Home Banca dati Opzioni di adattamento Campagne di sensibilizzazione per un cambiamento comportamentale

Exclusion of liability

This translation is generated by eTranslation, a machine translation tool provided by the European Commission.

Website experience degraded
We are currently facing a technical issue with the website which affects the display of data. The full functionality will be restored as soon as possible. We appreciate your understanding. If you have any questions or issues, please contact EEA Helpdesk (helpdesk@eea.europa.eu).
Adaptation option

Campagne di sensibilizzazione per un cambiamento comportamentale

Questa misura comprende azioni che promuovono la consapevolezza delle condizioni alterate nel contesto dei cambiamenti climatici e dell'adattamento. Tuttavia, non tutte le parti interessate sono consapevoli e informate della loro vulnerabilità e delle misure che possono adottare per adattarsi proattivamente ai cambiamenti climatici. La sensibilizzazione è quindi una componente importante del processo di adattamento per gestire gli impatti dei cambiamenti climatici, migliorare la capacità di adattamento e ridurre la vulnerabilità complessiva.

La consapevolezza pubblica è importante per aumentare l'entusiasmo e il sostegno, stimolare l'automobilizzazione e l'azione e mobilitare le conoscenze e le risorse locali. La sensibilizzazione politica è importante in quanto i responsabili politici e i politici sono attori chiave nel processo di adattamento delle politiche. La sensibilizzazione richiede strategie di comunicazione efficace per raggiungere il risultato desiderato. La combinazione di queste strategie di comunicazione per un pubblico mirato per un determinato periodo può essere ampiamente descritta come "campagna di sensibilizzazione". L'obiettivo delle campagne di sensibilizzazione più spesso differisce da un contesto all'altro, ma in genere include una maggiore preoccupazione, l'informazione del pubblico mirato, la creazione di un'immagine positiva e i tentativi di modificarne il comportamento.

Sebbene la sensibilizzazione sia spesso considerata importante nelle prime fasi del processo di adattamento, la ricerca mostra che i livelli di consapevolezza fluttuano nel tempo sotto l'influenza di variabili esterne. Ad esempio, il film di Al Gore "Una scomoda verità" (2006) e il premio Nobel per la pace dell'IPCC hanno un effetto positivo sulla consapevolezza del pubblico, mentre gli inverni freddi 2011/2010 in Europa, gli errori minori dell'IPCC e le e-mail della CRU (Climate Research Unit) hanno influenzato negativamente l'accettazione da parte del pubblico dei cambiamenti climatici e un aumento dello scetticismo pubblico. Pertanto, la sensibilizzazione non è importante solo nelle prime fasi del processo, ma è parte integrante di tutto il processo per mantenere e aumentare il livello generale di consapevolezza.

Le campagne di sensibilizzazione possono rivolgersi a gruppi di persone in una regione colpita da una particolare minaccia climatica, a gruppi di parti interessate, al grande pubblico, ecc. La sensibilizzazione riguarda la conoscenza di individui e organizzazioni. Esso mira a garantire che tutti gli organismi regionali e subregionali pertinenti comprendano gli impatti e adottino misure per rispondere a determinati impatti climatici. Tuttavia, possono anche concentrarsi su un certo impatto che è considerato il più tremendo, ad esempio i Paesi Bassi "Live with Water". Tali campagne sono per lo più considerate efficaci se vengono serviti diversi modi di comunicazione: diffusione di materiale stampato; organizzazione di riunioni pubbliche e di formazione; consulenza professionale; comunicazione e informazione attraverso i social e i mass media; utilizzo di reti informali per la diffusione delle informazioni. Può essere combinato con la creazione di team di autoprotezione della comunità che promuovono l'autosufficienza tra i residenti e le imprese per ridurre al minimo il rischio per la sicurezza personale e danni alla proprietà, ad esempio durante un evento di alluvione.

Ci sono varie forme di media attraverso le quali il messaggio può essere comunicato, ad esempio attraverso la televisione, internet e giornali. Inoltre, sono stati sviluppati diversi strumenti per aumentare la consapevolezza dei decisori (vedi ad esempio gli strumenti online sul sito webUKCIP) e la sensibilizzazione del pubblico (cfr. ad esempio i giochi da tavolo "Keep it Cool", "Ludo" e "Clim-ATIC").

Le grandi campagne di sensibilizzazione sui cambiamenti climatici sono spesso una miscela di misure di mitigazione, efficienza energetica e sostenibilità piuttosto che misure di adattamento. Ad esempio, la campagna You Control Climate Change (2006) della Commissione europea mira a informare le persone sui cambiamenti climatici, avviare dialoghi proattivi e mira a (piccoli) cambiamenti comportamentali senza influenzare la vita quotidiana degli individui dando loro un senso di empowerment e responsabilità personale. Il pubblico mirato sono in particolare le persone che sono "a volte attive" nelle questioni ambientali (42 % dei cittadini dell'UE). La strategia della Commissione è stata quella di affrontare lo scetticismo di questo gruppo mirato riducendovi lo scetticismo e convincendoli che le azioni individuali valgono e possono portare a grandi contributi per ridurre i cambiamenti climatici. Per raggiungere questo obiettivo, l'UE ha investito pesantemente in strumenti quali pubblicità, sito web, mostre, relazioni con i media, eventi e programmi scolastici sia a livello europeo che nazionale. Inoltre, l'UE ha finanziato campagne nazionali di sensibilizzazione nei suoi Stati membri. Nel 2 008 l'UE ha compiuto ulteriori sforzi per l'Ungheria, la Polonia, la Repubblica ceca, la Romania e la Bulgaria, dove non sono ancora state attuate campagne di sensibilizzazione nazionali.

Dettagli aggiuntivi
Informazioni di riferimento

Dettagli sull'adattamento

Categorie IPCC

Sociale: comportamentale, Sociale: opzioni educative

Partecipazione degli attori interessatI

L'adattamento ai cambiamenti climatici richiede gli sforzi congiunti di individui, imprese, industrie, governi e altri attori che si trovano di fronte agli impatti dei cambiamenti climatici. Le campagne di sensibilizzazione sono spesso più efficaci se le parti interessate o le ONG ambientali sono coinvolte nello sviluppo e nel ruolo fuori dalla strategia. Spesso conoscono meglio i "loro" clienti e il modo migliore per comunicare con loro. Includerli spesso aumenta anche la credibilità della campagna e offre un'opzione per la leva finanziaria.

Successo e fattori limitanti

In generale, le famiglie spesso non sono consapevoli degli impatti dei cambiamenti climatici e delle possibilità di adattamento. Ulteriori costi sconosciuti delle misure e l'efficacia sconosciuta delle misure rappresentano un ostacolo all'adattamento. La campagna di sensibilizzazione può superare questi problemi. I punti chiave per il successo sono:

  • le priorità per la definizione del pubblico di riferimento devono essere valutate comprendendo chi è più vulnerabile e chi ha maggiori probabilità di guadagno;
  • messaggi chiari per attirare l'attenzione del bersaglio;
  • i messaggi dovrebbero essere una giustificazione convincente per la motivazione personale;
  • i messaggi devono essere comunicati nella lingua che il pubblico comprende;
  • i messaggi dovrebbero concentrarsi su ciò che si può ottenere o su ciò che potrebbe essere perso se l'adattamento non avviene;
  • i messaggi dovrebbero essere molto precisi su ciò che l'individuo può fare per ridurre tale rischio specifico;
  • i messaggi dovrebbero mantenere la titolarità e la responsabilità a tutti i livelli;
  • la strategia di comunicazione dovrebbe essere adattata al pubblico mirato (ad esempio i giovani via Internet);
  • il modello di campagna e le modalità di comunicazione dovrebbero essere selezionati con attenzione per mantenere il messaggio fresco e interessante.

Costi e benefici

L'aumento della consapevolezza è un compito complesso con risultati difficili da prevedere. Sebbene sia molto difficile misurare l'efficacia delle campagne di sensibilizzazione in quanto vi sono pochi indicatori di risultato, le indagini qualitative e quantitative spesso condotte possono fornire informazioni preziose. Un sondaggio del 2011 tra individui di 12 paesi dell'UE ha mostrato che in media il 49 % si è sentito informato sulle cause dei cambiamenti climatici (n=13091), che è del 6 % in meno rispetto alla stessa indagine del 2009, a causa di un aumento del numero di persone che hanno affermato di sentirsi "per niente informate" (dal 9 % al 15 %). Meno della metà degli intervistati (46 %) si è sentita informata sui modi per affrontare i cambiamenti climatici (compreso l'adattamento), che è del 5 % in meno rispetto alla stessa indagine nel 2009. La relazione conclude che "in generale, si può osservare una diminuzione del livello di consapevolezza autopercepita sui cambiamenti climatici tra i rispondenti
dei 12 Stati membri intervistati".

Le opzioni di auto-aiuto aiutano a creare comunità resilienti. I leader regionali e locali sono generalmente più credibili degli equivalenti nazionali. L'opzione può essere efficiente, con conseguente riduzione dei danni alla proprietà a costi di investimento relativamente bassi.

Nel 2013 è stata adottata la strategia di adattamento dell'UE. La sensibilizzazione e l'integrazione dell'adattamento sono considerati elementi importanti di questa strategia.

Tempo di implementazione

1-5 anni

Durata

Informazioni di riferimento

Riferimenti:
Progetto della DG ENV "WatAdapt abd FP6", progetto ADAM Mitigation and Adaptation Strategies.

Pubblicato in Climate-ADAPT Nov 22 2022   -   Aggiornamento più recente in Climate-ADAPT Aug 17 2023

Azioni sul documento