Home Banca dati Casi di studio Responsabilizzare i piccoli comuni rurali attraverso una governance multilivello per l'adattamento nella Renania settentrionale-Vestfalia (Germania)
Website experience degraded
We are currently facing a technical issue with the website which affects the display of data. The full functionality will be restored as soon as possible. We appreciate your understanding. If you have any questions or issues, please contact EEA Helpdesk (helpdesk@eea.europa.eu).
Casi studio

Responsabilizzare i piccoli comuni rurali attraverso una governance multilivello per l'adattamento nella Renania settentrionale-Vestfalia (Germania)

Responsabilizzare i piccoli comuni rurali attraverso una governance multilivello per l'adattamento nella Renania settentrionale-Vestfalia (Germania)

Nella Renania Settentrionale-Vestfalia è stato testato con successo un approccio di governance multilivello all'adattamento, mescolando approcci dal basso verso l'alto e dall'alto verso il basso, stimolando l'attuazione della legge sull'adattamento dello Stato federale e rendendo le regioni rurali meglio preparate ai cambiamenti climatici.

L'obiettivo del progetto Evolving Regions (2019-2023) era quello di consentire alle parti interessate in sette distretti rurali dello Stato federale tedesco della Renania settentrionale-Vestfalia (NRW) di affrontare attivamente gli impatti dei cambiamenti climatici. Un distretto di NRW è un'unità amministrativa regionale. L'area media dei distretti rurali partecipanti al progetto era di 1,270 km² con una densità di popolazione di 276 abitanti/km2 in media.

A tal fine sono stati realizzati processi di dialogo inter-tematici, progettati per la collaborazione di una vasta gamma di attori dell'amministrazione, della politica, della scienza, delle imprese e della società. Queste sono state integrate da analisi dettagliate dell'impatto climatico a livello di distretto e dall'elaborazione di sistemi di monitoraggio facilmente applicabili. Con l'aiuto del metodo Evolving Roadmapping, il complesso e ampio campo di adattamento climatico è stato reso accessibile e sono stati sviluppati concetti pratici per i sette distretti. Un'attenzione particolare è stata rivolta alle sfide e alle esigenze particolari dei piccoli comuni delle regioni rurali e all'integrazione dei diversi livelli amministrativi in un approccio di governance multilivello. Le conoscenze sull'attuazione dei processi di adattamento ai cambiamenti climatici secondo il metodo Evolving Roadmapping e i risultati dei processi sono stati trasmessi ad altre regioni del NRW, in Europa e in Europa e agli attori attraverso diversi formati e prodotti.

Le regioni in evoluzione hanno dato un importante contributo all'adattamento ai cambiamenti climatici nello Stato federale della Renania settentrionale-Vestfalia. Il progetto ha dimostrato che la collaborazione tra i diversi livelli di governance (Stato federale, distretti e comuni) ha contribuito a creare condizioni favorevoli per l'attuazione della legge di adattamento dello Stato federale nei piccoli comuni.

In particolare, il ministero federale dell'ambiente, della natura e dei trasporti dello Stato della Renania settentrionale-Vestfalia (Ministerium für Umwelt, Naturschutz und Verkehr des Landes NRW) ha fornito fondi e sostegno politico, mentre le istituzioni statali federali come l'Agenzia statale per la natura, l'ambiente e la protezione dei consumatori (Landesamt für Natur, Umwelt und Verbraucherschutz Nordrhein-Westfalen, LANUV) hanno fornito conoscenze e competenze ambientali.

Coinvolgendo i sette distretti (circa un quarto dell'area dello stato federale), è stata posta la base per l'adattamento attivo al clima in 100 comuni con quasi 2,4 milioni di abitanti. Questo è stato uno dei motivi per cui il ministro dell'Ambiente dello stato all'epoca ha descritto il progetto come "la bandiera per l'adattamento ai cambiamenti climatici nelle zone rurali della Renania settentrionale-Vestfalia".

Descrizione del caso studio

Sfide

I cambiamenti climatici stanno avvenendo e i suoi effetti sono già visibili. L'aumento della frequenza e dell'intensità degli eventi meteorologici estremi si verifica anche nello stato tedesco della Renania settentrionale-Vestfalia (NRW) (Tholen et al., 2022):

  •  Le ondate di calore estreme hanno infranto i record di temperatura più volte negli ultimi anni. La temperatura più alta mai misurata in Germania (41,2 gradi Celsius) è stata registrata in NRW nell'estate del 2019. 14 delle 20 temperature medie annuali più elevate si trovano negli ultimi 20 anni (DWD 2019; LANUV 2022a).
  • Negli ultimi anni, le forti precipitazioni locali hanno portato a inondazioni in tutto il NRW. Allo stesso tempo, gli importi delle precipitazioni si spostano nel corso dell'anno. Mentre le estati stanno diventando più asciutte, le precipitazioni medie in inverno sono in aumento (LANUV 2022b).
  • A causa dell'aumento della temperatura globale e locale in combinazione con un regime di precipitazioni modificato, anche il numero e l'intensità di siccità e periodi di siccità nel NRW sono aumentati. Gli anni passati sono stati tra i più aridi fino ad oggi(LANUV 2022c).

Poiché si prevede che tutti questi fenomeni si intensificheranno in futuro, sono attesi diversi impatti negativi sulla società. Le ondate di calore causano problemi di salute per gli esseri umani, la fauna selvatica e il bestiame e siccità estreme hanno già portato a fallimenti delle colture e al dieback delle foreste su larga scala in passato. I pericoli di forti precipitazioni sono stati recentemente dimostrati dalle catastrofiche alluvioni nella Germania occidentale nel 2021. Ondate di calore, siccità e inondazioni colpiscono non solo le città e le regioni con un'elevata densità di popolazione, ma anche le zone rurali, chiedendo un adattamento attivo e urgente. Tuttavia, gli attori pubblici e privati nelle città più piccole delle regioni rurali devono affrontare una serie di sfide che possono ostacolare l'adattamento. Ciò vale anche per i comuni dei distretti partecipanti al progetto Evolving Regions:

  • Gli ulteriori sviluppi climatici e le loro conseguenze dirette e indirette sono difficili da prevedere. Pertanto, l'azione di adattamento deve essere sempre attuata in un certo grado di incertezza.
  • In particolare le città e i comuni più piccoli delle zone rurali spesso non dispongono di personale adeguato o di capacità finanziarie. Tuttavia, l'attuazione delle misure di adattamento ai cambiamenti climatici è spesso associata al fabbisogno di risorse corrispondente. Inoltre, le città e i comuni più piccoli delle regioni rurali devono affrontare ulteriori sfide: i cambiamenti strutturali demografici ed economici in atto (invecchiamento della popolazione, perdita di posti di lavoro) nonché un accesso limitato alla mobilità, alla salute o ai servizi di fornitura, aggravati ulteriormente dai cambiamenti climatici.
  • Come sfida per l'intera società, l'adattamento ai cambiamenti climatici richiede la cooperazione di tutti i soggetti interessati al di là dei confini dei comuni e dei settori tematici. In molti casi, tuttavia, ciò non corrisponde alle forme di lavoro e di coordinamento consolidate, soprattutto nella pubblica amministrazione, ma anche oltre.
  • Inoltre, l'adattamento ai cambiamenti climatici (nella migliore delle ipotesi) avviene a tutti i livelli spaziali e amministrativi; dal livello federale, ai singoli stati federali, al livello dei governi distrettuali, a quello dei comuni, alle attività di singoli privati o società. Da un lato, ciò richiede il coordinamento degli obiettivi, delle strategie e delle misure individuali. Richiede inoltre la ripartizione dei compiti e delle responsabilità in modo che le misure possano essere attuate nel modo più efficace ed efficiente possibile. In generale, la sfida risiede nell'integrazione del tema dell'adattamento ai cambiamenti climatici in complessi sistemi di governance multilivello esistenti.

Per affrontare queste sfide, NRW è stato il primo stato federale in Germania ad adottare la propria legge sull'adattamento ai cambiamenti climatici per promuovere l'adattamento attivo ai cambiamenti climatici. Tuttavia, i dati dello Stato federale mostrano che solo il 22 % dei comuni e il 45 % dei distretti hanno finora sviluppato un concetto di adattamento ai cambiamenti climatici (LANUV, 2022d).

Obiettivi

Per un periodo di quattro anni, il progetto LIFE Evolving Regions, guidato dal Centro di ricerca sociale della TU Dortmund University (sfs), ha sostenuto sette distretti dello Stato federale di NRW nell'approccio attivo all'adattamento ai cambiamenti climatici.

Gli obiettivi del progetto comprendevano:

  • Migliorare la resilienza dei distretti partecipanti agli impatti dei cambiamenti climatici,
  • integrare e integrare il tema dell'adattamento ai cambiamenti climatici nei processi di pianificazione comunale e regionale e
  • sostenere gli attori regionali nell'acquisizione delle competenze necessarie per continuare in modo indipendente le attività di adattamento ai cambiamenti climatici oltre la durata di vita del progetto.
Soluzioni

La componente principale del progetto è stata l'implementazione di processi di adattamento climatico collaborativi integrati nei sette distretti partecipanti a NRW, seguendo il metodo Evolving Roadmapping.

L'adattamento efficace ai cambiamenti climatici richiede un quadro di interdisciplinarità, collaborazione, coordinamento e integrazione. L'evoluzione del Roadmapping risponde a questa necessità di integrazione e offre un quadro d'azione pratico per le fasi del processo di adattamento (analisi, pianificazione, attuazione e valutazione).

Il metodo Evolving Roadmapping

Il metodo Evolving Roadmapping comprende le seguenti sei fasi per affrontare il compito complesso e a lungo termine dell'adattamento ai cambiamenti climatici. Una descrizione più dettagliata è disponibile nelle linee guida del progetto delle regioni in evoluzione.

  • Fase 1: Definire il quadro e definire gli obiettivi come impegno per il processo;
  • Fase 2: Analisi della situazione attuale, compresa un'analisi dettagliata degli attori interessati, delle condizioni quadro regionali specifiche e dei cambiamenti climatici, spaziali e sociali attesi  
  • Fase 3: Sviluppare una visione condivisa di un futuro auspicabile e individuare le esigenze regionali di azione;
  • Fase 4:  Sviluppo di strategie generali e creazione di un catalogo di misure su misura per individuare le esigenze di azione. Il lavoro è stato suddiviso in diversi "settori tematici intersettoriali" per poter lavorare con un approccio trasversale. Ad esempio, il settore tematico "paesaggio nel contesto dei cambiamenti climatici" comprende i settori dell'agricoltura, della silvicoltura, della conservazione della natura e della ricreazione;
  • Fase 5: Creazione della tabella di marcia come documento di lavoro concordato, pratico e flessibile per l'uso futuro nell'adattamento ai cambiamenti climatici da parte di tutti gli attori locali/regionali;
  • Fase 6: Monitoraggio per la valutazione dell'attuazione e per consentire un futuro processo di sviluppo orientato.

 

L'applicazione pratica di Evolving Roadmapping

Il metodo Roadmapping è stato applicato nei distretti attraverso l'organizzazione di una serie di workshop, per un periodo di circa un anno e mezzo.

Sulla base di un'analisi delle parti interessate, gli attori, le istituzioni e le organizzazioni più pertinenti per l'adattamento ai cambiamenti climatici sono stati identificati per ciascun distretto e invitati ai seminari. In totale, più di 600 persone sono state coinvolte attivamente nel progetto (circa 90 per regione).

 

Prodotti e impatto di Evolving Roadmapping

In ogni distretto è stata elaborata una tabella di marcia integrata per l'adattamento ai cambiamenti climatici, che comprende:

  • una visione, principi guida o obiettivi per l'adattamento ai cambiamenti climatici,
  • una panoramica degli impatti dei cambiamenti climatici, che illustra l'interazione degli impatti climatici e delle sensibilità spaziali o sociali. Il Dipartimento per la pianificazione territoriale del TU Dortmund (Institut für Raumplanung der Universität Dortmund IRPUD) ha fornito un'analisi dettagliata dell'impatto climatico a livello di distretto, basata su dati disponibili al pubblico dal LANUV,
  • le misure sviluppate in modo collaborativo, comprese le fasi procedurali, le responsabilità e le informazioni sui possibili fattori e ostacoli,
  • informazioni sulla valutazione degli impatti e sul monitoraggio
  • ulteriori esigenze di azione per quanto riguarda un adattamento attivo alle conseguenze dei cambiamenti climatici.

Un esempio di tale tabella di marcia per un distretto è disponibile qui.

I fondi del progetto hanno consentito ai distretti di stabilire una posizione di personale per tutta la durata del progetto per coordinare l'adattamento ai cambiamenti climatici (il cosiddetto "promotore regionale"). Le posizioni dei promotori si trovano principalmente nell'amministrazione dei distretti, per lo più nei settori della pianificazione ambientale o della protezione del clima. I promotori facevano parte di una struttura del personale di nuova costituzione che accompagnava il processo, adattata ai vari quadri di governance regionale.

Inoltre, gli esperti regionali di tutti e sette i distretti sono stati riuniti in una squadra centrale. Il compito di questo team principale era quello di sostenere il processo e moltiplicare i risultati nelle rispettive aree di competenza o di lavoro. Al fine di informare il grande pubblico circa il corso e il contenuto dei processi, i promotori regionali sono stati formati da esperti dei media di ZDF Digital, società finanziata dalla radiodiffusione pubblica federale, nell'utilizzo di varie piattaforme di social media e nella creazione di video. Un gran numero di misure di adattamento verde, grigio e morbido in vari settori tematici sono state raccolte, discusse nei processi regionali e adattate alle condizioni socioeconomiche e dei cambiamenti climatici della regione. Tali misure comprendono: sensibilizzare l'opinione pubblica e i decisori, l'attuazione di misure strutturali e tecniche, l'adeguamento della pianificazione/costruzione/gestione del territorio nonché i programmi di sostegno finanziario/finanziamento.

Una panoramica spaziale aggiornata dettagliata sulla portata dei concetti di adattamento a livello comunale e distrettuale è fornita nell' Atlante interattivo per il clima della Renania Settentrionale Vestfalia (Klimaatlas) dall'Agenzia statale per la natura, l'ambiente e la protezione dei consumatori NRW (LANUV). Le mappe sono regolarmente aggiornate, tenendo conto di eventuali progressi, riflettendo anche i potenziali impatti futuri del progetto Regioni in evoluzione.

Rilevanza

Case developed and implemented as a Climate Change Adaptation Measure.

Dettagli aggiuntivi

Partecipazione degli attori interessatI

L'idea centrale del metodo Evolving Roadmapping è la cooperazione di diversi attori sociali per lo sviluppo congiunto di strategie, obiettivi e misure di adattamento ai cambiamenti climatici. Le misure non sono semplicemente proposte da consulenti esterni, ma elaborate congiuntamente dagli attori regionali. Questo approccio dal basso verso l'alto coinvolge direttamente le persone interessate nell'elaborazione di strategie e misure. Questo approccio garantisce che misure generiche possano essere adattate con precisione alle esigenze regionali e ai quadri di governance. Aumenta anche la titolarità e le possibilità di attuazione, poiché gli attori da coinvolgere sono al tavolo fin dall'inizio. Tuttavia, questo approccio richiede una mappatura adeguata e tempestiva delle parti interessate. Nei workshop, particolare enfasi è stata posta sulla collaborazione ‘a livello degli occhi'. Tutte le opinioni e le idee sono state discusse apertamente, indipendentemente dalla posizione sociale dei rispettivi partecipanti. Poiché gran parte dei processi regionali si è svolta durante la pandemia di COVID-19, quasi tutti gli eventi si sono svolti online. Questi formati sono stati valutati per lo più positivamente dai partecipanti.

I processi sono stati organizzati e moderati dal Centro di ricerca sociale dell'Università TU Dortmund e dall'Istituto tedesco per gli affari urbani (Deutsches Institut für Urbanistik, difu), accompagnati da una varietà di servizi di supporto, forniti da partner di progetto come il Servizio meteorologico tedesco (nazionale) per la sensibilizzazione e la Prognos AG per il monitoraggio dell'avanzamento del progetto.

L'attuazione pratica dell'approccio della tabella di marcia ha comportato la partecipazione di portatori di interessi provenienti da diversi settori di lavoro e da diversi organi politici e a livello amministrativo. Essi includono, ad esempio:

  • amministrazioni distrettuali (compresi i dipartimenti per lo sviluppo regionale, la gestione delle risorse idriche, la protezione civile o la conservazione della natura),
  • città e comuni (compresi i dipartimenti per la pianificazione urbana e territoriale, lo sviluppo imprenditoriale o il turismo),
  • politica distrettuale e comunale,
  • una varietà di organizzazioni senza scopo di lucro e associazioni di imprese,
  • diversi tipi di aziende,
  • istituti di ricerca e di istruzione,
  • attori pubblici e privati dell'agricoltura, della silvicoltura e della conservazione della natura.
Successo e fattori limitanti

L'implementazione di processi di adattamento ai cambiamenti climatici collaborativi e multidisciplinari offre molti vantaggi, ma è anche accompagnata da una certa quantità di tempo e di fatica. Nel corso del progetto sono stati individuati diversi fattori e barriere possibili.

Barriere

  • Lo sviluppo collaborativo di un concetto di adattamento climatico integrato ma anche dettagliato richiedeva tempo e richiedeva tempo ai partecipanti. Tuttavia, poiché tali processi dipendono fortemente dalla conoscenza e dalla partecipazione dei diversi attori, è stato fondamentale mantenere alta la motivazione dei partecipanti. Questo non è sempre stato possibile, ma potrebbe essere supportato da un approccio personale, incentrato sull'evidenziare i benefici individuali e sociali della propria partecipazione.
  • Secondo i partecipanti, la cooperazione attraverso riunioni online e piattaforme di lavoro condivise presentava alcuni svantaggi, ad esempio la perdita di scambi personali. Tuttavia, secondo molti partecipanti, questi svantaggi sono stati compensati da vantaggi, ad esempio risparmi di tempo dovuti all'eliminazione degli sforzi di viaggio o alla possibilità di commentare i risultati intermedi tra due seminari tramite piattaforme online collaborative. Nell'attuare i formati online, sono state prese in considerazione le diverse competenze dei partecipanti e l'accesso è stato reso il più semplice possibile.
  • Diversi obiettivi, opinioni e idee possono portare a conflitti, anche nell'adattamento ai cambiamenti climatici. Per evitare questo, i processi regionali sono iniziati con la definizione di obiettivi condivisi. Diversi punti di vista sono stati sempre discussi durante il processo al fine di trovare una soluzione comune.
  • Non tutti i partecipanti interessati hanno sempre potuto essere reclutati per il processo, il che a volte ha portato a lacune di conoscenze che hanno impedito discussioni più concrete, ad esempio sull'attuazione delle misure. Ciò è stato compensato da un coinvolgimento mirato di attori pertinenti parallelamente ai seminari.
  • Si sono verificate limitate possibilità di agire a livello regionale/locale per alcuni partecipanti e temi, ad esempio per le imprese agricole, dominate principalmente dalla politica agricola comune (PAC) dell'UE. Tali attori non hanno visto opzioni per integrare le loro decisioni in una tabella di marcia regionale o comunale. Comunicare tali esigenze specifiche ai livelli federale, federale e dell'UE sarebbe essenziale per rispondere alle esigenze di adattamento regionale e locale di tali settori.

 

Fattori di successo

  • Le reti preesistenti (come lo sviluppo sostenibile) e gli sforzi di adattamento sono stati una grande risorsa. Legare il processo a strutture e progetti di governance consolidati non solo ha garantito la coerenza, ma ha anche permesso di sfruttare al meglio il know-how esistente.
  • Poiché i processi collaborativi dipendono fortemente dalla partecipazione attiva dei diversi attori, un alto livello di motivazione è di grande valore. Ciò vale soprattutto per le persone con compiti, responsabilità o reti personali pertinenti. Questi potenziali "moltiplicatori" di conoscenze sono stati affrontati attivamente (ad esempio avvicinandoli personalmente) e mantenuti nel processo di adattamento il più vicino possibile.
  • La crescente rilevanza del tema dell'adattamento ai cambiamenti climatici nella politica e nella società è stato un importante fattore trainante. Negli ultimi anni si è registrato un notevole aumento dell'attenzione alle questioni relative alla protezione del clima e all'adattamento. La catastrofe alluvionale nella parte occidentale della Germania nell'estate del 2021, ad esempio, ha dato al tema della prevenzione delle forti precipitazioni una particolare importanza in questi processi regionali. Tali eventi possono essere utilizzati per esaminare criticamente le strutture e i processi esistenti e per sensibilizzare i diversi gruppi (senza diventare allarmisti).
  • La progettazione e l'attuazione dei workshop "a livello degli occhi", ossia consentire a tutti i partecipanti di lavorare insieme a un livello paritario, hanno portato a una maggiore motivazione e alla sospensione (almeno temporanea) dei conflitti esistenti.
  • Al fine di garantire un uso indipendente e continuo al di là del progetto, l'analisi dell'impatto climatico e uno schema di monitoraggio pratico sono stati progettati per ciascun distretto nel modo più pratico e accessibile possibile. Questi servizi sono stati sviluppati in stretta collaborazione con i professionisti.
  • Anche il sostegno politico ha svolto un ruolo importante nei processi di adattamento stimolati dal progetto Regioni in evoluzione. Le tabelle di marcia sono state ufficialmente adottate dai consigli distrettuali, il più alto livello politico di ciascuno dei distretti del Nord Reno Westfalia. Il progetto ha anche ricevuto attenzione nella politica dello stato federale e il sostegno del governo federale attraverso la fornitura di finanziamenti del progetto e garantendo la collaborazione scientifica con l'Agenzia per l'ambiente (LANUV) e altri attori pertinenti nello stato federale di NRW (ad esempio la banca statale federale di finanziamento pubblico, NRW.BANK).

Infine, le conoscenze acquisite nel corso del progetto sono state trasmesse ad altre regioni in Germania, nonché ad altre regioni in Europa e attori, principalmente attraverso la diffusione di relazioni e l'organizzazione di vari eventi e contributi in conferenze internazionali. Sono stati organizzati corsi di formazione per consulenti e dipendenti delle amministrazioni di altri distretti per renderli consapevoli del concetto di Roadmapping del progetto Regione Evoluzione e applicarlo nella loro area di competenza. Questi corsi sono stati condotti congiuntamente dal Centro di ricerca sociale dell'Università TU Dortmund, dal Difu e dal Centro di istruzione per l'industria dell'approvvigionamento e della gestione dei rifiuti (Bildungszentrum für die Ver- und Entsorgungswirtschaft gGmbH, BEW, un'organizzazione senza scopo di lucro, che agisce a livello federale).

Insieme alle parti interessate della regione olandese di West-Overijssel/Ijssel Vechtdelta e all'Università di Twente a Enschede, sono state discusse le caratteristiche comuni e le differenze tra i diversi approcci, al fine di poter formulare raccomandazioni politiche adeguate.

Costi e benefici

Costi

Poiché il progetto si è concentrato sullo sviluppo collaborativo piuttosto che sull'attuazione di misure concrete, le risorse finanziarie del progetto (bilancio totale 2,9 milioni di EUR), provenienti dal programma EU LIFE e dallo Stato federale di NRW, sono state utilizzate per attuare le componenti del progetto. I distretti hanno dovuto versare 1 000 EUR ciascuno per far parte del progetto LIFE.

Inoltre, in quasi tutti i distretti sono state assegnate risorse proprie per stabilire e mantenere le nuove posizioni di personale dei "promotori" di adattamento ai cambiamenti climatici, inizialmente finanziati dal progetto.

Gli attori interessati ad attuare un processo di adattamento secondo il metodo di mappatura della strada in evoluzione dovrebbero aspettarsi costi per l'istituzione di un'unità di coordinamento, l'attuazione di un ampio processo di dialogo, la preparazione di un'analisi dell'impatto climatico e potenzialmente per ulteriori consulenze e servizi esterni (ad esempio per il monitoraggio dei progetti). Nel progetto, tali costi sono stati in gran parte coperti per le regioni partecipanti.

Vantaggi

Distretti e comuni potrebbero trarre molteplici benefici nell'adozione e nell'attuazione del metodo Evolving Roadmapping.

Attraverso l'attuazione di processi integrati e collaborativi di adattamento ai cambiamenti climatici del progetto Evolving Regions, i sette distretti partecipanti sono stati in grado di affrontare attivamente le conseguenze dei cambiamenti climatici. Inoltre, gli attori regionali potrebbero beneficiare dei pertinenti servizi di sostegno forniti dal progetto. L'analisi dettagliata dell'impatto climatico a livello di distretto ha permesso agli attori regionali di comprendere gli impatti concreti dei cambiamenti climatici e di identificare le aree e i settori maggiormente colpiti. Il concetto di monitoraggio orientato alla pratica fornisce un approccio di facile utilizzo per valutare l'impatto di una misura prima dell'attuazione. A tal fine, sono state sviluppate catene di impatto nel senso di logiche di intervento che illustrano gli effetti positivi (e negativi) di una misura. Questi sono stati collegati a indicatori che possono essere utilizzati per monitorare e valutare le misure elencate nella tabella di marcia.

Questi servizi e la rete consolidata hanno permesso agli attori regionali di integrare il tema dell'adattamento ai cambiamenti climatici nel loro lavoro quotidiano e di proseguire in modo indipendente gli sforzi avviati. Questo sviluppo di capacità è un obiettivo elementare del metodo Evolving Roadmapping. In molti distretti, è probabile che la rete di attori creati durante il processo venga utilizzata al di là del progetto, poiché la domanda per la continuazione delle reti create è stata espressa dai partecipanti in tutti i distretti. In alcuni distretti, ad esempio a Minden-Lübbecke, la rete di progetto è stata trasferita a un gruppo di lavoro di recente istituzione sull'adattamento ai cambiamenti climatici, che si riunisce regolarmente. A causa dei risultati positivi e delle esperienze nell'utilizzo di un nuovo progetto, sei dei sette posti di personale finanziati dal progetto per coordinare l'adattamento ai cambiamenti climatici (il cosiddetto "promotore regionale") sono stati definitivamente istituiti dai distretti dopo la fine del progetto.

Inoltre, l'elaborazione di un documento di pianificazione integrata concordato dai portatori di interessi regionali costituisce la base per il futuro adattamento ai cambiamenti climatici nelle regioni.

Nel complesso, i processi sono stati in grado di affrontare direttamente alcune sfide chiave legate all'adattamento ai cambiamenti climatici. In effetti, l'analisi dell'impatto climatico ha ridotto le incertezze sugli impatti attuali e attesi sui cambiamenti climatici e i processi di dialogo hanno consentito agli attori interessati di cooperare oltre i confini tematici e amministrativi. Su questa base, le future attività di adattamento ai cambiamenti climatici possono essere coordinate o combinate più strettamente e le risorse possono essere utilizzate in modo più mirato.

Infine, l'approccio integrativo e collaborativo di Evolving Roadmapping ha permesso di lavorare insieme su diversi temi e quindi di considerare possibili conflitti ma anche sinergie sin dall'inizio del processo.

Fornendo una base per un adattamento attivo e collaborativo agli impatti dei cambiamenti climatici, il progetto Evolving Regions ha contribuito agli obiettivi del Green Deal europeo e agli obiettivi della strategia dell'UE sull'adattamento ai cambiamenti climatici, affrontando nel contempo le priorità della strategia tedesca (nazionale) per l'adattamento ai cambiamenti climatici (BMUV2020) e di quella dello Stato federale di NRW (MKULNV 2015). Nella prima legge tedesca sull'adattamento ai cambiamenti climatici del 2021, lo Stato federale del NRW ha definito i suoi obiettivi per l'adattamento ai cambiamenti climatici. Enuncia quanto segue: "Gli impatti negativi dei cambiamenti climatici devono essere limitati dalle autorità pubbliche responsabili attraverso lo sviluppo e l'attuazione di misure di adattamento specifiche per ciascun campo d'azione e adattate alla rispettiva regione" (paragrafo 3 (1) Klimaanpassungsgesetz NRW, propria traduzione, NRW 2021). La legge sottolinea il ruolo delle autorità pubbliche nell'adottare attivamente misure di adattamento ai cambiamenti climatici e le obbliga a tenere conto delle preoccupazioni in materia di adattamento ai cambiamenti climatici nell'adempimento dei loro compiti.  Sostenendo questo progetto LIFE, il governo dello Stato federale di NRW intendeva fornire un approccio pratico e un'ispirazione comprovata per i comuni e i distretti di NRW per attuare la legge di adattamento.

Tempo di implementazione

La durata del progetto Regioni in evoluzione è stata 2019-2023

I processi regionali sono durati circa un anno e mezzo ciascuno, compresa la preparazione, il dialogo, la fase di lavoro e il processo decisionale politico.

Durata

I risultati del progetto dovrebbero creare cambiamenti a lungo termine o permanenti nei quadri di governance dei distretti, attraverso la creazione di nuove posizioni dedicate al personale e l'avvio di strutture di rete e processi di partecipazione. Dovrebbe consentire l'attuazione di misure di adattamento ai cambiamenti climatici a lungo termine.

Informazioni di riferimento

Contatto

Ministry of the Environment, Nature and Transport of the State of North Rhine-Westphalia

 

Dr.-Ing. Kathrin Prenger-Berninghoff

Referat VIII B 2 Anpassung an den Klimawandel,

Koordinierung Klimaschutz

Ministerium für Umwelt, Naturschutz und Verkehr des Landes NRW

E-Mail:  kathrin.prenger-berninghoff@munv.nrw.de

 

Interactive Climate Atlas (Klimaatlas NRW)

Landesamt für Natur, Umwelt und Verbraucherschutz Nordrhein-Westfalen (LANUV)

Fachbereich 37: Klimaschutz, Klimawandel Koordinierungsstelle

Email: klimaatlas@lanuv.nrw.de 

 

Direct information on the implementation of the Evolving roadmapping approach

Jürgen Schultze

Social Research Centre (sfs)

TU Dortmund University/ Department of Social Sciences (sfs)

Email: juergen.schultze@tu-dortmund.de 

Pubblicato in Climate-ADAPT Oct 06 2023   -   Aggiornamento più recente in Climate-ADAPT Dec 18 2023


Si prega di contattarci per qualsiasi altra richiesta su questo caso di studio o per condividere un nuovo caso di studio (e -mail climate.adapt@eea.europa.eu )

Azioni sul documento