Home Banca dati Opzioni di adattamento Parapetti e raccordi

Exclusion of liability

This translation is generated by eTranslation, a machine translation tool provided by the European Commission.

Website experience degraded
We are currently facing a technical issue with the website which affects the display of data. The full functionality will be restored as soon as possible. We appreciate your understanding. If you have any questions or issues, please contact EEA Helpdesk (helpdesk@eea.europa.eu).
Adaptation option

Parapetti e raccordi

Una diga è una struttura fatta di cemento, muratura o pali di lamiera, costruita parallelamente alla riva al passaggio tra la spiaggia e la terraferma o dune, per proteggere l'area interna dall'azione delle onde e prevenire l'erosione costiera. Le dighe marine sono di solito strutture massicce progettate per resistere alle tempeste. L'altezza di una diga coprirà almeno la differenza tra il livello della spiaggia e la terraferma, anche se comunemente le dighe marine sono costruite più in alto per proteggere la terra contro il sovraccarico delle onde. Le dighe marine sono anche utilizzate per stabilizzare le scogliere erodendo e proteggere le strade costiere e gli insediamenti. La cresta del muro si estende spesso in una parte coperta di pietra che può essere utilizzata per una strada, una passeggiata o un parcheggio. Una parete di mare crea una netta separazione tra la spiaggia e la terraferma. Le dighe si trovano spesso nel caso di spiagge strette o ripide, dove un tipico frangiflutti è troppo grande o non economico.

Una piattaforma di molo su pali di legno o cemento costruito in mare per proteggere un canale di navigazione e consentire l'ormeggio delle navi. Di solito non ha una funzione protettiva a terra (che invece fanno i frangiflutti). I moli paralleli sono spesso costruiti per delimitare un canale di navigazione. I moli influenzeranno il trasporto lungo terra dei sedimenti e dei processi ecologici (vedere il successo e i fattori limitanti). I pontili possono essere costruiti con calcestruzzo, pietra, legno o acciaio. I pontili di solito non sono misure di adattamento di per sé, ma possono essere collegati con dighe marine o altre strutture di difesa costiere dure.

Dettagli aggiuntivi
Informazioni di riferimento

Dettagli sull'adattamento

Categorie IPCC

Strutturale e fisico: ingegneria e costruzioni

Partecipazione degli attori interessatI

Se viene intrapresa una VIA, la direttiva UE prevede il diritto di accedere alle informazioni e di partecipare alle procedure decisionali in materia ambientale al pubblico interessato dal progetto. Se un progetto potrebbe avere un impatto significativo su un sito Natura 2000, la "valutazione appropriata" del progetto infrastrutturale può includere un processo di partecipazione del pubblico, anche se ciò non è obbligatorio. Analogamente, la direttiva sulle alluvioni, le direttive quadro sulle acque e la direttiva sulla pianificazione dello spazio marittimo stabiliscono processi di partecipazione del pubblico che possono essere rilevanti per tali progetti.

Diverse categorie di parti interessate possono essere influenzate dal rafforzamento delle dighe marine o dei moli. Una diga e un pontile possono influenzare negativamente il paesaggio e l'uso della spiaggia, o possono essere utilizzati per ampliare artificialmente la spiaggia per creare spazio ricreativo. I turisti e l'industria del turismo, così come altri utenti ricreativi saranno pertanto interessati. Tuttavia, la protezione contro le inondazioni offerte dalla diga può avvantaggiare gli insediamenti e le attività economiche.

Successo e fattori limitanti

Fattori di successo:

  • Una diga marina fornisce un alto grado di protezione contro le inondazioni costiere e l'erosione.  Fissa il confine tra mare e terra che può essere utile se importanti infrastrutture o edifici si trovano sul litorale.
  • Le dighe marine hanno un requisito di spazio inferiore rispetto ad altre difese costiere come le dighe. Le dighe possono essere intensificate per affrontare l'innalzamento del livello del mare, che richiede contemporaneamente un ampliamento della fondazione.
  • L'elevato livello di sicurezza fornito da una diga può favorire lo sviluppo dell'entroterra. La cresta della diga si estende spesso in una parte coperta di pietra che fornisce altre funzioni, ad esempio strada, passeggiata o parcheggi.
  • Sufficienti pontili lunghi limiteranno la siltazione in un canale di ingresso o di navigazione, mantenendo così una profondità sufficiente all'interno del canale.

Fattori limitanti:

  • Le strutture artificiali come le dighe e i pontili possono avere effetti negativi sull'ambiente costiero. A causa del loro posizionamento perpendicolare a terra, i moli possono disturbare la deriva a terra lunga e causare erosione verso il basso (come azione attenuante, la costruzione di sabbia lungo i pontili può essere ridistribuita altrove sulla riva.) Più lungo è il molo, maggiore è l'impatto che ha sulle aree adiacenti.
  • Le dighe marine interferiscono spesso con processi naturali come la migrazione degli habitat, causando la riduzione degli habitat intertidali. Tuttavia, questi effetti dipendono molto dalla direzione principale del trasporto dell'onda e dei sedimenti e dalla progettazione della diga. La scelta delle difese costiere sarà effettuata in base alle condizioni site-specific e agli obiettivi primari e secondari (come la protezione delle onde, la stabilizzazione stradale, la conservazione dello spazio e le capacità di ormeggio). Laddove sia disponibile spazio sufficiente e non esista alcun conflitto con altri obiettivi primari o secondari, sono spesso preferite misure verdi (come nutrimenti balneari e restauro delle dune).
  • Le dighe marine spesso non fermano l'erosione di fronte alla struttura, ma impediscono l'erosione delle dune e dell'entroterra. Le dighe verticali spesso riflettono l'energia delle onde invece di dissiparla, il che rende il litorale più soggetto all'erosione. Molte dighe sono state quindi concepite più recentemente per integrare le pendenze.
  • Quando le dighe sono regolarmente sormontate, o quando questo accade nelle grandi tempeste, l'acqua può rimuovere il suolo o la sabbia dietro il muro e indebolirlo.  L'acqua sovrastante satura il terreno e aumenta le pressioni dal lato terra, il che può causare un collasso strutturale. Il livello dell'innalzamento del mare e il potenziale superamento devono essere presi in considerazione nella costruzione della diga. In generale, la continua erosione può minare il piede della struttura e minacciarne la stabilità.
  • Le dighe marine possono avere un impatto negativo sul paesaggio e possono ridurre l'attrattiva del paesaggio. Tuttavia, sono state utilizzate anche dighe marine, più o meno con successo per ampliare artificialmente una spiaggia su rive ripide per creare spazio ricreativo.

Costi e benefici

I costi di costruzione sono elevati, ma queste strutture di solito richiedono una bassa manutenzione. I costi di costruzione variano a seconda della forma delle strutture della diga: il volume della diga dipende dal livello di cresta richiesto, dal livello di fondazione, dal carico dell'onda e dai tassi di sovrapporsi accettabili. Nei Paesi Bassi è stato stimato che una diga marittima costerebbe 300-500 EUR per m³ di calcestruzzo (Deltares, 2014). I costi relativi ai moli sono stimati tra 10 000 EUR e 20,000 EUR per metro di marcia nei Paesi Bassi; i costi dipendono principalmente dalla profondità dell'acqua e dalla disponibilità della roccia (Deltares, 2014).

Le stime fatte dal patrimonio naturale scozzese nel 2000 mostrano che nel Regno Unito, i costi all'epoca variavano da £ 200.000 a £ 500.000 (250.000-625,000 EUR)/100m di lunghezza per le dighe e rivestimenti impermeabili. L'Agenzia inglese per l'ambiente (2007), fornisce un costo di costruzione medio per le dighe marine di 2,65 milioni di dollari (al livello dei prezzi del 2009; circa 1,85 milioni di euro) compresi i costi diretti di costruzione, le spese generali dirette, i costi dei lavori di costruzione associati, i lavori minori associati, i lavori temporanei, gli eventi di compensazione e i costi di ritardo. Non è stata fornita alcuna indicazione sulla lunghezza della diga. Queste e altre fonti notano che i costi per le dighe variano a seconda del tipo di costruzione, dimensioni, disponibilità e vicinanza dei materiali da costruzione, tassi previsti di erosione futura e carichi d'onda, strutture come passerelle e gradini o scivolamenti.

La costruzione di opere costiere per mitigare l'erosione e le difese in mare duro "in grado di alterare la costa", come le dighe e i moli, rientrano nell'allegato II della direttiva VIA (codificata come direttiva 2011/92/UE): Gli Stati membri decidono se i progetti di cui all'allegato II debbano essere sottoposti a una procedura VIA, caso per caso o in termini di soglie e criteri. Tuttavia, questo requisito non pregiudica la manutenzione e la ricostruzione di tali opere. Qualsiasi progetto infrastrutturale che possa avere un impatto significativo su un sito Natura 2000 deve essere sottoposto a una "adeguata valutazione delle sue implicazioni per il sito" al fine di determinare se il progetto incida negativamente sull'integrità del sito.

La direttiva quadro sulle acque richiede il buono stato dei corpi idrici europei, comprese le acque costiere. Le difese costiere potrebbero alterare le caratteristiche idromorfologiche delle acque costiere — ad esempio in termini di flusso d'acqua, composizione dei sedimenti e movimento — e quindi a un deterioramento dello stato ecologico. Qualsiasi progetto che lo faccia dovrebbe soddisfare i criteri di cui all'articolo 4, paragrafo 7, della direttiva. La direttiva sulle alluvioni dell'UE (2007/60/CE) fornisce un quadro giuridico per le azioni di alluvione e la difesa. La costruzione e il ripristino delle dighe potrebbero rientrare nelle misure previste dal piano di gestione del rischio di alluvioni. La direttiva 2014 sulla pianificazione dello spazio marittimo richiede l'esame delle interazioni tra terra e mare, nonché delle attività marittime e dell'adattamento ai cambiamenti climatici. Le dighe e i moli potrebbero influenzare queste interazioni terra/mare.

Tempo di implementazione

A seconda della complessità della struttura da 5 a 20 m al giorno può essere realizzata durante la fase di costruzione. La preparazione prima della costruzione potrebbe raddoppiare i tempi di implementazione.

Durata

In genere, 30-50 anni di aspettativa di vita prima della riparazione maggiore.

Informazioni di riferimento

Riferimenti:

Scheda informativa fornita dal progetto OURCOAST II

Pubblicato in Climate-ADAPT Nov 22 2022   -   Aggiornamento più recente in Climate-ADAPT Aug 17 2023

Azioni sul documento