, che prevede un regolamento che impone di lasciare una parte dell'area come spazio verde: il fattore di area del biotopo (BAF) o BFF (Biotop Flächenfaktor). Tutte le potenziali aree verdi, come cortili, tetti e pareti sono incluse nel BAF. Il regolamento fa parte di una serie più ampia di documenti relativi alla pianificazione e alla progettazione del paesaggio e alla protezione delle specie. Risponde alla necessità di incoraggiare più spazio verde nelle aree urbane densamente edificate.

I cambiamenti climatici dovrebbero aumentare e intensificare le ondate di calore e gli estremi legati all'acqua; due impatti particolarmente rilevanti per il contesto urbano. Incoraggiando l'introduzione di uno spazio più verde, il BAF è un meccanismo importante per ridurre la vulnerabilità locale ai cambiamenti climatici in quanto le sue misure aiutano a ridurre le temperature e migliorare la gestione del deflusso. L'attuazione del BAF è iniziata nel 1994 ed è ancora in corso. Un numero considerevole di nuove aree costruite nel centro della città hanno attuato questo regolamento, traducendolo in aree verdi.

Descrizione del caso studio

Sfide

Il clima di Berlino è temperato, con un significativo effetto isola di calore urbano, che può aumentare la temperatura fino a 4ºC rispetto alle aree circostanti. Mentre c'è molta incertezza circa gli impatti precisi dei cambiamenti climatici sulla città, gli scenari indicano che le temperature saranno più alte, eventi meteorologici estremi come ondate di calore e piogge intense e grandinate saranno più frequenti, l'inquinamento atmosferico aumenterà e ci sarà una carenza d'acqua (quest'ultimo nonostante ampie fonti di acqua dolce in città, a causa di periodi più lunghi e più asciutti senza precipitazioni, aumento del consumo di acqua e la deviazione dell'acqua più a monte). La frequenza delle ondate di calore in particolare dovrebbe aumentare a causa dei cambiamenti climatici, fino a 2 eventi ogni 33 anni nel 2050 e fino a 12 eventi ogni 33 anni entro la fine del secolo nell'ambito del RCP 8.5 (Climate Adapt, Urban Adaptation Map Viewer). Questi cambiamenti climatici dovrebbero avere un impatto negativo sulla popolazione, soprattutto considerando che il centro città di Berlino è caratterizzato da un'alta densità di costruzione. Le aree urbane ad uso intensivo sono influenzate da:

  • Un elevato grado di tenuta del suolo, derivante dall'aumento delle aree edificate e delle superfici impermeabili;
  • Rifornimento inadeguato delle acque sotterranee, a causa del rapido deflusso delle precipitazioni nel sistema fognario;
  • Riscaldamento eccessivo e mancanza di umidità;
  • Una costante diminuzione della biodiversità, dovuta alla limitata estensione dello spazio verde.
Obiettivi

Il BAF contribuisce ai seguenti obiettivi di adattamento e qualità ambientale:

  • Salvaguardare e migliorare il microclima e la qualità dell'aria, riducendo l'effetto dell'isola di calore urbano e riducendo così la vulnerabilità alle ondate di calore;
  • Preservare e migliorare le funzioni del suolo e l'equilibrio idrico, riducendo la vulnerabilità agli eventi di precipitazioni estreme e al relativo deflusso.
  • Creare e migliorare la qualità degli habitat per piante e animali;
  • Migliorare l'ambiente residenziale.
Soluzioni

Il Biotope Area Factor stabilisce che lo sviluppo di nuovi edifici richiede che una parte dell'area venga lasciata come spazio verde. Il BAF fornisce agli sviluppatori, architetti e progettisti linee guida chiare ma flessibili sulla porzione di terreno che deve essere piantato o fornire altre funzioni di spazio verde in termini di: miglioramento del microclima, raffreddamento urbano, drenaggio sostenibile, miglioramento degli habitat naturali e valorizzazione della qualità dell'ambiente residenziale. Le soluzioni specifiche implementate nel BAF includono: i) l'inverdimento degli spazi funzionali (ad es. capannoni per biciclette o bidoni); II) piantare alberi e arbusti o, in zone più piccole, piante rampicanti per creare pareti verdi; III) l'introduzione di tetti verdi; IV) pavimentazione limitata alle vie principali e uso di superfici permeabili altrove.

Queste misure riducono i flussi di radiazioni, forniscono ombra, forniscono un effetto di raffreddamento all'interno degli edifici e all'esterno, migliorano la qualità dell'aria e dell'acqua e migliorano la corretta gestione del deflusso delle acque piovane. lo sviluppatore può decidere quali misure di spazio verde sono applicate e dove, fintanto che viene raggiunto il rapporto di spazio verde richiesto.

La formula BAF calcola la proporzione di un'area che deve essere spazio verde: BAF = Superficie Ecologicamente Efficaci/Area Terrestre Totale. Gli obiettivi BAF dipendono dagli usi specifici di un'area. Le Superficie Ecologicamente Efficaci sono una somma ponderata delle aree appartenenti alle diverse categorie previste nella misura, dove i fattori di ponderazione catturano i diversi "valori ecologici" di queste categorie. Diversi tipi di spazi verdi sono ponderati in modo diverso in base a questi "valore ecologico", che si basano sulla capacità di evapotraspirazione, la permeabilità, la possibilità di immagazzinare l'acqua piovana, il rapporto con il funzionamento del suolo e la fornitura di habitat per piante e animali. Ad esempio, il fattore di ponderazione di una superficie di asfalto sigillato è 0; quello dei tetti verdi estensivi è 0,5; quello delle superfici con vegetazione collegata al suolo sottostante è 1. Le aree residenziali e pubbliche devono raggiungere un obiettivo BAF di 0,6 mentre le aree commerciali, commerciali e amministrative sono richieste per raggiungere un obiettivo inferiore di 0,3.

Dal dicembre 2019, i fattori di ponderazione prescritti per il verde verticale e l'inverdimento del tetto hanno subito i seguenti affinamenti: verde verticale senza collegamento al suolo: 0,7 per m2; inverdimento estensivo del tetto: 0,5 per m2; inverdimento semi-intensivo del tetto: 0,7 per m2; inverdimento intensivo del tetto: 0,8 per m2. Gli sviluppatori possono quindi utilizzare una vasta gamma di opzioni che combinano aree diverse con diversi tipi di superfici per raggiungere lo standard richiesto.

Rilevanza

Case mainly developed and implemented because of other policy objectives, but with significant consideration of Climate Change Adaptation aspects

Dettagli aggiuntivi

Partecipazione degli attori interessatI

Il Biotope Area Factor è stato formulato per i quartieri interni di Berlino da un gran numero di esperti che hanno concordato la necessaria proporzione di aree verdi per diversi tipi di sviluppo, in base alla disposizione degli edifici. La consultazione pubblica è sempre stata considerata molto importante per la pianificazione del paesaggio in Germania. Il programma "Paesaggio" è stato oggetto di un ampio processo di consultazione pubblica nel 1986 nell'ambito di una consultazione mirata "Berlin hat Pläne (Berlino ha piani)". La seconda consultazione pubblica per il programma si è svolta nel 1993, diversi anni dopo la caduta del muro di Berlino, con il piano finalmente approvato nel 1994. Il BAF è stato istituito nei piani del paesaggio come un'ordinanza. Nell'ambito delle procedure di cui sopra, le agenzie pubbliche e le agenzie ambientali potrebbero partecipare al suo sviluppo. Inoltre, era obbligatorio che il procedimento fosse esposto pubblicamente non solo per i residenti della zona particolare, ma anche per tutta Berlino. Sebbene vi fosse una possibilità per le parti interessate di partecipare, esse non sono state affrontate direttamente e, pertanto, il coinvolgimento delle parti interessate variava a seconda dei casi. Le parti interessate partecipanti hanno incluso la comunità locale, la pubblica amministrazione e le ONG ambientaliste.

Successo e fattori limitanti

L'uso delle normative si è dimostrato un mezzo efficace per aumentare la copertura verde nel centro di Berlino, poiché ogni nuovo sviluppo deve rispettare gli obiettivi BAF. La flessibilità dell'approccio offre vantaggi significativi. Gli sviluppatori possono scegliere tra una serie di diverse opzioni per l'inverdimento o la creazione di superfici permeabili e scegliere quelle che sono le più vantaggiose ed efficaci per se stessi e gli utenti dello sviluppo. La collaborazione tra i dipartimenti berlinesi della pianificazione del paesaggio e della pianificazione territoriale ha garantito che i due strumenti di pianificazione centrali per l'attuazione del BAF funzionino in modo coordinato. Un altro fattore che contribuisce chiaramente al suo successo è che le misure contribuiscono visibilmente allo sviluppo di un ambiente migliore nel centro della città.

Il BAF è obbligatorio solo nelle aree in cui sono presenti piani paesaggistici giuridicamente vincolanti (16 % di Berlino in 21 aree distinte). Al di fuori di queste aree, il BAF è volontario e può essere utilizzato come linea guida per incoraggiare misure ambientali da integrare quando vengono proposte modifiche alle strutture edilizie esistenti. Grazie alla sua semplicità e alla crescente consapevolezza dei problemi ambientali, architetti, costruttori e proprietari di immobili tendono a utilizzare il BAF, che è un segno del suo successo. Tuttavia, il fatto che il BAF sia volontario al di fuori delle aree coperte dai piani paesaggistici rende difficile speculare sul suo reale potenziale di attuazione. La discussione con una delle persone di contatto locali ha evidenziato che in alcuni distretti la conservazione della natura ha un valore superiore rispetto ad altri, e quindi alcuni amministratori locali hanno più successo nel convincere i costruttori ad applicarla. A volte i costruttori stessi hanno interesse a rendere il loro progetto "più verde" e più sostenibile. In alcuni distretti, i costruttori devono ottenere l'accettazione dei residenti, e BAF può aiutare. Così, la realizzazione del BAF dipende da molti fattori, principalmente la comunicazione attiva delle agenzie nei distretti e la coscienza ambientale dei residenti.

Costi e benefici

I costi delle misure selezionate sulla base del BAF sono assorbiti dai costi di costruzione. Se i proprietari di edifici si trovano di fronte a spese sproporzionatamente elevate, di norma chiedono una riduzione della BAF che è generalmente approvata. Una valutazione complessiva dei costi non è stata effettuata a causa della carenza di personale.

I benefici osservati finora includono un miglioramento dell'ambiente residenziale e della qualità della vita e un aumento dell'area efficace per mantenere la biodiversità attraverso il ripristino dei cortili interni verdi e dei giardini anteriori. Altri benefici come la ridotta vulnerabilità alle ondate di calore e agli estremi legati all'acqua sono attesi ma non sono ancora stati quantificati.

A Berlino il BAF può essere stabilito principalmente nei Piani Paesaggi come parametro di pianificazione ambientale. Il BAF si applica alle aree in cui sono presenti piani paesaggistici giuridicamente vincolanti. Gli accordi intrinseci giuridicamente vincolanti si trovano nella "Handbuch der Berliner Landschaftspläne" di Berlino (Manuale dei piani del paesaggio di Berlino). Al di fuori di queste aree il BAF è volontario; può essere utilizzato come linea guida per incoraggiare l'integrazione di misure ambientali quando vengono proposte modifiche alle strutture edilizie esistenti.

L'estensione del BAF obbligatorio, sebbene discussa a livello politico, potrebbe non essere possibile per il momento, a causa di ostacoli giuridici e tecnici. In pratica, non esiste alcuna base giuridica per l'imposizione legale della BAF. Più precisamente, l'imposizione del BAF deve essere incorporata all'interno di un piano di zonizzazione e, in tale contesto, l'imposizione è soggetta all'obbligo di non arrecare alcun danno commerciale, il che implica che prevalgano considerazioni economiche. Inoltre, il BAF non può essere impostato per l'intera zona interna della città, perché ogni distretto di Berlino ha una propria autorità di pianificazione. Pertanto, l'effettiva implementazione di BAF varia tra i distretti, a seconda della suscettibilità alle questioni ambientali degli attori interessati e della comunicazione attiva delle agenzie nei distretti.

Tempo di implementazione

L'attuazione del BAF è iniziata nel 1994 ed è ancora in corso.

Durata

Più di 50 anni, a seconda delle azioni specifiche e delle attività di gestione.

Informazioni di riferimento

Contatto

Sabine Kopetzki
Senatsverwaltung für Umwelt, Verkehr und Klimaschutz
Stadt und Freiraumplanung
Am Köllnischen Park 3, 10179 Berlino
E-mail: sabine.kopetzki@senuvk.berlin.de 

Sebastian Hausmann
Senatsverwaltung für Umwelt, Verkehr und Klimaschutz
Abteilung III — Klimaschutz, Naturschutz und Stadtgrün
Stellenzeichen III B 1-4, Raum 222
Am Köllnischen Park 3/10179 Berlino
E-mail: sebastian.hausmann@senuvk.berlin.de 

Riferimento

Green and Blue Space Adaptation for Urban Areas and Eco Towns (GRaBS) and Senatsverwaltung für Umwelt, Verkehr und Klimaschutz (Berlin)

Pubblicato in Climate-ADAPT Nov 22 2022   -   Aggiornamento più recente in Climate-ADAPT Nov 22 2022


Si prega di contattarci per qualsiasi altra richiesta su questo caso di studio o per condividere un nuovo caso di studio (e -mail climate.adapt@eea.europa.eu )

Azioni sul documento