Home Banca dati Casi di studio Ripristino dei fiumi urbani: una strategia sostenibile per la gestione delle acque meteoriche a Lodz, Polonia

Exclusion of liability

This translation is generated by eTranslation, a machine translation tool provided by the European Commission.

Website experience degraded
We are currently facing a technical issue with the website which affects the display of data. The full functionality will be restored as soon as possible. We appreciate your understanding. If you have any questions or issues, please contact EEA Helpdesk (helpdesk@eea.europa.eu).
Casi studio

Ripristino dei fiumi urbani: una strategia sostenibile per la gestione delle acque meteoriche a Lodz, Polonia

Ripristino dei fiumi urbani: una strategia sostenibile per la gestione delle acque meteoriche a Lodz, Polonia

L'industrializzazionedel XIX secolo a Lodz ha colpito pesantemente i fiumi della città, alterando i loro ecosistemi e l'idrologia. Molti fiumi nella città densamente costruita sono stati canalizzati. Ciò ha comportato un maggiore rischio di alluvioni da deflusso durante i periodi di forte pioggia. La bassa ritenzione idrica implica anche una riduzione dell'umidità del suolo durante periodi di siccità, contribuendo a una temperatura più elevata e alla riduzione dell'umidità dell'aria (isola di calore urbano). Sulla base delle proiezioni sui cambiamenti climatici, si prevede che l'intensità dei periodi di pioggia pesanti e delle temperature più elevate aumenteranno ed esacerbaranno questi problemi.

In risposta a questa serie di questioni, un progetto dimostrativo del ripristino del fiume Sokołówka utilizzando processi naturali è stato realizzato a Lodz nell'ambito del progetto SWITCH finanziato dall' UE. Un concetto di rete blu-verde è stato pilotato, con l'obiettivo di migliorare la salute degli ecosistemi urbani, ridurre il rischio di alluvioni e migliorare il microclima, contribuendo in tal modo a migliorare la qualità della vita. Il concetto di rete blu-verde rimane rilevante nella pianificazione urbana di Lodz e i molteplici vantaggi dei progetti di restauro fluviale hanno suscitato interesse e azione verso l'adattamento delle tecnologie utilizzate a nuove località e lo sviluppo di aree verdi in relazione agli elementi idrici presenti in città.

Descrizione del caso studio

Sfide

Lodz si trova nella zona di origine di diciotto corsi d'acqua. La vicinanza all'acqua ha permesso alla città di diventare un importante centro manifatturiero nel19º secolo. Il passato industriale di Lodz e l'urbanizzazione hanno portato a gravi sfide per la gestione dell'acqua per la città. La maggior parte dei torrenti urbani della città sono stati canalizzati e trasformati in tubi culvert. Questo, combinato con l'elevata percentuale di superfici impermeabili in città e una conseguente ridotta capacità di assorbimento dell'acqua piovana del terreno, ha contribuito ad un aumento del deflusso superficiale e ad un rapido deflusso di acqua. Di conseguenza, alcune parti della città sono state gravemente colpite dalle inondazioni durante le tempeste. Si prevede un aumento delle precipitazioni nell'area del 15-25 % entro la fine del secolo nell'ambito della proiezione RCP 8.5 (EURO-CORDEX in Uamw 2020) che a sua volta suggerisce un aumento della pressione sui sistemi di drenaggio urbano.

Gran parte della città ha combinato fognature, il che significa che durante le forti piogge viene superata la capacità dell'impianto di trattamento delle acque reflue, che a sua volta si traduce in inquinamento di un fiume ricevente. Il degrado degli habitat di acqua dolce derivanti dall'inquinamento e dal carattere artificiale dei fiumi riduce la loro capacità di ritenzione idrica e auto-purificazione, portando a loro volta a una qualità dell'acqua più scarsa e condizioni ecologiche. Inoltre, la mancanza di spazi verdi e corsi d'acqua aperti in città aumenta i livelli di inquinamento atmosferico, riduce l'umidità e provoca un notevole effetto isola di calore urbano. Insieme questi influenzano la salute e la qualità della vita degli abitanti di Lodz. Man mano che la temperatura dovrebbe aumentare in futuro, aumenterà anche la necessità di ambienti freschi e verdi in grado di affrontare forti precipitazioni.

Obiettivi

A Lodz sono stati perseguiti due obiettivi principali:

  • Elaborazione e dimostrazione della strategia e della tecnologia per il ripristino dei fiumi municipali basati su processi naturali, con l'obiettivo di migliorare la gestione delle acque tempeste, una maggiore ritenzione idrica e una migliore qualità dell'acqua a sostegno di una maggiore biodiversità e un miglioramento della qualità della vita.
  • Sviluppo di un approccio sistematico alla pianificazione urbana, basato sul concetto di Blue-Green Network. Il concetto presuppone che le valli fluviali e gli spazi verdi siano collegati nei processi di pianificazione e sviluppo urbano, per creare un quadro per una città che trattiene l'acqua, sostenga infrastrutture verdi, incoraggi stili di vita sani, attragga business e diventi resiliente ai cambiamenti climatici globali.
Soluzioni

Le soluzioni adottate includono un progetto di restauro, attuato sul fiume Sokołówka, e lo sviluppo di un approccio globale alla pianificazione urbana basato sul concetto di rete blu-verde. Il progetto SWITCH ha introdotto un processo multi-stakeholder (cioè Learning Alliance) che coinvolge tutti gli attori della città interessati alla gestione dell'acqua e delle risorse naturali, nonché le parti interessate regionali e nazionali. Questo approccio multi-stakeholder con forti elementi di ricerca ha portato all'applicazione dei principi dell'ecoidrologia (studio delle interazioni tra acqua ed ecosistemi) e della gestione urbana integrata delle acque nel progetto dimostrativo "restauro del fiume Sokołówka".

Il fiume Sokołówka, che è per lo più fornito da sorgenti di acqua piovana, scorre parzialmente in un canale artificiale ed è stato soggetto a fioriture alghe a causa dell'elevato contenuto di sostanze nutritive nell'acqua della tempesta. Gli obiettivi del progetto di restauro erano i seguenti:

  • Applicare biotecnologie ecosistemiche innovative secondo i principi dell'ecoidrologia;
  • Aumentare la capacità del sistema fluviale di ridurre le inondazioni urbane aumentando la capacità di stoccaggio e depurazione dell'acqua;
  • Ripristinare le funzioni del fiume per migliorare la qualità della vita dei cittadini e l'attrattiva della città.

La prima fase del progetto pilota è stata l'acquisizione di dati di riferimento accurati (ad esempio analisi chimiche dei sedimenti di fondo e dell'acqua, dati biologici ed ecologici, bilancio idrico fluviale e modelli per la gestione delle acque tempeste) che sono stati utilizzati per selezionare le misure appropriate da attuare. Questa fase ha fornito le informazioni per la progettazione e la costruzione di tre serbatoi di acqua piovana (completati nel 2006, 2009 e 2010) e di un sistema di biofiltrazione sequenziale di sedimentazione per la depurazione delle acque tempeste (completato nel 2011) che è stato brevettato come innovazione SWITCH. Inoltre, il progetto ha portato a un piano più ampio per la riabilitazione del fiume Sokołówka e a un piano per lo sviluppo del parco fluviale Sokołówka.

Il progetto di restauro del fiume Sokołówka e l'approccio dimostrato alla pianificazione urbana hanno contribuito a risolvere le seguenti sfide legate ai cambiamenti climatici:

  • Riduzione dei picchi di flusso delle acque piovane mediante una serie di stagni e serbatoi, creazione e ripristino della valle fluviale e delle zone umide;
  • Aumento della ripetitività idrica nel paesaggio urbano (mitigazione di flussi estremi, aumento del livello delle acque sotterranee, sostegno della vegetazione cittadina) mediante l'applicazione della fitotecnologia;
  • Aumento della qualità dell'acqua, della stabilità ecologica delle risorse di acqua dolce e della loro capacità di carico mediante una regolamentazione ecoidrologica interna;
  • Aumento della qualità della vita e dei valori estetici nel bacino idrografico mediante il ripristino del corridoio fluviale, delle zone ecotoniche e del paesaggio;
  • Aumento della salute umana attraverso la promozione di ambienti urbani sani incorporando la rete blu-verde nel piano di sviluppo della città.

I cambiamenti nella valle di Sokołówka hanno suscitato interesse tra gli sviluppatori locali. Un'azienda, investendo in un'area abitativa vicino al fiume, era interessata a contribuire a una gestione più sostenibile delle acque tempeste, e ha deciso di introdurre soluzioni correlate come pozzi di ritenzione, in modo che tutte le acque tempeste possano essere immagazzinate interamente all'interno della loro area di investimento. Diverse iniziative dal basso verso l'alto incentrate sui fiumi e gli spazi verdi sono emerse in altre aree della città, ad esempio l'area storica del fiume Księży Młyn e Jasień. Diverse ONG si sono interessate alle infrastrutture verdi e blu e all'eventuale utilizzo dei suoi servizi, ad esempio percorsi di trasporto sostenibili alternativi (percorsi ciclabili) o cortili verdi.

Le attività pilota di restauro del fiume realizzate intorno alla Sokołówka sono state un successo e hanno convinto le autorità di Lodz e i professionisti dell'acqua del valore di replicarli per altri fiumi in tutta la città. Durante i primi anni del progetto di dimostrazione del fiume Sokołówka, un concetto di rete blu-verde è stato sviluppato dai ricercatori del Centro regionale europeo per l'ecoidrologia presso l'Accademia polacca delle scienze di Lodz. L'idea è quella di inquadrare lo sviluppo della città attraverso una rete di sistemi fluviali (ristrutturati) e spazi verdi (aree agricole, parchi e terreni dismessi). Collegare spazi "blu" e "verdi" potrebbe contribuire a mantenere la continuità dei processi ecologici e fornire un approccio integrato alla ritenzione idrica delle tempeste, nonché alla purificazione e al miglioramento del microclima urbano, consentendo in tal modo un adattamento flessibile ai cambiamenti climatici, miglioramenti della qualità della vita e un ambiente più vivibile nell'area urbana. Il concetto non è stato completamente implementato su vasta scala, ma rimane importante nella pianificazione urbana ed è stato rivisitato nello sviluppo in corso della strategia della città per l'adattamento ai cambiamenti climatici (Ecopact). Gli urbanisti di Lodz tentano di incorporare le idee della rete blu-verde nei piani nel centro della città quando le condizioni e i regolamenti locali lo consentono. Tutti gli elementi verdi come parchi, alberi e aiuole sono parte importante dei progetti urbani a Lodz e la città mira a creare corridoi verdi per collegarli.

Le esperienze e i risultati preliminari del progetto di restauro del fiume Sokołówka sono stati utilizzati anche in un progetto LIFE+ dell'UE che si è svolto nel 2010-2015: ER-REK, Riabilitazione ecoidrologica dei serbatoi ricreativi Arturówek (Łódź) come approccio modello alla riabilitazione dei bacini urbani. I serbatoi di Arturówek riabilitati costituiscono un'importante area ricreativa per gli abitanti della città che viene visitata da un massimo di 3.000 persone al giorno in alta stagione. Il sistema di sedimentazione-biofiltrazione sequenziale (SSBS) per la depurazione delle acque piovane sviluppato a Sokołówka ed EH-REK è stato successivamente utilizzato per migliorare l'efficienza nei piccoli impianti di depurazione delle acque reflue.

Il piano del parco fluviale Sokołówka avviato durante il progetto dimostrativo è stato approvato dal consiglio comunale nel 2016 e la costruzione è iniziata con percorsi e infrastrutture ricreative. Inoltre, un nuovo concetto per la più ampia riabilitazione del fiume Sokołówka e tre parchi sul suo corso è stato sviluppato nel 2020. Il nuovo progetto di sviluppo chiamato Valle di Sokołówka mira a collegare il Parco fluviale di Sokołówka, il Parco di Mickiewicz e lo stagno di Wasiak con un sentiero escursionistico, acqua e percorso educativo a tema ecosistemico e una pista ciclabile. Inoltre, la riabilitazione fluviale continua nell'area del progetto; gli stagni nel parco di Mickiewicz saranno ripuliti e l'SSBS per la purificazione dell'acqua piovana sarà migliorata. Oltre a questo, le infrastrutture e le strutture dei parchi saranno notevolmente migliorate, tra cui nuovi sentieri, mobili da strada, parchi giochi, servizi igienici e un ristorante rinnovato.

Rilevanza

Case mainly developed and implemented because of other policy objectives, but with significant consideration of Climate Change Adaptation aspects

Dettagli aggiuntivi

Partecipazione degli attori interessatI

Gli stretti legami tra i ricercatori dell'Università di Lodz e la città di Lodz, in vigore dagli anni'90, hanno fornito una solida base per la collaborazione nel progetto SWITCH. La cooperazione è stata notevolmente rafforzata e ampliata per includere altre parti interessate attraverso l'istituzione della SWITCH Learning Alliance a Lodz: un forum delle parti interessate per lo scambio di idee, piani e interessi, con fondi UE stanziati per le sue attività. Questo processo è iniziato nel marzo 2006, coinvolgendo inizialmente le parti interessate percepite come i ruoli più critici nella gestione delle risorse idriche. Nel corso del tempo sono stati identificati e coinvolti altri importanti attori. Le principali parti interessate della Lodz Learning Alliance al suo apice includevano partner di 25 diverse organizzazioni, le più importanti sono:

  • Dipartimenti della città di Lodz: Gestione municipale, ambiente e agricoltura, pianificazione strategica;
  • Waterworks and Sewage Company, che gestisce gli impianti di trattamento e le reti di approvvigionamento idrico e fognaria di Lodz;
  • Lodz Infrastructure Company, che possiede gli impianti di trattamento e le reti di approvvigionamento idrico e fognarie di Lodz;
  • Impianto di trattamento delle acque reflue di Lodz;
  • Istituti di ricerca: i) Dipartimento di Ecologia Applicata dell'Università di Lodz, (ii) Centro Regionale Europeo per l'Ecoidrologia sotto gli auspici dell'UNESCO — Istituto Internazionale dell'Accademia Polacca delle Scienze, (iii) Università Tecnica di Lodz, (iv) Medical University di Lodz, (v) Istituto di Medicina del Lavoro a Lodz;
  • Diverse ONG, che hanno aderito alla Lodz Learning Alliance nel 2009 al lancio dello sviluppo della rete blu-verde.

La Learning Alliance ha costruito e formato un team di facilitazione, ha sviluppato un sito web e una strategia di comunicazione e ha ospitato diversi incontri, corsi di formazione e workshop su diverse questioni di gestione delle acque urbane. Ogni workshop ha ampliato l'appartenenza all'Alleanza. Il team SWITCH di Lodz ha intrapreso una vasta gamma di attività di sensibilizzazione e sensibilizzazione. Tra questi, l'impegno dei giovani a sensibilizzare sulle questioni ambientali e a creare interesse per i fiumi nascosti della città. Anche i mass media, in particolare la radio e i giornali, sono stati coinvolti.

I cittadini continuano ad avere un ruolo significativo nello sviluppo delle aree verdi e blu di Lodz. Ad esempio, molti miglioramenti al parco fluviale di Sokołówka sono stati avviati dai cittadini. Prosegue inoltre la collaborazione tra la città di Lodz e gli istituti di ricerca locali e le imprese infrastrutturali. Una società di acque e acque reflue ha creato un sentiero dei fiumi Lodz per mostrare dove i fiumi parzialmente coperti corrono in città. Ci sono anche idee per scoprire alcune parti di altri fiumi, ad esempio nel parco di Ródliska e nel parco di Kilinski.

Successo e fattori limitanti

I principali fattori di successo possono essere riassunti come segue:

  • La partecipazione al progetto SWITCH è stata un fattore trainante importante, anche grazie ai finanziamenti disponibili attraverso il progetto. La partecipazione al progetto ha contribuito a coniugare la competenza tecnica con la pianificazione in città e a sensibilizzare sulla necessità di considerare gli spazi verdi e blu della città. Un professore dell'Università di Lodz ha dichiarato che "SWITCH ha completamente cambiato il modo in cui la città guarda all'acqua (...) L'idea che l'acqua e le aree verdi possano essere centrali nel futuro di Lodz è diventata una visione accettata in città".
  • Il coinvolgimento delle parti interessate attraverso l'Alleanza per l'apprendimento è stato un forte motore dell'iniziativa. Attraverso l'alleanza, sono stati forgiati forti nuovi legami tra scienziati, decisori e altre parti interessate chiave. Questi collegamenti sono mantenuti ben oltre la conclusione del progetto SWITCH.
  • Gran parte del successo di Learning Alliance è dovuto ai forti campioni all'interno del forum. Le persone impegnate, in particolare un professore dell'Università di Lodz che ha promosso il restauro fluviale dagli anni'90, sono state strumentali al processo di costruzione della partnership e della sua continuità. Il successo della Learning Alliance si è basato anche su una forte facilitazione, una comunicazione frequente e l'impegno degli stakeholder di tutte le organizzazioni al coinvolgimento regolare. Sebbene la Learning Alliance non sia più operativa ufficialmente, i legami stabiliti portano ancora benefici, sotto forma di nuovi progetti, iniziative e una migliore cooperazione tra gli ex membri della Learning Alliance.
Costi e benefici

Il finanziamento dell'UE è stato fondamentale per il progetto. Il budget totale del progetto SWITCH per le attività a Lodz di circa 1 150 000 EUR ha coperto i costi per l'università e per la città di Lodz per cinque anni. Il progetto dimostrativo del fiume Sokołówka aveva un budget di circa 700,000 EUR. Circa 130,000 EUR sono stati investiti nelle attività di Learning Alliance. Va ricordato che molti contributi in natura sono stati forniti, in particolare dai ricercatori e dagli studenti di dottorato degli istituti di ricerca di Lodz.

I molteplici benefici del progetto di restauro di Sokołówka non sono stati quantificati, ma includono almeno evitati danni causati dalle inondazioni urbane, aumento del valore dell'ambiente urbano attraente, benefici per la salute dovuti al miglioramento della qualità dell'aria e alla riduzione dell'effetto dell'isola di calore urbano. La soluzione si è dimostrata in pratica in quanto i serbatoi raccolgono l'acqua in eccesso ad ogni evento piovoso e l'area è evidentemente più attraente da vivere. Nuovi edifici sono progettati per essere costruiti nella zona e le persone sono disposti a pagare di più per gli appartamenti nella zona. Cosa più importante, tuttavia, le persone che vivono nella zona sono molto legate ai parchi e al fiume che costruiscono l'identità locale.

Nel maggio 2009, le raccomandazioni per una rete blu-verde sono state incorporate in uno dei documenti strategici più importanti della città utilizzato come base per la pianificazione territoriale: studio delle condizioni e delle direzioni dello sviluppo territoriale della città di Lodz. Nel 2012, il concetto è entrato ufficialmente a far parte della Strategia per lo sviluppo integrato di Lodz 2020+. Il progetto di follow-up Arturowek Reservoirs risponde direttamente ai requisiti della direttiva UE 2006/7/WE sulle acque di balneazione e della direttiva quadro sulle acque 2000/60/UE.

Tempo di implementazione

La reingegnerizzazione del fiume Sokołówka si è svolta principalmente durante il progetto SWITCH nel 2006-2011. Il progetto di riabilitazione dei bacini di Arturowek (EH-REK) ha sfruttato i primi risultati del restauro del fiume Sokołówka ed è stato realizzato nel 2010-2015. I progetti di sviluppo successivi avviati durante il progetto swtich sono stati portati avanti in seguito dalla città di Lodz. Il piano di riqualificazione del parco Sokołówka è stato approvato nel 2016 e nel 2020 è stato sviluppato un nuovo concetto per il più ampio piano di risanamento del fiume Sokołówka.

Durata

Anche se il ripristino dei sistemi ecologici danneggiati e delle funzioni dell'ecosistema è difficile e può essere costoso, è anche una soluzione duratura e i suoi effetti potrebbero superare la durata di una generazione.

Informazioni di riferimento

Contatto

Maciej Zalewski
European Regional Centre For Ecohydrology Polish Academy of Sciences (ERCE PAS)
E-mail: m.zalewski@erce.unesco.lodz.pl 
UNESCO Chair on Ecohydrology and Applied Ecology, University of Lodz
E-mail: m.zalewski@erce.unesco.lodz.pl 

Aleksandra Sztuka-Tulińska
Environment Management Division in Department of Ecology and Climate
The City of Lodz Office
E-mail: a.sztuka@uml.lodz.pl 

Riferimento

SWITCH (Sustainable Water Management Improves Tomorrow Cities Health) project, City of Lodz, University of Lodz, European Regional Centre For Ecohydrology Polish Academy of Sciences

Pubblicato in Climate-ADAPT Nov 22 2022   -   Aggiornamento più recente in Climate-ADAPT Jul 13 2023


Si prega di contattarci per qualsiasi altra richiesta su questo caso di studio o per condividere un nuovo caso di studio (e -mail climate.adapt@eea.europa.eu )

Azioni sul documento