Home Banca dati Casi di studio Attuazione del piano generale integrato per la sicurezza costiera nelle Fiandre

Exclusion of liability

This translation is generated by eTranslation, a machine translation tool provided by the European Commission.

Casi studio

Attuazione del piano generale integrato per la sicurezza costiera nelle Fiandre

Attuazione del piano generale integrato per la sicurezza costiera nelle Fiandre

La costa fiamminga è intensamente utilizzata da molti attori, abbracciando città costiere, porti commerciali collegati a aree industriali, porti turistici e attività turistiche. È esposto a inondazioni a causa di tempeste e innalzamento del livello del mare. Nel 2007, il governo fiammingo, dopo un test di sicurezza che rivelava una protezione insufficiente della costa, ha avviato l'elaborazione di un piano generale integrato per la sicurezza costiera che è stato finalmente approvato nel giugno 2011. Il Master Plan mira a migliorare la protezione della costa fiamminga dagli effetti di gravi tempeste (fino a 1.000 anni di periodo di ritorno, corrispondente ad una probabilità di verificarsi di una tale tempesta dello 0,1 % in un anno) e di innalzamento del livello del mare (+ 30 cm) entro il 2050. La visione a lungo termine della costa, considerando le nuove sfide poste dai cambiamenti climatici e dalle proiezioni aggiornate dell'innalzamento del livello del mare, è ora formulata nell'ambito del progetto "Kustvisie" (Coastal Vision) lanciato nel 2017. L'obiettivo era quello di proteggere la costa anche oltre il 2050.

Le misure verdi (nutrimento spiaggia e terraferma) e grigie (pareti tempeste, dighe, barriere di tempesta) sono incluse nel Piano che fornisce anche una visione per uno sviluppo sostenibile globale della zona costiera. Le misure volte ad aumentare la sicurezza costiera sono integrate con misure volte a migliorare la fruizione dell'area per le attività ricreative. I lavori sono iniziati nel 2011 e sono ancora in corso. Le valutazioni progressive dell'effetto delle misure attuate sono effettuate su base semestrale. Hanno rivelato che il livello di protezione è nettamente aumentato in tutti i settori in cui sono state attuate tutte le misure previste. In altri luoghi, dove le misure non sono ancora pienamente attuate o richiedono un nutrimento costante, i livelli di sicurezza non sono pienamente raggiunti. Durante l'elaborazione e l'attuazione del Master Plan è stata prestata particolare attenzione alla partecipazione delle parti interessate. Un ampio sforzo di comunicazione è stato messo in atto, anche attraverso un sito web dedicato. Fornisce informazioni sulle misure specifiche previste e sui relativi progressi dei lavori.

 

 

Descrizione del caso studio

Sfide

La costa fiamminga è lunga 67 km ed è costituita per lo più da spiagge sabbiose. Abbraccia 460 ettari di dune che forniscono una difesa naturale contro il mare e sono protetti e gestiti dalla divisione costiera (parte dell'Agenzia per i servizi marittimi e la costa — governo fiammingo) con una visione di uso e sviluppo sostenibile.

La costa è intensamente utilizzata tra cui dieci città costiere e città, protette da mura marine. Tra questi, Zeebrugge e Ostenda ospitano importanti porti commerciali con aree industriali collegate. Le stesse città, insieme a Nieuwpoort e Blankenberge, sono anche la posizione di importanti porti turistici ricreativi. Oltre alle attività umane, la costa fiamminga comprende anche preziose aree naturali, come l'ingresso di marea al confine con i Paesi Bassi, chiamato Zwin. Inoltre, i polder bassi nell'entroterra formano un'area soggetta a alluvioni larga 15 km dove vivono circa 400.000 persone.

I punti vulnerabili iniziali della difesa costiera sono stati valutati nell'ambito di uno studio condotto dalla divisione costiera per la preparazione del piano generale. Lo studio ha dimostrato che circa un terzo della costa fiamminga non era sufficientemente protetto da gravi eventi tempestosi (ossia quelli con una probabilità dello 0,1 % all'anno). L'innalzamento del livello del mare e altri effetti legati ai cambiamenti climatici (come il cambiamento dell'intensità e della frequenza delle precipitazioni e delle tempeste) potrebbero aggravare questa vulnerabilità. Durante la fase di attuazione del Piano generale, il livello di sicurezza dell'intera costa fiamminga è stato riesaminato attraverso analisi periodiche (ogni 6 anni) e dopo gravi tempeste, aggiornando le mappe delle alluvioni e calcolando i rischi residui dopo l'attuazione delle misure.

Obiettivi

L'obiettivo principale del Piano generale per la sicurezza costiera, approvato nel 2011, è quello di migliorare le difese della costa fiamminga dagli effetti delle tempeste (fino a 1.000 anni di periodo di ritorno) e dell'innalzamento del livello del mare (+ 30 cm) entro il 2050. Gli obiettivi a più lungo termine, tenendo conto delle nuove sfide poste dai cambiamenti climatici e delle proiezioni aggiornate dell'innalzamento del livello del mare, sono ora considerati nell'ambito del progetto "Kustvisie". È stato lanciato nel 2017 e ha lo scopo di proteggere la costa dopo il 2050.

Le misure sono previste tenendo conto della natura dinamica della costa, con una visione d'insieme finalizzata allo sviluppo sostenibile della zona costiera. Obiettivi ambientali, economici, sociali, culturali e ricreativi sono inclusi nel piano per trovare un equilibrio tra tutte le componenti e con la partecipazione della società e il coinvolgimento delle parti interessate.

Soluzioni

Nel marzo 2007, la Divisione Costiera ha avviato un Master Plan integrato per la sicurezza costiera (Masterplan Kustveiligheid) per proteggere le Fiandre dagli eventi di inondazioni estreme nel presente e nel futuro (2050). Gli eventi estremi di alluvione sono stati definiti come quelli associati alle tempeste con un periodo di ritorno di 1:1,000 anni. Il Master Plan mira a garantire lo stesso livello di protezione nelle condizioni attuali e in caso di innalzamento del livello del mare di + 30 cm entro il 2050.

Prima della finalizzazione del Master Plan, tra il 2004 e il 2010 era in atto un piano di emergenza per l'esecuzione dei lavori più critici. Ciò ha permesso di risolvere i problemi più urgenti e di coprire i rischi a breve termine. Questi rischi sono stati mappati da uno studio che faceva parte dell'elaborazione del Master Plan. In particolare, le misure di emergenza attuate hanno fornito protezione contro le tempeste con un periodo di ritorno di 1:100 anni come minimo lungo l'intera costa.

Il governo fiammingo ha approvato il Piano generale per la sicurezza costiera il10 giugno 2011, dopo che è stato approvato dalle dieci città costiere fiamminga e dalle comunità costiere.

I lavori sono iniziati nel 2011. L'ambizione è quella di proteggere al più presto le aree più critiche. Il sito web Kustveiligheid (Coastal Safety) fornisce informazioni sulle misure specifiche pianificate in ciascuna comunità costiera e sui relativi progressi del lavoro. Il Master Plan prevede misure sia verdi che grigie.

Le misure verdi consistono nel nutrimento della spiaggia e delle dune. L'autorizzazione concessa dal governo federale, previa valutazione dell'impatto ambientale, consente di estrarre circa 20 milioni di metri cubi di sabbia — prelevati dalla parte belga del Mare del Nord — per un periodo di 10 anni, supportando così il nutrimento delle spiagge e delle dune. Spiagge e dune sono monitorate ogni anno per adattare la loro gestione di conseguenza. L'efficacia del nutrimento della spiaggia viene periodicamente valutata utilizzando un piano di 6 anni per rispondere all'erosione ancora in atto e far fronte al futuro innalzamento del livello del mare. I volumi necessari per la manutenzione sono stimati intorno ai 500.000 metri cubi all'anno.

Durante il periodo 2011-2018, i nutrimenti e le riparazioni programmati della spiaggia da forti danni da tempesta (ad esempio dopo la tempesta "Sinterklaas" nel 2013 o la tempesta "Dieter" nel 2017) sono stati completati nelle aree a rischio individuate nel Master Plan. Altri piccoli interventi di nutrimento sono stati completati in altre località per rafforzare l'intera area costiera. Inoltre, il rifornimento di terraferma è stato effettuato nell'ottobre 2017 a Nieuwpoort. Questo nutrimento si prefigge di garantire la stabilizzazione e la crescita di una spiaggia intertidale blanda (spiaggia bagnata). Ciò funge da intervento di compensazione naturale per i lavori eseguiti all'interno e intorno al porto di Ostenda. D'altra parte, rafforza gli interventi eseguiti nelle sezioni balneari limitrofe, ritardando l'erosione della spiaggia.

Il rifornimento di sabbia o il riempimento idraulico viene eseguito il più possibile in modo rispettoso dell'ambiente, per ridurre al minimo le possibili perturbazioni dell'ecosistema costiero. Un programma di monitoraggio è stato messo in atto per progetti più grandi per valutare l'impatto ambientale immediatamente dopo il completamento dei lavori e seguendo l'evoluzione del recupero ambientale con il tempo.

Misure grigie (come la ristrutturazione di dighe marine e pareti tempeste) sono state attuate in aree in cui il nutrimento della spiaggia non poteva soddisfare gli standard di sicurezza desiderati. Queste misure di protezione sono state progettate per minimizzare la loro altezza e ottimizzare la loro integrazione spaziale, migliorando le opportunità ricreative. A Ostenda, il rinforzo e la ristrutturazione del lungomare Albert I, con una barriera mobile di tempesta, è stato completato nel 2012. Il lungomare era collegato alla rinnovata Zeeheldenplein (piazza degli eroi del mare). Si tratta di una piazza "onde-damping" che protegge la città e offre, come esempio di architettura attraente, opportunità ricreative. L'intervento fa parte di un piano più ampio per proteggere l'area cittadina a rischio di inondazioni. Questo include il regolare nutrimento della spiaggia e la creazione di una nuova grande spiaggia protetta da una diga costruita perpendicolarmente alla costa.

Le mura di tempesta sulle dighe rinnovate sono state costruite a Wenduine (2015) e nella Marina di Blankenberge (completata nel 2019), combinata con un completo rinnovamento delle due aree. I lavori per l'ampliamento della diga che protegge Zwin, la riserva naturale più conosciuta della costa fiamminga e olandese, sono stati completati nel 2016 come parte importante delle opere su larga scala per preservare questa riserva. Nel 2018 è iniziata la costruzione di una barriera d'acciaio a picco di tempesta rotante nel canale portuale di Nieuwpoort, per proteggere la città e l'entroterra dagli alti livelli d'acqua durante le forti tempeste. Il lavoro richiederà più di tre anni.

Nel 2019, sono stati condotti diversi studi per progettare le misure necessarie contro le tempeste a Zeebrugge, Mariakerke-Raversijde (Oostende) e Oostende (connessione a Zeeheldenplein). Questi progetti sono previsti per l'avvio nel 2020.

Considerando l'evoluzione dinamica della costa sabbiosa fiamminga, ogni sei anni viene effettuata una valutazione completa delle misure attuate per garantire che tutti i tratti costieri, individuati nel Master Plan, soddisfino i seguenti standard di sicurezza:

  • Al picco della tempesta, la portata dell'acqua di mare che può attraversare la linea di sicurezza non deve superare 1 l/m/s, garantendo che la stabilità degli edifici adiacenti non sia messa in pericolo.
  • L'eventuale erosione delle dune durante la tempesta non deve estendersi alla prima zona residenziale.
  • Il volume delle dune rimanenti dopo l'impatto della tempesta deve essere sufficiente per evitare una breccia nella cintura delle dune.
  • Il rivestimento della diga del mare dovrebbe rimanere stabile durante una tempesta per evitare una breccia.

L'erosione costiera e gli effetti delle tempeste emergenti sono seguiti da vicino attraverso l'aereo che sorvola la spiaggia (due volte all'anno) e le aree dune (una volta ogni tre anni). Utilizzando la tecnologia LiDAR (Light Detection And Ranging), vengono create mappe di altezza delle spiagge e delle dune, consentendo il controllo dell'erosione costiera e degli interventi di gestione dei piani.

La seconda valutazione è stata completata nel 2017. Ha rivelato che il livello di protezione è nettamente aumentato nelle zone in cui sono state attuate tutte le misure previste. In altri luoghi, dove le misure non sono ancora pienamente attuate o richiedono un nutrimento costante, i livelli di sicurezza non sono pienamente raggiunti. Il prossimo passo verso la sicurezza costiera è la valutazione della sicurezza delle infrastrutture portuali esistenti come serrature e porte a un evento temporale di 1.000 anni (corrispondente alla probabilità di verificarsi di una tale tempesta dello 0,1 % in un anno).

Rilevanza

Case developed and implemented and partially funded as a Climate Change Adaptation measure.

Dettagli aggiuntivi

Partecipazione degli attori interessatI

Durante l'elaborazione del Master Plan è stata prestata particolare attenzione alla comunicazione e alla partecipazione delle parti interessate (compresi questionari, presentazioni, opuscoli, newsletter, ecc.). La consultazione delle parti interessate è stata in particolare effettuata mediante un comitato direttivo e un comitato consultivo. Il comitato direttivo è composto da rappresentanti di diversi governi e amministrazioni a livello provinciale, fiammingo e belga. Il comitato consultivo è composto da parti interessate dirette e locali provenienti da comunità costiere e città, organizzazioni naturali, yacht club, beach club e settori dell'economia locale, tra cui horeca (hotel, ristorante e ristorazione). Gli stessi organi di consultazione sono coinvolti anche nella fase di attuazione delle misure del piano generale. Inoltre, è stato elaborato un programma di comunicazione, che comprende informazioni rivolte al grande pubblico. Esso copre lo stato di avanzamento dei lavori e la pubblicazione del sito web Kustveiligheid che fornisce informazioni sulle misure pianificate e attuate.

Successo e fattori limitanti

Il Master Plan identifica chiaramente le aree più critiche del sistema costiero, consentendo l'ottimizzazione dell'uso delle risorse e concentrandosi su priorità reali. Altri fattori di successo sono:

  • l'adozione di un approccio integrato, basato sull'integrazione di misure di protezione del verde (spiaggia e delle dune) e del grigio (parete di ritorno della tempesta, ampliamento delle dighe con bacino d'onda calmante, barriera contro le tempeste);
  • la combinazione di misure di protezione con interventi di riqualificazione urbana, come nel caso della città di Ostenda, dove la protezione costiera è stata integrata con il miglioramento del porto, la ristrutturazione del lungomare e la costruzione di parcheggi sotterranei;
  • L'adozione di una visione temporale duale, comprendente sia la visione a breve termine che mirava a migliorare la protezione delle aree attualmente a rischio, sia una visione a lungo termine (2050) volta a fornire il livello di protezione desiderato anche in futuro. A questo proposito, il progetto Coastal Vision fornirà una visione a lungo termine della costa fiamminga con un orizzonte temporale fino al 2100.
  • ampia partecipazione degli stakeholder, sia nelle fasi di progettazione che di attuazione del Master Plan.

Il piano generale per la protezione delle coste è piuttosto ambizioso e richiede pertanto un impegno continuo e un sostegno tecnico-finanziario. Ciò è necessario in futuro per non limitare la piena attuazione delle misure individuate. Un'attenzione particolare è rivolta anche al monitoraggio e alla valutazione dei potenziali effetti ecologici degli interventi pianificati, tra cui in particolare il nutrimento delle spiagge.

L'attuazione di alcune misure ha incontrato preoccupazioni locali, ad esempio a Nieuwpoort, per la barriera contro l'impennata delle tempeste recentemente pianificata. In questo caso sono state adottate ulteriori misure per rispondere sia alle esigenze ambientali (interferenza dell'edificio di controllo con gli uccelli) sia alle esigenze del settore della nautica da diporto (aumento della velocità del flusso dovuto al restringimento della sezione). Abbassando l'altezza dell'edificio di controllo e rifinindolo con uno strato non riflettente, sono state soddisfatte le richieste degli specialisti della birdlife. Con l'aggiunta di culvert extra negli abutment della barriera di sovratensione della tempesta, il restringimento della sezione bagnata è stato ridotto con una riduzione delle velocità di flusso attraverso il passaggio.

Costi e benefici

Il costo totale dell'investimento da parte del governo fiammingo del Master Plan for Coastal Safety è di circa 300 milioni di euro. Questa stima non comprende i costi relativi allo sviluppo architettonico di misure di protezione grigia volte a preservare o addirittura migliorare i valori architettonici e ricreativi locali. Tali costi sono coperti dai comuni costieri. I costi di manutenzione delle nuove spiagge (cioè la conservazione delle condizioni di sicurezza dopo il nutrimento della spiaggia) ammontano a circa 8 milioni di euro all'anno.

I principali benefici sono legati all'obiettivo principale del Master Plan, ossia proteggere le comunità costiere dagli eventi tempestosi con una probabilità annuale dello 0,1 %, in condizioni attuali e il caso di innalzamento del livello del mare (fino a 30 cm entro il 2050). La protezione costiera implica il mantenimento di attivi umani costieri, tra cui in particolare: uso residenziale dello spazio costiero, del turismo, delle attività portuali e industriali. Spiagge più ampie e la progettazione di pareti marine che ottimizzano la loro integrazione nello spazio costiero esistente produrranno probabilmente benefici in termini di turismo. Monitorare i progetti e gli studi effettuati per valutare l'impatto ambientale degli interventi e l'efficacia delle soluzioni implementate stanno fornendo informazioni utili a scopo di ricerca e future attività di gestione.

Il Master Plan è conforme agli obiettivi della direttiva europea sulle alluvioni (2007/60/CE).

Il piano generale per la sicurezza costiera è integrato nelle misure di adattamento all'interno della strategia nazionale belga sui cambiamenti climatici ed elaborato nell'azione 1.34 della parte fiamminga del piano nazionale di adattamento belga.

Tempo di implementazione

L'attuazione dei lavori è iniziata nel 2011 ed è ancora in corso. All'inizio del 2020, 2/3 del bilancio totale è stato eseguito o presentato in gara.

Durata

Gli obiettivi di protezione del piano generale sono stati fissati per proteggere le zone costiere fiamminga entro il 2050. Al di là di questo orizzonte temporale, nel 2017 è stato lanciato un nuovo progetto (Kustvisie) per mantenere la costa fiamminga sicura, considerando esplicitamente le nuove sfide poste dai cambiamenti climatici.

Informazioni di riferimento

Contatto

Peter Van Besien
Flemish Government
Agency for Maritime and Coastal Services, Coastal Division
E-mail: peter.vanbesien@mow.vlaanderen.be

Riferimento

Kustveiligheid (Coastal Safety) website and Masterplan Kustveiligheid (Master Plan for Coastal Safety).

Pubblicato in Climate-ADAPT Nov 22 2022   -   Aggiornamento più recente in Climate-ADAPT Jul 13 2023


Si prega di contattarci per qualsiasi altra richiesta su questo caso di studio o per condividere un nuovo caso di studio (e -mail climate.adapt@eea.europa.eu )

Azioni sul documento