Home Banca dati Casi di studio Gestione delle acque meteoriche urbane ad Augustenborg, Malmö

Exclusion of liability

This translation is generated by eTranslation, a machine translation tool provided by the European Commission.

Website experience degraded
We are currently facing a technical issue with the website which affects the display of data. The full functionality will be restored as soon as possible. We appreciate your understanding. If you have any questions or issues, please contact EEA Helpdesk (helpdesk@eea.europa.eu).
Casi studio

Gestione delle acque meteoriche urbane ad Augustenborg, Malmö

Gestione delle acque meteoriche urbane ad Augustenborg, Malmö

Negli anni'80 e'90, il quartiere di Augustenborg a Malmö è stato un'area di declino sociale ed economico ed è stato spesso inondato da un sistema di drenaggio traboccante. Tra il 1998 e il 2 002 l'area è stata rigenerata. I cambiamenti fisici nelle infrastrutture hanno incluso la creazione di sistemi di drenaggio urbano sostenibili (SUDS), compresi 6 Km di canali d'acqua e dieci stagni di ritenzione.

L'acqua piovana proveniente da tetti, strade e parcheggi è incanalata attraverso trincee, fossati, stagni e zone umide, con solo il surplus di essere diretto in un sistema fognario convenzionale. I tetti verdi sono stati installati su tutti gli edifici costruiti dopo il 1998, e sono stati adattati su oltre 11,000 m2 di tetti su edifici esistenti. Di conseguenza, i problemi con le inondazioni sono cessati e l'immagine della zona è stata notevolmente migliorata.

 

 

Descrizione del caso studio

Sfide

Il quartiere di Augustenborg ha sofferto di inondazioni annuali alla fine degli anni'90, causato dal fatto che il vecchio sistema di drenaggio non è in grado di far fronte alla combinazione di deflusso di acqua piovana, acque reflue domestiche e pressione da altre parti della città. La conseguente alluvione stava portando a danni ai garage sotterranei e ai sotterranei, e all'accesso limitato alle strade e ai sentieri locali. Anche le acque reflue non trattate sono entrate spesso nei corsi d'acqua a causa dell'aumento della pressione sulle opere di trattamento delle acque reflue.

Nell'ambito del cambiamento climatico, le precipitazioni dovrebbero aumentare fino al 40 % in Svezia, a seconda dello scenario. Le precipitazioni annue nella Svezia meridionale dovrebbero aumentare di circa il 15-20 % entro la fine del secolo nell'ambito dello scenario RCP 8.5 (SMHI). L'aumento delle precipitazioni è particolarmente elevato in inverno e in primavera. Ciò probabilmente esacerba i problemi associati alla gestione del deflusso delle acque piovane nelle aree urbane.

Inoltre, Augustenborg, una delle prime proprietà immobiliari consegnate nell'ambito della politica svedese di edilizia sociale negli anni'50, è stata caratterizzata da alti livelli di disoccupazione, da un elevato fatturato di residenti e da un'elevata percentuale di immigrati. Era un settore di declino sociale ed economico.

Obiettivi

Gli sforzi di rigenerazione ad Augustenborg sono iniziati negli anni'90 e si sono sviluppati nel progetto Ekostaden (Eco-città) Augustenborg. L'obiettivo principale dell'iniziativa era quello di creare un vicinato più sostenibile dal punto di vista sociale, economico e ambientale. Sebbene l'adattamento ai cambiamenti climatici inizialmente non sia stato un motore esplicito, il progetto mirava ad affrontare la questione delle inondazioni urbane in combinazione con misure volte a ridurre le emissionidi CO2 e a migliorare la gestione dei rifiuti.

A causa di ricorrenti problemi di alluvione si è proposto di scollegare le acque piovane di Augustenborg dalla rete fognaria combinata esistente e drenarle mediante un sistema aperto. L'intenzione principale era che il 70 % delle acque piovane provenienti da tetti e aree sigillate venissero maneggiate nel sistema aperto, eliminando completamente lo straripamento combinato delle fognature, riducendo sia il volume totale delle tubazioni che raggiungono le acque piovane, sia riducendo le portate di picco.

Soluzioni

Sebbene non sia stata effettuata alcuna analisi dei cambiamenti climatici sul sistema delle acque piovane aperte, è stata progettata per ospitare un evento piovoso di 15 anni come riferimento, che ha anche lo scopo di adattarsi all'aumento delle precipitazioni in futuro. Il progetto prevedeva l'ammodernamento di SUDS all'interno dello sviluppo e delle infrastrutture esistenti e con i residenti in situ.

Il sistema di gestione delle acque piovane completato comprende un totale di 6 km di canali e canali d'acqua e dieci stagni di ritenzione. L'acqua piovana viene raccolta in fossati naturali e serbatoi e quindi l'eccedenza viene diretta verso un sistema fognario convenzionale e un corso d'acqua vicino. L'acqua piovana da tetti, strade e parcheggi è incanalata attraverso trincee visibili, fossati, stagni e zone umide. Queste caratteristiche paesaggistiche sono integrate nel paesaggio urbano all'interno di 30 aree di cortile, che forniscono anche spazi verdi ricreativi per i residenti della zona. Mentre gli spazi verdi sono aumentati di dimensioni e numero, lo stile specifico degli anni'50 è stato mantenuto in modo da non compromettere l'estetica della zona. Alcuni degli spazi verdi possono essere temporaneamente allagati, il che aiuta a gestire l'acqua rallentando il suo ingresso nel sistema convenzionale delle acque piovane.

Completando il sistema di drenaggio sostenibile, ci sono più di 11,000 m2 di tetti verdi nella zona, di cui 2,100 m2 sugli edifici della società immobiliare pubblica MKB e il 9,000 m2 del Botanical Roof Garden che è stato costruito su un vecchio edificio industriale. Nel progetto di rigenerazione, avviato nel 1998, sono stati installati tetti verdi su tutti i nuovi sviluppi (costruiti dopo il 1998) e riadattati su alcuni edifici più vecchi, come i garage che sono stati trasformati in uffici. Alcuni tetti verdi più recenti sono stati installati anche dopo il progetto di rigenerazione.

A seguito dell'attuazione del sistema di gestione delle acque piovane aperte, molte inondazioni sono state evitate nella zona. Suggerisce che la progettazione del sistema di acque piovane aperte stia funzionando meglio di un sistema convenzionale e che Augustenborg sia ben preparato per eventi piovosi più intensi anche in futuro. Nell'estate del 2007, un evento piovoso di 50 anni ha causato gravi problemi nella maggior parte di Malmö a causa delle inondazioni delle strade di accesso, ma Augustenborg non è stato influenzato. Sempre nel 2014, gravi danni alle inondazioni e costi di riparazione sono stati evitati ad Augustenborg durante un forte evento piovoso con oltre 100 mm di pioggia in 6 ore. Inoltre, molti piccoli eventi di precipitazioni pesanti sono stati gestiti bene dal sistema di acque piovane aperte.

Si stima che il 90 % dell'acqua piovana proveniente dai tetti e da altre superfici impermeabili sia portata nel sistema delle acque piovane aperte. Inoltre, il volume totale annuo di deflusso è ridotto di circa il 20 % rispetto al sistema convenzionale. Ciò è dovuto all'evapotraspirazione dai canali e dagli stagni di ritenzione tra gli eventi di pioggia. Inoltre, i flussi di picco di deflusso sono ritardati e attenuati. L'implementazione di un sistema di acque piovane aperte ad Augustenborg ha migliorato non solo la gestione delle acque piovane nella zona, ma anche le prestazioni del sistema fognario combinato che serve l'area circostante. Il volume di drenaggio delle acque piovane nel sistema combinato è ora trascurabile, e questo sistema ora drena quasi solo le acque reflue.

L'opzione alternativa di ridurre le inondazioni attraverso un sistema convenzionale di acque piovane separate per Augustenborg avrebbe significato importanti lavori terrestri. Questo approccio avrebbe potuto anche causare ulteriori problemi lungo la rete di drenaggio delle acque piovane, come le strozzature in cui il sistema si unisce con tubi più vecchi. Inoltre, le aree riceventi avrebbero potuto subire un aumento del rischio di alluvioni, erosione o degrado della qualità dell'acqua. Pertanto, l'attuazione del sistema di acque piovane aperte è stata considerata l'opzione più sostenibile in linea con la visione dell'iniziativa di rigenerazione Ekostaden Augustenborg.

Rilevanza

Case mainly developed and implemented because of other policy objectives, but with significant consideration of Climate Change Adaptation aspects

Dettagli aggiuntivi

Partecipazione degli attori interessatI

I principali attori coinvolti nella rigenerazione di Augustenborg sono stati la società immobiliare MKB e la città di Malmö, rappresentata dal distretto di Fosie e dal dipartimento servizi. Tuttavia, diversi individui sono stati particolarmente importanti per il successo del progetto.

Il processo di creazione di Ekostaden Augustenborg è iniziato nel 1997, ed è stato avviato da discussioni sulla chiusura di una zona industriale vicina. Il progetto di rigenerazione nasce dalle idee di tre professionisti attivi del dipartimento Servizi della città di Malmö, una scuola di Augustenborg e della società immobiliare pubblica MKB. Hanno riunito un gruppo di alti funzionari, colleghi e residenti attivi nella zona che volevano trasformare l'area in un distretto sostenibile di Malmö. Nel 1998 è stato assunto un responsabile del progetto. Man mano che il progetto progredisce, le imprese locali, le scuole e la zona industriale sono state coinvolte. Il Botanical Roof Garden è stato sviluppato in collaborazione con diverse università e aziende private.

Uno degli obiettivi principali di Ekostaden Augustenborg era quello di consentire ai residenti di svolgere un ruolo significativo nella pianificazione e nell'attuazione dell'iniziativa. Il progetto Augustenborg ha incorporato un'ampia consultazione pubblica. Ciò includeva riunioni periodiche, workshop comunitari e incontri informali in occasione di eventi sportivi e culturali. L'approccio è diventato sempre più aperto e consultivo. Circa un quinto degli inquilini della zona ha partecipato a incontri di dialogo sul progetto, e alcuni sono diventati molto attivi nello sviluppo dell'area. Gli alunni delle scuole di Augustenborg sono stati coinvolti in una serie di sviluppi locali, ad esempio con la pianificazione di uno stagno di raccolta dell'acqua piovana adattabile a una pista di pattinaggio. La comunicazione costante e il coinvolgimento approfondito della comunità hanno permesso al progetto di soddisfare le preoccupazioni e le preferenze dei residenti riguardo alla progettazione del sistema delle acque piovane. Di conseguenza, il progetto ha incontrato poca opposizione.

Tuttavia, a più di 20 anni dal lancio del progetto di rigenerazione, i residenti hanno un ruolo attivo nello sviluppo dell'area. Gruppi locali di persone organizzano attività nella zona, come l'agricoltura urbana, l'educazione all'aperto per bambini e giovani, e una celebrazione annuale dell'Eco-città Augustenborg (Ekostadens dag).

Successo e fattori limitanti

Le sfide per l'attuazione di SUDS ad Augustenborg includono:

  • Trovare spazio fisico per incorporare i SUDS nello sviluppo già esistente: i) i SUDS dovevano essere montati attorno alle infrastrutture esistenti per l'energia elettrica, l'acqua, il riscaldamento e la telefonia; II) è stato necessario mantenere l'accesso ai veicoli di emergenza; (III) molti residenti temevano che una grande percentuale dello spazio verde accessibile non fosse adatto per la ricreazione e che alcuni alberi fossero stati rimossi.
  • Gli edifici non possono essere danneggiati dall'acqua. Pertanto, tutti i SUDS sono stati sottolineati con il geotessile, eliminando la possibilità di un aumento della percolazione profonda e limitando la funzione del sistema alla ritenzione idrica piuttosto che all'infiltrazione.
  • I problemi di salute e sicurezza dovevano essere risolti. I SUDS erano situati all'interno e nelle immediate vicinanze di aree scolastiche che presentavano potenziali rischi di annegamento. Sono state inoltre sollevate preoccupazioni in merito ai canali di drenaggio che ostacolano gli anziani e i disabili.
  • Altri problemi associati al progetto sono stati l'inevitabile rumore e polvere durante la costruzione, che ha causato lamentele da parte dei residenti locali. Inoltre, gli stagni di ritenzione erano inclini alla crescita delle alghe e una soluzione tecnica è stata progettata per risolvere questo problema.

I fattori di successo includono:

  • L'iniziativa e l'entusiasmo del Service Department di Malmö e della società immobiliare MKB; una forte leadership da parte di individui di queste organizzazioni e delle loro reti professionali ha permesso lo sviluppo del progetto completo. A sua volta, questa leadership è stata possibile solo a causa del decentramento del potere dalla città al livello del distretto.
  • Il carattere collaborativo del progetto ha permesso la gestione congiunta del progetto.
  • Il coinvolgimento dei residenti nella fase di progettazione significava che c'era poca opposizione al progetto e ha portato a un senso di proprietà, empowerment e sensibilizzazione tra i residenti.
  • L'ampio finanziamento fornito dalle autorità locali e dalla società immobiliare è stato un altro fattore di successo.
Costi e benefici

La somma totale investita nei miglioramenti fisici ad Augustenborg e nei relativi progetti è stata di circa 200 milioni di SEK (~24 milioni di euro). Circa la metà della somma è stata investita dalla società immobiliare MKB. 24 milioni di SEK provenivano dal governo nazionale svedese nell'ambito del programma LIP, mentre SEK 6M per la costruzione del giardino botanico del tetto proveniva dal fondo LIFE dell'UE. Il finanziamento rimanente è stato fornito principalmente dalle autorità locali, principalmente dalla città di Malmö. Il lavoro di gestione è finanziato congiuntamente attraverso la società immobiliare, che incorpora i costi negli affitti, il bordo dell'acqua attraverso le tariffe dell'acqua e i budget di manutenzione standard del consiglio comunale.

I costi di manutenzione del sistema di drenaggio sostenibile sono circa il doppio della quantità di liquami regolari. Il sistema di acque piovane aperte raccoglie un sacco di rifiuti e infestanti, e i canali sono un po 'difficile da pulire e falciare intorno. Occasionalmente, ci possono anche essere costi di riparazione in quanto i blocchi di granito a volte si rompono. Tuttavia, a causa dell'efficace sistema di drenaggio, nell'area sono stati evitati alcuni costi potenziali di danni alle inondazioni (cfr. sezione sulle soluzioni). Il sistema di drenaggio aperto ad Augustenborg è stato valutato come più sostenibile di un sistema di depurazione tradizionale in termini tecnici, ambientali, economici e sociali.

Oltre all'adattamento a eventi piovosi più estremi, una serie di altri benefici derivanti dal progetto di rigenerazione globale dell'area di Augustenborg:

  • La riconfigurazione degli spazi pubblici tra i blocchi abitativi ha dato ai residenti l'opportunità di coltivare il proprio cibo in piccoli lotti e ha creato luoghi per il tempo libero e aree attraenti per i bambini di giocare.
  • La biodiversità nell'area è aumentata. I tetti verdi, prevalentemente il giardino botanico del tetto, hanno attirato uccelli e insetti, e il sistema delle acque piovane aperte fornisce un ambiente migliore per le piante locali e la fauna selvatica. Inoltre, sono state piantate piante perenni, alberi autoctoni e alberi da frutto, e sono state installate scatole di pipistrello e uccelli.
  • Il carattere partecipativo del progetto ha suscitato interesse per le energie rinnovabili e per il trasporto sostenibile tra i residenti.
  • Il fatturato dei locatari è diminuito del 20 %.
  • Durante l'attuazione del progetto nel 1998-2002 la disoccupazione è diminuita dal 30 % al 6 % (media di Malmö) e la partecipazione alle elezioni è aumentata dal 54 % al 79 %.

Come risultato diretto del progetto, nell'area sono state avviate tre nuove aziende locali: Watreco AB (creato da residenti locali e appassionati di acqua amatoriale), il Green Roof Institute, e una società di carpool che utilizza auto ibride a etanolo per ridurre ulteriormente le emissionidi CO2 e altri impatti ambientali. In seguito, la società di carpool di Augustenborg è diventata parte del sistema di car sharing Sunfleet in tutta la città.

Tempo di implementazione

Il progetto è stato avviato nel 1997 e realizzato tra il 1998 e il 2002. I lavori sull'infrastruttura SUDS sono iniziati nel dicembre 1999 e terminati nell'estate del 2000. Il sistema è operativo dal maggio 2001. La manutenzione del sistema di drenaggio continua come di consueto nelle aree residenziali.

Durata

Il sistema è ancora operativo. La sua durata corrisponde a quella dei tradizionali progetti di greening e drenaggio urbano.

Informazioni di riferimento

Contatto

Helen Johansson
Scandinavian Green Roof Institute
E-Mail: helen@greenroof.se 
www.greenroof.se 

Riferimento
RichTextValue object. (Did you mean .raw or .output?)

Pubblicato in Climate-ADAPT Nov 22 2022   -   Aggiornamento più recente in Climate-ADAPT Jul 13 2023


Si prega di contattarci per qualsiasi altra richiesta su questo caso di studio o per condividere un nuovo caso di studio (e -mail climate.adapt@eea.europa.eu )

Azioni sul documento