Home Banca dati Casi di studio Misure di ritenzione naturale delle acque nella zona di Altovicentino (Italia)

Exclusion of liability

This translation is generated by eTranslation, a machine translation tool provided by the European Commission.

Website experience degraded
We are currently facing a technical issue with the website which affects the display of data. The full functionality will be restored as soon as possible. We appreciate your understanding. If you have any questions or issues, please contact EEA Helpdesk (helpdesk@eea.europa.eu).
Casi studio

Misure di ritenzione naturale delle acque nella zona di Altovicentino (Italia)

Misure di ritenzione naturale delle acque nella zona di Altovicentino (Italia)

Il 91 % dei comuni italiani è attualmente a rischio di inondazioni fluviali e pluviali, un aumento significativo rispetto al 2015, quando l'88 % dei comuni era a rischio (ISPRA, 2018). Queste già fragili condizioni idrogeologiche sono aggravate dal crescente consumo di suolo, che si verifica più nel Nord Italia che nel resto del paese. Gli effetti correlati sono evidenti in Veneto (Italia), dove inondazioni, frane e fenomeni erosivi hanno profondamente colpito la regione negli ultimi anni. L'area Altovicentino non fa eccezione in questo senso, con eventi alluvionali che si sono verificati con crescente frequenza e intensità negli ultimi decenni e che dovrebbero continuare in futuro.

In questo contesto, due comuni dell'area Altovicentino, Santorso e Marano Vicentino, hanno deciso di promuovere la diffusione delle misure di conservazione delle acque naturali (NWRM) per aumentare la resilienza del territorio alle inondazioni. Nell'ambito del progetto BEWARE "Better Water Management for Advancing Resilient-communities in Europe" finanziato da LIFE, i due comuni (in collaborazione con i partner del progetto: TESAF — Università di Padova, Consorzio di Bonifica Alta Pianura Veneta, ALDA, Veneto Agricoltura) hanno realizzato sette interventi tra cui NWRM. Il catalogo disponibile attraverso la piattaforma NWRM è stato utilizzato per identificare le misure finalmente progettate e implementate. Cinque interventi sono collocati a Santorso e due si trovano a Marano Vicentino. Gli interventi mirano a risolvere i problemi idraulici esistenti e a prevenire quelli futuri dovuti ai cambiamenti climatici. Sono anche utilizzati come esempi virtuosi in un processo partecipativo in corso che promuove il trasferimento di conoscenze e l'implementazione di NWRM in tutta l'area Altovicentino.

Descrizione del caso studio

Sfide

Inondazioni, frane e fenomeni erosivi hanno colpito profondamente la regione Veneto negli ultimi anni e, secondo le proiezioni sui cambiamenti climatici, tali eventi probabilmente si verificheranno sempre più intensamente.

L'area di Altovicentino è stata colpita da diversi eventi alluvionali negli ultimi anni, tra cui inondazioni localizzate nelle aree urbane a causa di precipitazioni ad alta intensità, e traboccamenti fluviali. Tra questi ultimi, gli episodi più catastrofici si sono verificati nel 1966, 1982 e più recentemente nel 2010, tra il 30ottobre eil 2 novembre. Durante l'alluvione del 2010 sono cadute forti piogge nella fascia montana inferiore tra le province di Verona e Vicenza in concomitanza con altre condizioni atmosferiche negative (aumento delle temperature che sciolgono la neve e i venti meridionali contrastanti con il regolare deflusso dell'acqua). Di conseguenza, 140 chilometri quadrati sono stati allagati, colpendo 130 comuni e circa 500.000 cittadini. Inoltre, 3 persone e più di 150.000 animali sono morti e i danni sono stati stimati a 429 milioni di euro. Altri eventi significativi, anche se meno intensi, si sono verificati nella stessa area nel 2011, 2012, 2013 e 2014.

Si prevede che i cambiamenti climatici aumenteranno la frequenza degli intensi eventi piovosi e del relativo rischio di inondazioni in molte regioni d'Europa, compresa l'Italia settentrionale. Il rischio di alluvioni è aggravato dal crescente utilizzo del suolo e dalla sua progressiva tenuta impermeabilizzante, che compromette l'efficacia del sistema di infiltrazione naturale dell'acqua. In Italia, la rapida urbanizzazione unita all'elevata vulnerabilità del territorio italiano (a causa degli aspetti climatici e delle condizioni geomorfologiche) ha causato un significativo aumento degli elementi esposti a rischio idrometeorologico. L'Istituto Italiano per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) evidenzia che il 22,5 % della superficie nazionale (68,038 km2) è a rischio di inondazioni, mettendo in pericolo circa 16 milioni di persone. In alcune regioni (ad esempio Lombardia e Veneto) la percentuale di consumo di suolo è aumentata drasticamente: le aree urbanizzate occupavano circa il 2-3 % della superficie regionale totale negli anni Cinquanta del secolo scorso, mentre ora coprono più del 10 %. Pertanto, in Veneto, sia il cambiamento climatico che l'uso del suolo stanno contribuendo a un aumento significativo delle inondazioni di breve durata e ad un aumento del numero di località allagate (Sofia et al., 2017).

Allo stesso tempo, le comunità locali sono impreparate a eventi simili e ancora incapaci di anticipare e mitigare i loro effetti. In Veneto sono state avviate solo alcune iniziative per migliorare la ritenzione idrica dei suoli in aree pubbliche e private. In effetti, la maggior parte degli sforzi sono stati dedicati alla realizzazione di opere idrauliche ad alto costo (rinforzo delle sponde fluviali e creazione di bacini di trattenimento), che possono certamente rivelarsi efficaci nell'evitare le inondazioni bersaglio/progettuali e i relativi danni, ma non forniscono i molteplici benefici delle misure naturali di ritenzione idrica.

Obiettivi

Il progetto BEWARE mira a sviluppare capacità di adattamento alle inondazioni urbane e rurali, attraverso il coinvolgimento delle comunità locali. Il progetto si basa sulla convinzione che l'uso diffuso di piccole e convenienti misure idrauliche basate sulla natura per infiltrarsi e immagazzinare l'acqua piovana possa generare risultati idrologici ancora più significativi rispetto ai grandi progetti di ingegneria. Sulla base di questa premessa, BEWARE adotta un approccio multilivello per migliorare la sicurezza idraulica e diffondere buone pratiche sulla gestione delle acque piovane promuovendo e facilitando l'adozione di NWRM. Questo obiettivo principale è perseguito attraverso:

  • Attuazione di NWRM per aumentare la capacità di infiltrazione e stoccaggio dell'acqua e ridurre il rischio di alluvioni nelle aree urbane (comuni di Santorso e Marano Vicentino) nonché per mitigare i problemi di alluvioni e siccità di alcune aree agricole (Marano Vicentino). Queste misure hanno sia scopi tecnici che dimostrativi.
  • Attivare un processo partecipativo che coinvolga tutte le principali parti interessate per individuare azioni condivise e promuovere l'impegno dei cittadini a ridurre il rischio di alluvioni nell'area Altovicentino.
  • Promuovere un quadro normativo e competenze tecniche specifiche che facilitino l'uso diffuso di NWRM.
Soluzioni

Gli NWRM sono stati attuati in cinque aree specifiche del comune di Santorso:

  • Al fine di migliorare il drenaggio delle acque piovane e mitigare gli episodi di allagamento delle acque superficiali che si verificano nella parte meridionale di un parcheggio di Piazzale della Libertà, sono stati realizzati i seguenti interventi: (1) un giardino pluviale nell'area verde situata nella parte meridionale del parcheggio e (2) una bioretention sottosuolo nella zona verde situata nel lato orientale del parcheggio.
  • Il secondo intervento si trova lungo la Collina Del Grumo, collina di Santorso. Il deflusso di acque superficiali che scorre lungo il lato nord della collina si accumula in una zona residenziale situata ai piedi della collina. Durante gli eventi piovosi ad alta intensità, sono stati documentati episodi di inondazioni in alcune delle case situate in questa zona. Per ridurre la vulnerabilità a tali eventi, sono stati costruiti tre NWRM: (1) uno swale che intercetta il deflusso superficiale dell'acqua che scorre lungo il lato settentrionale della collina; (2) una fascine viva (lunga circa 15 m) con un tubo nascosto per trasportare l'acqua intercettata lungo la parte più ripida del versante collinare (a causa della natura del terreno, altra soluzione per il trasporto dell'acqua basata sull'infiltrazione non poteva essere attuata localmente); (3) Un'area di bioritenzione che consente l'accumulo e l'infiltrazione dell'acqua.
  • Il terzo intervento mira a migliorare la gestione del deflusso idrico superficiale durante intense precipitazioni ed evitando eventi di alluvione in una nuova area residenziale di Via Volti. La misura consiste in un bacino di detenzione: L'acqua superficiale che scorre lungo Via Volti viene raccolta da una fogna dotata di pompe che portano l'acqua in un bacino di trattenimento. Il bacino di detenzione è diviso in tre sottobacini; il primo ad essere sempre lasciato inondato. Intorno al bacino è stata creata un'area ricreativa verde.
  • Il quarto intervento è stato realizzato nella zona residenziale privata di Corte Acquasaliente. Si compone di due sistemi di raccolta dell'acqua piovana, che accumulano 2 000 l di acqua scaricata dai tetti di due case, e di due pozzi asciutti che consentono l'infiltrazione del deflusso d'acqua proveniente da una strada privata. Il NWRM è stato costruito per ridurre il rischio di inondazioni di alcune case al piano terra durante intensi eventi piovosi.
  • Infine, il quinto intervento avviene nel parcheggio del nuovo cimitero del comune di Santorso. Come gli altri, mira a mitigare gli eventi di allagamento delle acque superficiali documentati negli ultimi anni. Nello specifico, sono stati costruiti i seguenti NWRM: (1) due giardini pluviali, uno in ciascuna delle due aree verdi situate nella parte sud-occidentale del parcheggio, (2) una trincea di infiltrazione nella parte settentrionale del parcheggio e (3) una pavimentazione porosa ancora nella parte settentrionale del parcheggio, vicino alla trincea di infiltrazione.

Altri due interventi si svolgono nel territorio di Marano Vicentino. Uno è stato realizzato in un complesso scolastico. L'intervento mira a migliorare la gestione del deflusso piovoso che interessa la parte settentrionale dell'area ricreativa della scuola elementare e la parte occidentale della scuola secondaria vicina. In questo contesto, sono stati costruiti i seguenti NWRM: (1) due giardini pluviali, rispettivamente nell'area ricreativa delle scuole secondarie e elementari, (2) una pavimentazione altamente porosa nell'area ricreativa della scuola elementare, (3) una fascia alberata vicino alla pavimentazione porosa e (4) una piantatrice di acque piovane sotto una grondaia della scuola secondaria.

Il secondo intervento consiste in un bacino di detenzione in grado di immagazzinare 2.500 metri cubi di acqua. È stato implementato nella zona agricola della località di Giavenale con un duplice scopo: trattenere l'acqua al fine di mitigare il rischio idraulico di una porzione del territorio di Marano Vicentino, e garantire, anche nei periodi asciutti, la disponibilità di risorse idriche per l'agricoltura. Il bacino è circondato da vegetazione al fine di aumentare la biodiversità dell'area e creare un habitat per diverse specie animali.

Rilevanza

Case developed and implemented and partially funded as a Climate Change Adaptation measure.

Dettagli aggiuntivi

Partecipazione degli attori interessatI

Attenzione e relativi NWRM sono attuati attraverso un approccio partecipativo che coinvolge attivamente le parti interessate locali; a tal fine, sono state coinvolte le seguenti parti interessate:

  • I cittadini sono considerati attori importanti per diffondere in modo proattivo l'adozione di azioni su piccola scala volte a migliorare collettivamente la resilienza idraulica di un territorio.
  • Gli amministratori e i tecnici comunali locali svolgono un ruolo chiave nella progettazione e nell'attuazione di misure di adattamento concrete. In questa prospettiva, il progetto prevede una serie di azioni volte a migliorare la governance locale in materia di resilienza idraulica e sicurezza. Le azioni attuate comprendono la formazione ad hoc e l'attivazione di un processo partecipativo che coinvolga amministratori locali per l'aggiornamento dei codici edilizi locali e l'elaborazione di un piano d'azione intercomunale sulla sicurezza idraulica.
  • Ingegneri, geometri, architetti, agronomi e silvicoltori sono coinvolti attraverso la formazione, in quanto contribuiscono a diffondere le conoscenze su NMRM e incoraggiarne l'adozione.
  • Gli agricoltori sono incoraggiati ad adottare misure e pratiche per una buona gestione delle risorse idriche nel settore agricolo;
  • Gli studenti rappresentano un altro gruppo target chiave del progetto. La creazione di una cultura di adattamento è un processo graduale che richiede un approccio dal basso verso l'alto, considerando l'istruzione, la formazione e la sensibilizzazione azioni chiave per lo sviluppo di nuove competenze.

Il progetto prevede capitalizzazioni dei risultati verso altri comuni italiani ed europei, attraverso visite di studio e formazione in loco.

Successo e fattori limitanti

La disponibilità di fondi dell'UE concessi nell'ambito del programma LIFE si è rivelata essenziale per l'attuazione degli NWRM, consentendo di sviluppare l'intera iniziativa su una scala più ampia di quanto inizialmente previsto. Allo stesso tempo, i comuni di Santorso e Marano Vicentino sono da tempo impegnati nell'adozione di soluzioni sostenibili per la ritenzione e l'infiltrazione dell'acqua piovana, che ha portato ad essere un altro importante driver. Ciò li ha portati anche a coinvolgere le rispettive comunità nell'individuazione delle aree a rischio idraulico. Alcune di queste aree sono state successivamente selezionate per l'attuazione di NWRM.

Costi e benefici

Il costo totale dei 7 NWRM ammonta a 362,276 EUR. Il bilancio totale del progetto BEWARE è di 2 103,964 EUR (cofinanziamenti UE 1 188,160 EUR). Il costo per l'attuazione degli NWRM rappresenta il 17,2 % del bilancio totale.

Il progetto comprende un'analisi costi-benefici delle azioni NWRM considerate e di altre azioni progettuali (in particolare per quanto riguarda il processo partecipativo), che è ancora in corso. Uno dei più importanti benefici attesi è la riduzione del rischio idraulico e del rischio per le infrastrutture private e pubbliche e i relativi effetti indiretti. Nello specifico, verranno valutati i seguenti effetti:

  • riduzione dei danni infrastrutturali diretti e indiretti dovuti alle inondazioni;
  • una maggiore consapevolezza del rischio di alluvioni che può migliorare le azioni di preparazione (piani di evacuazione, kit di approvvigionamento di emergenza, formazione su cosa fare in caso di emergenza) a livello individuale e locale;
  • aumento della diffusione di comportamenti "amichevoli per l'ambiente" volti ad attenuare il rischio di alluvioni (compresa la realizzazione di NWRM in aree private);
  • aumento del reddito medio annuo derivante dall'agricoltura a causa dell'aumento della disponibilità idrica nei potenziali periodi di carenza idrica e della riduzione del rischio di inondazioni;
  • aumento e miglioramento delle strutture ricreative.

Fino ad oggi, l'analisi si è concentrata sulla raccolta di dati sui danni infrastrutturali causati da forti eventi piovosi a Santorso e Marano Vicentino, nel periodo 2010-2019. I dati sono stati raccolti sia attraverso la consultazione della banca dati dei due comuni sui danni alle inondazioni sia attraverso un'indagine campionaria basata su questionari, che ha coperto le lacune informative della banca dati e ha permesso di raccogliere dati più dettagliati sui danni.

I dati raccolti hanno permesso di definire lo scenario di base pre-intervento. Secondo l'analisi, i costi connessi alle inondazioni nel periodo in esame ammontano a 1,3 milioni di EUR. Questi includono i costi di danneggiamento, difensivi e di ripristino per beni privati e pubblici, nonché i costi di prevenzione sostenuti dal pubblico. In effetti, l'importo dei costi di prevenzione privati è difficile da stimare, in quanto i set di dati amministrativi sono piuttosto incompleti su tali questioni specifiche. Ciò ha probabilmente portato a una sottovalutazione dei costi complessivi connessi alle inondazioni nei due comuni. In caso di esclusione dei costi complessivi di prevenzione, i costi difensivi e di ripristino ammontano a oltre 0,8 milioni di euro, vale a dire il 61 % del danno totale. Inoltre, i costi difensivi e di ripristino mostrano una tendenza al rialzo nei dieci anni in esame in questa analisi. Negli ultimi anni sia Santorso che Marano Vicentino hanno visto un numero crescente di famiglie colpite. Nel considerare i costi difensivi e di ripristino sia pubblici che privati, queste componenti dei costi connessi alle alluvioni sono in aumento dal 2017. Ciò è avvenuto nonostante l'attuazione di diversi costosi interventi difensivi.

I risultati dell'analisi costi-benefici saranno disponibili nel 2022, al termine del progetto e saranno pubblicati sul sito web del progetto quando saranno pronti.

L'iniziativa opera anche a livello giuridico per facilitare l'adozione di NWRM. In particolare, BEWARE coinvolge un gran numero di comuni in un percorso comune per l'inclusione di disposizioni e incentivi per i NWRM nei codici edilizi locali. Inoltre, il progetto prevede l'impegno delle parti interessate per l'elaborazione di un piano d'azione volto a migliorare la sicurezza idraulica e la resilienza nel settore. L'esito di quest'ultimo processo sarà poi portato all'attenzione e promosso a livello nazionale ed europeo attraverso una serie di iniziative ad hoc.

Tempo di implementazione

La progettazione di NWRM è iniziata nel settembre 2018 nell'ambito del progetto LIFE BEWARE, che si concluderà nel giugno 2022. I sette interventi NWRM sono già stati attuati. Nei prossimi anni, questo tipo di misure saranno promosse in altri comuni europei e italiani grazie a interventi dimostrativi, iniziative di divulgazione, ampia comunicazione e formazione, con l'obiettivo finale di favorire la capitalizzazione delle azioni proposte.

Durata

Il NWRM implementato nei comuni di Santorso e Marano Vicentino dovrebbe essere permanente.

Informazioni di riferimento

Contatto

Beware Project
University of Padua
beware.tesaf@unipd.it 

Francesco Bettella
University of Padua
francesco.bettella@unipd.it

Santorso Municipality
Piazza Aldo Moro, 8 – 36014 Schio
Tel. (+39) 0445.649534
Email: info@lifebeware.eu 

Daniela Golcic
Marano Vicentino Municipality
Piazza Silva, 27 - 36035 Marano Vicentino
Tel. (+39) 0445.598806
E-mail: danielagolcic@comune.marano.vi.it

Riferimento
EU LIFE funded project BEWARE “Better Water Management for Advancing Resilient-communities in Europe”

Pubblicato in Climate-ADAPT Nov 22 2022   -   Aggiornamento più recente in Climate-ADAPT Oct 31 2023


Si prega di contattarci per qualsiasi altra richiesta su questo caso di studio o per condividere un nuovo caso di studio (e -mail climate.adapt@eea.europa.eu )

Azioni sul documento