Exclusion of liability

This translation is generated by eTranslation, a machine translation tool provided by the European Commission.

Website experience degraded
We are currently facing a technical issue with the website which affects the display of data. The full functionality will be restored as soon as possible. We appreciate your understanding. If you have any questions or issues, please contact EEA Helpdesk (helpdesk@eea.europa.eu).
1

Preparare il terreno per l'adattamento

1.4 raccolta di informazioni

L'elaborazione delle politiche di adattamento dovrebbe basarsi su prove e solide informazioni e conoscenze. Quando si inizia a pianificare l'adattamento, dovrebbe essere effettuata una raccolta di tutte le informazioni potenzialmente pertinenti. Ciò include l'individuazione dei lavori esistenti sugli impatti e i rischi attuali e potenziali futuri legati al clima (I), le attività pertinenti in corso in materia di adattamento (II) e gli esempi di buone pratiche all'interno o all'esterno del paese (III).

I. Identificare i lavori esistenti sugli impatti e sui rischi attuali e futuri legati al clima

Dovrebbe essere effettuato un primo screening dei lavori esistenti sui possibili effetti connessi ai cambiamenti climatici a breve, medio e lungo termine. L'AEA produce numerosi indicatori che descrivono i cambiamenti climatici osservati e previsti e i suoi impatti in Europa. Inoltre, la relazione dell'AEA sui cambiamenti climatici, gli impatti e la vulnerabilità in Europa 2016 — una valutazione basata su indicatori fornisce un'utile panoramica degli indicatori SEE e ulteriori informazioni sul contesto politico. Un fornitore di servizi climatici affidabile e orientato all'utente è Copernicus Climate Change Service (C3S). C3S dà accesso alle informazioni sugli stati climatici passati, attuali e futuri in Europa; in particolare, il Climate Data Store (CDS) fornisce servizi su misura per specifiche esigenze pubbliche o commerciali. L' European Climate Data Explorer è un'interfaccia utente grafica che fornisce accesso inteattivo a molti indici climatici dal Climate Datat Store del C3S. Inoltre, C3S offre relazioni annuali sul clima, bollettini climatici e studi pilota sulla valutazione dell'impatto climatico per settori selezionati attraverso il suo sistema d'informazione settoriale (SIS).

Inoltre, la serie di progetti PESETA (PESETA I, II, III e IV) del Centro comune di ricerca (JRC) valuta le possibili conseguenze biofisiche ed economiche dei futuri cambiamenti climatici per l'Europa. 

Questa fase di screening dovrebbe tener conto anche dei risultati di progetti e studi incentrati su settori specifici quali: agricoltura, silvicoltura, gestione delle risorse idriche, pesca, biodiversità e servizi ecosistemici, salute, energia, turismo, trasporti, costruzioni/edifici, economia/industria, protezione civile/riduzione del rischio di catastrofi, pianificazione territoriale/pianificazione territoriale e questioni sociali. L'AEA fornisce una panoramica delle sfide poste dalle azioni relative ai cambiamenti climatici e all'adattamento ai settori dell' agricoltura, dei trasporti e dell'energia. Le associazioni settoriali, le consulenze o i singoli enti pubblici effettuano analisi settoriali. Eventi e disastri naturali e climatici passati sono documentati in diverse banche dati internazionali, come EM-DAT o DesInventar, ma a causa delle soglie nella segnalazione hanno i loro limiti. Il settore assicurativo, in particolare le società di riassicurazione, mantiene anche banche dati sui rischi e rischi, ad esempio Swiss Re Institute fornisce servizi Sigma e CatNet e Munich Re mantiene NatCatSERVICE.

Questa prima panoramica generale contribuirà a innescare il processo e a sviluppare un caso di adattamento e fornirà una base per un'analisi più approfondita in una fase successiva. Inoltre, sostiene la promozione della discussione sugli aspetti pertinenti della politica di adattamento, quali obiettivi, settori prioritari, gruppi vulnerabili, ecc.

II. Individuare le attività in corso pertinenti ai fini dell'adattamento

L'adattamento non deve essere effettuato isolatamente. Occorre individuare gli strumenti pertinenti e le azioni in corso relative all'adattamento (sebbene eventualmente non siano state realizzate nell'ambito dell'"adattamento") in atto, come ad esempio la riduzione e la gestione del rischio di catastrofi, la protezione della biodiversità o le politiche di pianificazione territoriale/pianificazione spaziale. Inoltre, dovrebbero essere individuate strategie/piani di adattamento settoriali o regionali esistenti nel paese, nonché le attività transnazionali ed europee in materia di adattamento e adattamento.

Ciò può essere fatto in stretta collaborazione con i colleghi di altre autorità e le parti interessate interessate, con le seguenti domande guida per aiutare a identificare le attività in corso pertinenti per l'adattamento:

  • Si sono già confrontati con i temi del cambiamento climatico o dell'adattamento?
  • Sono a conoscenza di studi o progetti sul tema del cambiamento climatico o dell'adattamento da altre fonti (università, altri istituti di ricerca, ministeri governativi, altri paesi, ecc.) che sono importanti?
  • Esistono già misure che contribuiscono all'adattamento, anche se non sono specificamente identificate o etichettate come misure di adattamento?
  • Sono già state attuate attività mirate in materia di adattamento?
  • Esistono strumenti, strategie, processi, ecc. esistenti che sono importanti o potrebbero essere utilizzati per l'adattamento ai cambiamenti climatici?
  • Quali sono le reti o le iniziative esistenti rilevanti per l'adattamento e in che modo possono essere utilizzate o sequestrate per l'adattamento?

Una panoramica delle attività specifiche per paese nel campo dell'adattamento ai cambiamenti climatici è disponibile nellepagine delpaese Climate-ADAPT.

III. Esplorare le buone pratiche all'interno o all'esterno del paese

Le pratiche di adattamento che funzionano bene in un settore possono potenzialmente essere trasferite per affrontare sfide simili in altri settori considerando contesti specifici. Tuttavia, l'esecuzione delle singole misure può dipendere dalla portata del problema e dalla portata specifica dell'attuazione. L'utilizzo delle informazioni esistenti sulle buone pratiche ed esperienze di adattamento (vale a dire casi di studio sul clima-ADAPT) può anche ottimizzare le risorse individuali e la gestione dello sforzo.

Elementi della banca dati Climate-ADAPT

Relevant tile