Home Banca dati Casi di studio Vrijburcht: un giardino collettivo a prova di clima finanziato con fondi privati ad Amsterdam

Exclusion of liability

This translation is generated by eTranslation, a machine translation tool provided by the European Commission.

Website experience degraded
The European Climate and Health Observatory is undergoing reconstruction until June 2024 to improve its performance. We apologise for any possible disturbance to the content and functionality of the platform.
Casi studio

Vrijburcht: un giardino collettivo a prova di clima finanziato con fondi privati ad Amsterdam

Vrijburcht: un giardino collettivo a prova di clima finanziato con fondi privati ad Amsterdam

Vrijburcht è un complesso polivalente abitativo ad Amsterdam. Offre molti servizi sociali condivisi sia per i residenti che per le persone del quartiere. Il cuore del complesso è il giardino del cortile con alberi, un orto, prati, fiori, panchine e una serra. L'orto fornisce varie soluzioni all'impatto atteso dei cambiamenti climatici; offre ai residenti un ambiente fresco durante le estati più calde; L'acqua piovana viene immagazzinata in serbatoi sotterranei per l'irrigazione in periodi di siccità; L'area non sigillata consente la massima permeabilità all'acqua piovana. Il complesso è stato realizzato e finanziato attraverso una "commissione collettiva privata".

I futuri residenti sviluppano congiuntamente il progetto, che dà loro la massima influenza sulla progettazione, ma include anche il carico dei rischi legati alla fase di prefinanziamento e costruzione. Il giardino del cortile a prova di clima era parte integrante del design del complesso e delle sue caratteristiche in base ai desideri dei futuri residenti.

Descrizione del caso studio

Sfide

Il cambiamento climatico dovrebbe portare a eventi piovosi estremi più frequenti e più intensi nei Paesi Bassi. Gli studi suggeriscono che un aumento della temperatura di 1 grado aggiungerebbe il 14 % al volume delle precipitazioni durante gli eventi di precipitazioni estreme. Ad Amsterdam, già ora, piogge intense spesso portano a inondazioni a causa della limitata permeabilità delle aree superficiali della città. Liberarsi dell'acqua sembra una prima e ovvia reazione. Tuttavia, in un clima futuro, i periodi di siccità possono verificarsi più spesso durante i mesi estivi, richiedendo l'irrigazione della vegetazione urbana in spazi pubblici e privati. L'acqua dovrebbe quindi essere preservata all'interno dell'ambiente urbano. Inoltre, le temperature aumenteranno e la temperatura media dovrebbe aumentare di 1-1,3 gradi Celsius nel 2050.  Questo sarà accompagnato da giornate estive più calde e più frequenti ondate di calore durante le quali l'ambiente costruito potrebbe diventare sgradevolemente caldo.

Obiettivi

L'obiettivo primario dei residenti — essere per l'edificio Vrijburcht era quello di offrire un edificio attraente e sostenibile per le persone a vivere, lavorare e incontrarsi creando un mix di alloggi a prezzi accessibili, atelier/uffici e spazi pubblici. Il complesso è stato finanziato principalmente dai futuri residenti. Tutte le case sono raggiungibili tramite il cortile che funge da zona centrale e informale per i residenti di incontrarsi. Allo stesso tempo dovrebbe ridurre il rischio di inondazioni pluviali, immagazzinare l'acqua piovana per l'irrigazione e ridurre lo stress termico fornendo un buon microclima agli utenti dell'edificio.

Soluzioni

Il complesso comprende 52 appartamenti, due camere, una casa di cura per sei giovani con lievi disabilità mentali, uno spazio per hobby condiviso, un capannone per biciclette e un garage, un centro diurno, una caffetteria con terrazza sul lato dell'acqua, un teatro, una piattaforma galleggiante per nuotare e un molo di atterraggio per un club di vela. Il giardino del cortile offre soluzioni per prevenire o ridurre le inondazioni dovute a piogge estreme, siccità durante i periodi secchi e stress da calore durante le calde giornate estive:

  • L'acqua piovana dai tetti viene raccolta in due vasche sepolte nel giardino e può contenere in totale 6 000 l di acqua. Questa acqua viene utilizzata per l'irrigazione del giardino e delle piante sulle terrazze/balconi circostanti e copre il fabbisogno totale di irrigazione nella maggior parte degli anni.
  • Il parcheggio auto è costruito sotto l'edificio e il giardino è pavimentato minimamente per creare la massima permeabilità per l'acqua piovana nel giardino.
  • Il rilievo viene creato in modo che l'acqua fluisca da parti superiori a un ambiente paludoso. Ciò impedisce l'inondazione del giardino e migliora la diversità della vegetazione creando ambienti essiccati e umidi attraverso il giardino del cortile.
  • I tubi di scarico sono staccati dalle facciate a livello del piano terra e insieme formano una costruzione pergolata per piante striscianti. Ciò riduce al minimo l'impatto di eventuali perdite sulla facciata. Le piante striscianti sono utilizzate anche all'esterno dell'edificio dove coprono schermi a vento per formare facciate verdi.
  • I numerosi alberi del giardino forniscono ombra e contribuiscono così ad un piacevole microclima nelle calde giornate estive.

Per essere in grado di realizzare il complesso edilizio e il giardino a corte, è stata avviata un'iniziativa collettiva di commissioning privato (CPC) che consente ai futuri residenti di organizzarsi e realizzare i loro desideri (vedi anche "partecipazione delle parti interessate").

Rilevanza

Caso sviluppato e implementato principalmente a causa di altri obiettivi politici, ma con una considerazione significativa degli aspetti di adattamento ai cambiamenti climatici

Dettagli aggiuntivi

Partecipazione degli attori interessatI

Il progetto è un'iniziativa collettiva di commissioning privato (CPC). Ciò significa che i futuri residenti hanno sviluppato congiuntamente il progetto, anche assumendo i rischi connessi al prefinanziamento. I futuri residenti si sono organizzati in una fondazione (Fondazione Vrijburcht). Questo assetto organizzativo ha il vantaggio di dare molta libertà ai futuri residenti di realizzare il loro desiderio, ma chiede anche un forte impegno per il processo. Tutti i costi sono stati sostenuti dalla Fondazione Vrijburcht per conto dei (futuri) residenti.

Non c'è stata alcuna sovvenzione. La Fondazione Vrijburcht ha invece organizzato con Rabobank l'opzione di un prestito personale a tasso d'interesse favorevole e ha organizzato procedure per una costruzione speciale di mutui di Amsterdam per le persone con un reddito medio regolare (il cosiddetto "Amsterdamse Midden Hypotheek"). Anche la società immobiliare (sociale) "De Key" ha fornito garanzia finanziaria e know-how.

Vrijburcht è stato avviato nel 2000 da un gruppo di persone intorno all'architetto, tutti residenti nel centro di Amsterdam. Hanno visto la possibilità di creare la propria nuova casa in un progetto CPC. Era la loro visione che l'edificio dovesse includere spazi di lavoro e una funzione teatrale. Questo piccolo gruppo di persone ha iniziato a coinvolgere più persone e ha presentato il loro piano al comune. Il comune di Amsterdam ha riservato aree specifiche dell'isola di nuova costruzione "Steigereiland" al progetto CPC. Nel 2002 una parcella è stata definitivamente assegnata a Vrijburcht. Nel corso del 2002 è diventato chiaro che non c'erano ancora abbastanza partecipanti. In questa fase la società immobiliare (sociale) "De Key" è stata coinvolta e nel 2003 De Key ha firmato un accordo con la Fondazione Vrijburcht, che è stato legalmente istituito lo stesso anno. L'accordo ha riguardato il sostegno e il sostegno alla realizzazione del programma, il finanziamento di 21 abitazioni, l'affitto sovvenzionato di alloggi per la vita assistita per sei giovani con una disabilità leggera e i loro assistenti (De Roef), nonché l'acquisto e l'affitto dell'asilo nido e della caffetteria. "De Key" ha ottenuto l'appartenenza passiva al consiglio generale della Fondazione Vrijburcht. La commissione del giardino del cortile diventa attiva nel 2004 e presenta i suoi progetti in un laboratorio nel giugno 2004, intorno al momento del completamento del progetto preliminare.

Il progetto del giardino del cortile è stato realizzato da architetti paesaggisti che sono stati anche coinvolti nella Fondazione Vrijburcht come residenti-to-be. Il loro coinvolgimento in una fase iniziale del processo ha permesso di giungere ad una reale integrazione del giardino e dell'edificio (ad esempio parcheggio completamente sotto l'edificio e non sotto il giardino, costruzione di pergolati di tubi di acqua piovana) e un serio budget per il giardino. Attraverso presentazioni, escursioni, un sondaggio di opinione e diversi workshop con altri futuri residenti si è formata un'idea comune su programma, atmosfera e stile di design. Esiste ancora una "commissione giardino" separata, responsabile della manutenzione del giardino.

Successo e fattori limitanti

I principali fattori di successo dell'iniziativa sono:

  • Il processo di costruzione/sviluppo edilizio è stato un processo collettivo con l'auspicio comune di un edificio sostenibile sia nel contesto sociale che climatico. Il concetto di cortile verde e sostenibile è stato ampiamente sostenuto da tutte le parti interessate.
  • Il coinvolgimento precoce degli architetti del paesaggio nel processo collettivo è stato un elemento chiave per integrare lo spazio verde con l'edificio e per riservare abbastanza denaro dal budget totale del progetto per realizzarlo.
  • La Fondazione Vrijburcht consisteva in persone che hanno investito molto tempo e sforzi nel processo, che è un prerequisito in una messa in servizio collettiva e privata. Gli architetti del paesaggio hanno portato la loro esperienza professionale nella gestione dei processi come membri della Fondazione Vrijburcht.
  • La fondazione (sociale) residenziale ‘De Key' ha fornito garanzia finanziaria finanziando le case che non erano ancora vendute, e lasciandole fuori, e lasciando fuori altri spazi (ad esempio, centro diurno e alloggi per persone leggermente disabili). "De Key" ha anche fornito esperienza nella supervisione della fase di costruzione. Ciò ha permesso l'inizio dell'edificio nella fase in cui non c'erano ancora abbastanza partecipanti privati. "De Key" ha preso parte alla Fondazione Vrijburcht ma ha dato spazio ai partecipanti privati per sviluppare il proprio concetto.
  • Sono state adottate misure a bassa tecnologia che hanno reso il giardino accessibile e sostenibile (ad esempio l'uso di piante rampicanti comuni anziché soluzioni tecniche per le facciate verdi).
Costi e benefici

I costi del giardino stesso ammontavano a 55,000 EUR, esclusi i costi dell'impianto di stoccaggio dell'acqua piovana (17,500 EUR) e di una serra (30,000 EUR). I costi complessivi del complesso edilizio ammontavano a 16 milioni di euro. I costi dell'orto sono stati sostenuti da tutti i residenti/utenti nell'ambito dei costi totali attraverso la Fondazione Vrijburcht (cfr. anche "partecipazione delle parti interessate"). Il giardino era un desiderio collettivo degli stakeholder ed è stato finanziato da loro facendo compromessi nella progettazione complessiva del complesso: il bilancio complessivo è stato fissato, ma il giardino potrebbe essere finanziato mediante l'economizzazione su altri aspetti della progettazione dell'edificio.

Su base annua, i costi di manutenzione dell'orto ammontano a 3 000 EUR, compreso il contributo di un giardiniere accanto al lavoro volontario dei residenti. Anche i costi di manutenzione sono sostenuti dagli abitanti e ‘De Key' nell'ambito del regolare canone di servizio dell'edificio, gestito attraverso l'associazione proprietaria. Una commissione giardino si occupa degli aspetti generali della manutenzione del giardino collettivo.

I benefici sono difficili da esprimere in termini monetari. Il giardino contribuisce al benessere dei residenti e un buon microclima. Gli abitanti, ad esempio, non sentono il bisogno di aria condizionata nelle loro case. L'acqua per l'irrigazione delle numerose piante sulle terrazze oltre al giardino del cortile proviene dal deposito dell'acqua piovana che soddisfa le esigenze idriche nella maggior parte degli anni. Si evita l'inondazione del giardino durante intense docce. Il giardino è anche un luogo ricreativo dove i residenti si incontrano, sottolineando così l'aspetto collettivo del complesso, fornisce frutta/verdura e funge da parco giochi naturale per i bambini.

Lo sviluppo del progetto è stato realizzato attraverso la messa in servizio collettiva privata. I privati acquisirono insieme un pezzo di terra e si unirono in una Fondazione che funge da commissario per l'intero progetto. Ciò significa che i residenti hanno un'influenza sul progetto attraverso la Fondazione Vrijburcht creata appositamente.

Una volta realizzato il progetto, tutti i proprietari degli appartamenti e degli altri spazi dell'edificio sono stati uniti nell'Associazione Home Owner (Vereniging van Eigenaars), che è una persona giuridica che si occupa della manutenzione dell'edificio e di altri interessi condivisi, tra cui il giardino. L'associazione ha un comitato esecutivo, un'assemblea generale, un presidente e un comitato finanziario ed è una struttura comune in tutti i casi nei Paesi Bassi quando più proprietari sono coinvolti all'interno di un edificio.

Tempo di implementazione

La fase di pianificazione è iniziata nel 2000, la fase di costruzione è iniziata nel 2005. Vrijburcht, compreso il giardino del cortile, è stato completato nel 2007.

Durata

Per l'edificio stesso l'orizzonte temporale per la manutenzione è di 40 anni, ma non ci sono limiti fondamentali per un uso più lungo. Per il giardino non c'è anche nessuna restrizione, anche se la manutenzione annuale sarà necessaria.

Informazioni di riferimento

Contatto

M. Vergunst
Beheerstichting Vrijburcht
p/a Pedro de Medinalaan 128
1086 XR Amsterdam
Tel: +31 20 6923007
E-mail: info@vrijburcht.com

 

Riferimento

Vrijburcht - a privately funded climateproof collective garden in Amsterdam: websites and interviews to M. Vergunst and H. Schuitemaker.

Pubblicato in Climate-ADAPT Nov 22 2022   -   Aggiornamento più recente in Climate-ADAPT Jan 18 2024


Si prega di contattarci per qualsiasi altra richiesta su questo caso di studio o per condividere un nuovo caso di studio (e -mail climate.adapt@eea.europa.eu )

Azioni sul documento