Exclusion of liability

This translation is generated by eTranslation, a machine translation tool provided by the European Commission.

Website experience degraded
We are currently facing a technical issue with the website which affects the display of data. The full functionality will be restored as soon as possible. We appreciate your understanding. If you have any questions or issues, please contact EEA Helpdesk (helpdesk@eea.europa.eu).

Leptospirosi

La leptospirosi è una zoonosi (cioè una malattia umana con origine animale) causata da batteri Leptospira. La leptospirosi è una malattia diffusa con più di 1 milione di casi diagnosticati ogni anno in tutto il mondo (Thibeaux et al., 2018). In Europa, la leptospirosi rimane una malattia relativamente rara (ECDC, 2014-2023). In tutto il mondo, si ritiene che solo una su dieci infezioni sia stata diagnosticata correttamente a livello globale (Samrot et al., 2021) a causa della varietà di sintomi (se presenti) e della loro somiglianza con i sintomi di altre malattie. Le aree urbane sono sempre più a rischio, soprattutto durante le inondazioni causate da forti piogge. Sia il riscaldamento globale che i cambiamenti nei modelli di precipitazioni hanno il potenziale per aumentare il carico di malattie in Europa, con eventi meteorologici estremi più frequenti e inondazioni che probabilmente rappresentano il più alto rischio di ulteriori infezioni da leptospirosi in futuro.

Fonte & trasmissione

Molti ceppi diversi di batteri Leptospira possono causare infezioni e una varietà di segni clinici nell'uomo e in diversi animali (compresi animali selvatici e domestici, mammiferi, rettili e anfibi). L'uomo di solito contrae la leptospirosi attraverso l'ingestione o il contatto della pelle con il suolo contaminato, l'acqua, la vegetazione, o attraverso il contatto con animali infetti o le loro urine. I focolai sono spesso associati a fiumi, torrenti, canali o laghi contaminati. Nei paesi industrializzati, l'esposizione all'acqua contaminatadurante attività ricreative o professionali aumenta il rischio di infezione da leptospirosi, mentre nei paesi in via di sviluppo le infezioni sono spesso legate all'esposizione alle acque reflue non trattate e alle feci animali. Un'altra via di trasmissione della malattia, ancora meno importante, è l'inalazione di aerosol contaminati. La trasmissione diretta da persona a persona è rara (Mwachui et al., 2015).

 

Effetti sulla salute

Molto spesso, le infezioni da Leptospira non causano alcun o solo sintomi lievi, che complicano la diagnosi corretta. Se i sintomi si manifestano — di solito circa 10 giorni dopo l'infezione — questi includono febbre improvvisa, mal di testa, brividi, dolori muscolari o infiammazione degli occhi. Quest'ultimo è un sintomo molto specifico della leptospirosi che interesserebbe tra il 10 e il 44 % di tutti i pazienti in Europa (Rathinam, 2005). I sintomi più gravi della malattia includono infiammazione del cervello e del midollo spinale (meningite), eruzioni cutanee, distruzione dei globuli rossi (anemia), sanguinamento incontrollato e formazione di melma, grave insufficienza renale, colorazione della pelle gialla, confusione mentale e depressione, infiammazione del muscolo cardiaco (miocardite), o anche insufficienza multi-organo. La malattia di solito dura da pochi giorni a 3 settimane o anche più a lungo. Il recupero dei casi non trattati può richiedere diversi mesi. I sintomi ritardati possono includere affaticamento cronico, paralisi, depressione e infezioni oculari (CDC, 2022; De Brito et al., 2018; Haake e Levett, 2015; Samrot et al., 2021).

Morbilità e mortalità

Nei paesi membri del SEE (esclusi Liechtenstein, Norvegia, Svizzera e Türkiye a causa della mancanza di dati), nel periodo 2008-2021:

  • 9.726 infezioni confermate
  • 20 casi per 100000 abitanti nel 2021
  • Alto tasso di ospedalizzazione: > 90 %[1]
  • 159 decessi e un tasso medio di mortalità del 3 %. Tuttavia, in caso di sintomi gravi, il tasso di mortalità sale al 5-20 %, soprattutto per i pazienti non trattati con insufficienza renale (Calvopiña et al., 2018).
  • Aumento del trend di incidenza dal 2015 con un picco nei casi nel 2019. Nel 2 020 l'incidenza della leptospirosi è scesa al livello del 2015, ma ciò potrebbe essere stato confuso dai comportamenti della popolazione e dalle attività di sorveglianza correlate alla COVID-19. Nel 2021 i casi sono nuovamente aumentati.

(ECDC, 2024-2023; 2023)

Distribuzione tra popolazione

  • Fascia d'età con il più alto tasso di malattia in Europa: 25-64 anni maschi, 15-24 anni femmine (ECDC, 2014-2023)
  • Gruppi a rischio di grave decorso della malattia: anziani e persone con un sistema immunitario debole
  • Gruppi a più alto rischio di infezione: persone che sono a contatto con acqua contaminata, suolo o animali infetti sul luogo di lavoro, ad esempio veterinari, agricoltori, pescatori, minatori o truppe militari, nonché sportivi, nuotatori, bagnanti o viaggiatori (Bandara et al., 2014; Mwachui et al., 2015). La malattia è più comune tra i maschi (ECDC, 2014-2023).

 

Sensibilità climatica

Adattabilità climatica

I batteri Leptospira prosperano meglio a temperature comprese tra 28 e 30ºC e pH compreso tra 6,8 e 7,4 in un ambiente leggermente salato(Bharti et al., 2003; Wongbutdee et al., 2016).

Stagionalità

In Europa, le infezioni si verificano nella maggior parte dei casi tra luglio e ottobre con un picco in agosto-settembre. Questo andamento stagionale è probabilmente determinato da una combinazione di fattori climatici (ad esempio, presenza di forti precipitazioni e alte temperature) e comportamenti umani (ad esempio, aumento delle attività all'aperto) (ECDC, 2014-2023).

Impatto sui cambiamenti climatici

Le temperature medie annuali più elevate aumentano la crescita e l'attività dei batteri Leptospira e allo stesso tempo allungano la stagione infettiva e ampliano la distribuzione geografica dei batteri. Anche quantità di precipitazioni più elevate e condizioni più umide sono legate all'aumento della crescita batterica e della sopravvivenza dei Leptospira. Le modifiche previste dovrebbero aumentare l'onere della malattia (Desvars et al., 2011; Pawar et al., 2018). Un altro importante fattore di rischio climatico futuro per le infezioni da leptospirosi è l'aumento della frequenza di eventi meteorologici estremi. Le forti precipitazioni, le tempeste e gli eventi associati all'alluvione aumentano l'esposizione umana all'acqua contaminata (Bharti et al., 2003), in particolare in combinazione con scarse strutture igienico-sanitarie, cure sanitarie insufficienti o condizioni affollate, questo potrebbe esporre le persone a un aumento dei rischi di infezione (Mwachui et al., 2015). Gli episodi di siccità, d'altra parte, stimolano le attività ricreative come il nuoto e la balneazione e i rischi di esposizione professionale, ad esempio quando le aziende agricole utilizzano fonti d'acqua alternative e contaminate in periodi di siccità e restrizioni sull'uso dell'acqua. Entrambi potrebbero portare ad un aumento delle infezioni da leptospirosi.

 

Prevenzione e trattamento

Prevenzione

  • Evitare o limitare il contatto con acqua potenzialmente contaminata o animali infetti
  • Indumenti protettivi, soprattutto se esposti ad acqua potenzialmente contaminata o animali infetti in ambienti di lavoro
  • Sicurezza dell'acqua pubblica per evitare infezioni durante le attività ricreative
  • Vaccinazione del bestiame e degli animali domestici e controllo dei roditori per ridurre le infezioni da animale a persona
  • Sensibilizzazione sui percorsi di infezione
  • (CDC, 2022; Jittimanee e Wongbutdee, 2019)

Trattamento

  • Antibiotici

 

Link per ulteriori informazioni

 

Referenze

Bandara, M., et al., 2014, Globalizzazione della leptospirosi attraverso viaggi e migrazioni, Globalizzazione e Salute 10(61), 1-9. https://doi.org/10.1186/s12992-014-0061-0

Bharti, A.R., et al., 2003, Leptospirosis: Una malattia zoonotica di importanza globale, The Lancet Infectious Diseases 3(12), 757–771. https://doi.org/10.1016/S1473-3099(03)00830-2

Calvopiña, M., et al., 2022, Leptospirosis: Morbilità, mortalità e distribuzione spaziale dei casi ospedalizzati in Ecuador. Uno studio nazionale 2000-2020, PLOS Neglected Tropical Diseases 16(5), e0010430. https://doi.org/10.1371/journal.pntd.0010430

CDC, 2022, Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie, https://www.cdc.gov. Ultimo accesso all'agosto 2022.

De Brito, T., et al., 2018, Patologia e patogenesi della leptospirosi umana: Una recensione commentata. Revista Do Instituto de Medicina Tropical de São Paulo 60(e23), 1-10. https://doi.org/10.1590/s1678-9946201860023

Desvars, A., et al., 2011, Seasonality of Human Leptospirosis in Reunion Island (Oceano Indiano) e la sua associazione con i dati meteorologici, PLoS ONE 6(5), e20377. https://doi.org/10.1371/journal.pone.0020377

ECDC, 2014-2023, Relazioni epidemiologiche annuali per il periodo 2012-2021 — Leptospirosis. Disponibile all'indirizzo https://www.ecdc.europa.eu/en/leptospirosis/surveillance-and-disease-data. Ultimo accesso all'agosto 2023.

ECDC, 2023, Atlante di sorveglianza delle malattie infettive. Disponibile all'indirizzo https://atlas.ecdc.europa.eu/public/index.aspx. Ultimo accesso all'agosto 2023.

Haake, D. A. e Levett, P.N., 2015, Leptospirosis in Humans. In: Adler, B. (Ed.), Leptospira e Leptospirosis, Argomenti attuali in Microbiologia e Immunologia vol. 387, Springer Berlin Heidelberg, pagg. 65-97. https://doi.org/10.1007/978-3-662-45059-8_5

Jittimanee, J. e Wongbutdee, J., 2019, Prevenzione e controllo della leptospirosi nelle persone e sorveglianza della leptospira patogena nei ratti e nelle acque superficiali trovati nei villaggi, Journal of Infection and Public Health 12(5), 705–711. https://doi.org/10.1016/j.jiph.2019.03.019

Mwachui, M. A., et al., 2015, Determinanti ambientali e comportamentali della trasmissione della leptospirosi: A Systematic Review, PLOS Neglected Tropical Diseases 9(9), e0003843. https://doi.org/10.1371/journal.pntd.0003843

Pawar, S. D., et al., 2018, Stagionalità della leptospirosi e la sua associazione con precipitazioni e umidità in Ratnagiri, Maharashtra, International Journal of Health & Allied Sciences 7, 37-40. https://doi.org/10.4103/ijhas.IJHAS_35_16

Rathinam, S.R., 2005, Manifestazioni oculari della leptospirosi, Journal of Postgraduate Medicine 51(3), 189-194. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/16333191/

Samrot, A. V., et al., 2021, Leptospiral Infection, Pathogenesis and Its Diagnosis-A Review, Pathogens 10(2), 145. https://doi.org/10.3390/pathogens10020145

Thibeaux, R., et al., 2018, Biodiversità delle Leptospira Ambientali: Migliorare l'identificazione e rivisitare la diagnosi, Frontiere in microbiologia 9, 1-14. https://doi.org/10.3389/fmicb.2018.00816

Wongbutdee, J., et al., 2016, Percezioni e comportamenti rischiosi associati alla leptospirosi in un'area endemica in un villaggio della provincia di Ubon Ratchathani, Thailandia, African Health Sciences 16(1), 170-176. https://doi.org/10.4314/ahs.v16i1.23

 

 

[1] Il tasso di ospedalizzazione si basa sull'analisi dei dati dei casi con stato di ospedalizzazione noto. La completezza dei dati sull'ospedalizzazione è fornita dal 2009 e varia tra lo 0 e il 100 % per i diversi paesi. Nel complesso, per circa il 50 % di tutti i casi segnalati in Europa, viene segnalato anche lo stato di ricovero ospedaliero.