Exclusion of liability

This translation is generated by eTranslation, a machine translation tool provided by the European Commission.

Website experience degraded
We are currently facing a technical issue with the website which affects the display of data. The full functionality will be restored as soon as possible. We appreciate your understanding. If you have any questions or issues, please contact EEA Helpdesk (helpdesk@eea.europa.eu).

Calore e salute

Mortalità globale legata al calore per le popolazioni di età superiore ai 65 anni. Fonte: Watts et al., 2020

Problemi di salute

Gli aumenti previsti della temperatura media e della frequenza, dell'intensità e della durata delle ondate di calore potrebbero avere gravi ripercussioni sulla salute pubblica nella regione europea dell'OMS, in particolare tra gli anziani e nelle città a causa dell'effetto dell'isola di calore urbano. Globalmente, negli ultimi 20 anni, la mortalità legata al calore nelle persone di età superiore ai 65 anni è quasi raddoppiata e ha raggiunto circa 300 000 morti nel 2018. I decessi nella regione europea dell'OMS sono aumentati di oltre il 30 % nello stesso periodo (Watts et al., 2020).

L'età, le condizioni mediche preesistenti e la privazione sociale sono fattori chiave che rendono le persone suscettibili di sperimentare esiti sanitari più avversi legati al calore e alle temperature estreme (Ufficio regionale dell'OMS per l'Europa, 2018). Altri gruppi vulnerabili a maggior rischio includono le persone con condizioni croniche (come malattie cardiorespiratorie, disturbi del sistema endocrino, disturbi della salute mentale, disturbi metabolici e renali), donne incinte, bambini piccoli, lavoratori all'aperto, persone che vivono in contesti urbani in ambienti socialmente ed economicamente svantaggiati, migranti e viaggiatori. Oltre ai cambiamenti climatici, l'invecchiamento della popolazione e l'urbanizzazione influenzano fortemente il rapporto tra temperature e salute nella regione europea dell'OMS (Ufficio regionale per l'Europa dell'OMS, 2021).

Effetti osservati

Il potenziale di esposizione pericolosa al calore estremo è aumentato negli ultimi decenni (EEA, 2017). L'esposizione al calore può avere effetti diretti come stress da calore o disidratazione, o effetti indiretti come un peggioramento di malattie cardiovascolari e respiratorie, malattie renali o disturbi elettrolitici. Gli effetti diretti del calore si verificano principalmente lo stesso giorno e nei successivi 3 giorni (Ufficio regionale dell'OMS per l'Europa, 2018). A livello globale, le popolazioni vulnerabili hanno registrato 475 milioni di esposizioni aggiuntive agli eventi delle ondate di calore nel 2019, il che si è riflesso, a sua volta, nell'eccessiva morbilità e mortalità (Watts et al., 2020). Nel 2018, il costo monetizzato della mortalità legata al calore nella regione europea dell'OMS era equivalente al reddito medio di 11 milioni di europei (Watts et al., 2020). Studi specifici della città hanno mostrato una riduzione della mortalità termica nelle città mediterranee ma non nelle città del nord della regione (Ufficio regionale dell'OMS per l'Europa, 2021).

Effetti proiettati

Le proiezioni per l'Europa indicano che il numero di giorni con elevati livelli di stress termico aumenterà ovunque nella regione (SEE, 2017), mentre gli impatti legati al calore potrebbero aumentare notevolmente grazie agli effetti combinati dei cambiamenti climatici, dell'urbanizzazione e dell'invecchiamento. Nell'ultimo decennio, una serie di studi scientifici hanno fornito proiezioni degli impatti sulla salute legati al calore per la regione europea dell'OMS a livello locale, subnazionale e nazionale. Di conseguenza, la probabilità di ondate di calore è aumentata per 31 capitali europee, mentre tutte le aree metropolitane europee saranno più vulnerabili al caldo estremo nei prossimi decenni (Ufficio regionale dell'OMS per l'Europa, 2021). L'entità degli effetti del calore sulla salute umana dipende dalle future emissioni di gas a effetto serra e dall'entità delle misure preventive introdotte in tutto il mondo. Entro la fine del secolo l'Unione europea potrebbe subire oltre 100 000 morti di calore supplementari all'anno in uno scenario di forte riscaldamento. Il numero di morti sarebbe molto meno se l'aumento della temperatura globale fosse limitato a 2ºC. Pertanto, limitare il riscaldamento a meno di 2ºC potrebbe prevenire la mortalità e la morbilità associate al calore (EASAC, 2019). Senza elevati livelli di adattamento, il cambiamento climatico è destinato ad aumentare sostanzialmente il carico di malattia legato al calore.

Policia risposte

La prevenzione del calore richiede un portafoglio di azioni a diversi livelli, tra cui sistemi meteorologici di allarme rapido, consulenza pubblica e medica tempestiva, miglioramenti dell'alloggio e della pianificazione urbana e garantire che i sistemi sanitari e sociali siano pronti ad agire. Queste azioni possono essere integrate in una risposta sistematica della salute pubblica — un piano d'azione per la salute termica (HHAP). I paesi si trovano in diverse fasi di preparazione, sviluppo e attuazione degli HHAP. Nel 2 019 l'Ufficio regionale per l'Europa dell'OMS ha condotto un'indagine che ha esaminato la governance e gli accordi istituzionali per gli HHAP. Su un totale di 35 paesi partecipanti all'indagine, 16 hanno indicato l'esistenza di un HHAP nazionale, con diversi altri paesi che hanno istituito HHAP a livello subnazionale o cittadino (Ufficio regionale dell'OMS per l'Europa, 2021).

La pagina dell'Osservatorio sui piani d'azione nazionali per la salute termica e i sistemi di allarme fornisce una panoramica dei piani d'azione nazionali (e di alcuni subnazionali) per la salute del calore e dei sistemi di allarme. Ulteriori risorse per migliorare la capacità di proteggere le popolazioni dai rischi per la salute evitabili del calore estremo nel nostro clima che cambia sono fornite dalla rete globale di informazioni sulla salute del calore, coordinata dall' Ufficio congiunto per il clima e la salute dell'OMS/OMM.

Referenze

Link per ulteriori informazioni