Home Banca dati Casi di studio Programma di ripresa del paesaggio e dello spartiacque per la regione di Košice in Slovacchia

Exclusion of liability

This translation is generated by eTranslation, a machine translation tool provided by the European Commission.

Website experience degraded
The European Climate and Health Observatory is undergoing reconstruction until June 2024 to improve its performance. We apologise for any possible disturbance to the content and functionality of the platform.
Casi studio

Programma di ripresa del paesaggio e dello spartiacque per la regione di Košice in Slovacchia

Programma di ripresa del paesaggio e dello spartiacque per la regione di Košice in Slovacchia

Sulla base di precedenti iniziative di successo, la regione di Košice sta attuandoun ambizioso programma di ripristino per ridurre il deflusso, mitigare le inondazioni, contrastare lasiccità e le ondate di calore,attraverso diversi tipi di strutturediritenzione idrica nelle foreste, neiterreniagricoli e nelle città.

La maggior parte della regionedi Košice (sud-est della Repubblica slovacca) è coperta da seminativi e foreste che risentono dell'impatto combinato dei cambiamenti climatici e della cattiva gestione del territorio dominata dalle monocolture in agricoltura. Il "Piano dei consigli delle acque del programma di recupero del paesaggio edeibaciniidrografici" (di seguito "programma di ripristino"), adottato nel 2021 dall'amministrazione regionale, rappresenta un punto di svolta rilevante. Riconosce i molteplici vantaggi della conservazione dell'acqua come approccio di adattamento ai cambiamenti climatici. Il programma comprende misure per i paesaggi boschivi, agricoli e urbani.

Sono stati istituitisei comitati consultivi per il ripristino dell'acqua e del territorio per coordinare l'attuazione dei progetti di ritenzione idrica in ciascun distretto. Sono state coinvolte diverse parti interessate, tra cui i comuni, le università, gli agricoltori, i proprietari terrieri, i volontari e gli attivisti.

Le esperienze passate di misure di ritenzione idrica nella regione hanno dimostrato un elevato potenziale di upscaling, considerando il loro successo nel ridurre l'erosione del suolo, infiltrarsi nell'acqua e rivitalizzare il paesaggio. Nonostante ciò, il sostegno del governo nazionale è essenziale per garantire fondi adeguati e continuità a lungo termine nell'approccio proposto.

Descrizione del caso studio

Sfide

La regione di Košice,situata nel sud-est della Repubblica slovacca, è larga 6,754 km2e copre il 14 % del territorio nazionale. La comunità è la seconda più popolata e la quarta più grande della Slovacchia. La maggior parte della regione è coperta da seminativi e foreste che risentono dell'impatto combinato dei cambiamenti climatici e della cattiva gestione del territorio.

Un aumento dei valori della temperatura dell'aria è stato osservato dall'Istituto idrometeorologico slovacco (SHMU, 2022). Il riscaldamento è più evidente in estate, soprattutto in agosto, dove il cambiamento rispetto alla media storica ha raggiunto + 2ºC. Un cambiamento temporale e spaziale nella distribuzione delle precipitazioni è stato osservato anche nella maggior parte della Slovacchia. È stato osservato un aumento relativamente significativo delle precipitazioni autunnali e, più recentemente, un aumento delle precipitazioni estive. Cambiamenti nei modelli di precipitazione si osservano anche nella regione di Košice (strategia di adattamento aicambiamenti climatici della regione di Košice, 2020),con un aumento delle precipitazioni estive nelle regioni montuose (Telgart) e una diminuzione delle pianure (soprattutto a est di Milhostov — Lowlands slovacche orientali).

Nelle zone rurali, il degrado del suolo, causato da pratiche agricole su larga scala, tra cui la monocoltura, laperdita di copertura del suolo e ladeforestazione (Danačová, 2020), contribuiscealle inondazioni poiché la struttura del suolo e gli aggregati perdono la loro capacità di trattenere l'acqua edi defluire. In media, la Slovacchia ha i più grandi settori agricoli di tutti i paesi dell'Unione europea, secondo larelazionedell'Istituto di politica ambientale (IEP). Mentre la superficie di campo media nei paesi dell'UE è di 3,9 ettari, il campo medio in Slovacchia si estende su 12 ettari. Il numero di campi monocoltivi ha raggiunto quasi 15,000 nel 2019 e la loro superficie totale ha occupato quasi il 46 % di tutti i terreni agricoli della Slovacchia. Le grandi monocolture di mais, grano e colza dominano i campi slovacchi. Ciò peggiora la qualità del suolo, mentre il degrado del suolo determina l'erosione e la perdita di suolo. La regione di Košice perde ogni anno oltre 120 milioni di m3 di deflusso d'acqua piovana da superfici impervie e suolo degradato, che viene drenato dai corsi d'acqua. Ciò aumenta il rischio di alluvioni, causando la perdita di umidità del suolo e l'erosione del suolo. Inoltre, i paesaggi impervi provocano ondate di calore nelle zone rurali: i campi agricoli drenati contribuiscono a grandi cupole di calore che sono dominanti in estate soprattutto dopo la raccolta quando il terreno diventa nudo. Lepratiche di allevamentointensivo e le perturbazioni forestali (Hesslerova, 2018) influenzano la quantità e la qualità dell'acqua con conseguenti impatti sul clima locale.

Nelle aree urbane, la gestione inadeguata dell'acqua piovana esistente e la presenza di superfici pavimentate (parcheggi, tetti, superfici pavimentate, grandi magazzini, centri commerciali e parchi industriali) contribuiscono alle inondazioni locali e migliorano gli impatti delle ondate di calore. Inoltre, i corpi idrici superficiali e la qualità delle acque sotterranee sono bassi a causa della contaminazione da deflusso, che raccoglie l'inquinamento, e della mancanza di infrastrutture fognarie. Anche la qualità dell'aria è bassa — la Slovacchia ha registrato il terzo più alto livello di inquinamento atmosferico in Europa nel febbraio 2021. Kos "ice" mantiene un record pubblico di una delle più alte incidenze di asma e bronchite cronica in Slovacchia (i driver e gli impatti sulla salute dell'inquinamento atmosferico ambientale in Slovacchia).

Le nuove normative emergenti sul deflusso delle acque piovane comportano sforzi di attenuazione delle alluvioni tanto necessari e una riduzione del carico inquinante. Tuttavia, il loro ruolo nell'attenuare gli impatti climatici non è ancora pienamente riconosciuto.

Obiettivi

L'obiettivo del programma di ripristinodiKošice (Plán obnovy krajiny) è aumentare la capacità di ritenzione idrica del paesaggio concentrandosi sui terreni degradati, massimizzare la ricarica delle acque sotterranee e ridurre la perdita di suolo e nutrienti. Una maggiore ritenzione idrica fornirà una mitigazione delle inondazioni, aumenterà la disponibilità di acqua durante i periodi di siccità, aumenterà la produttività del suolo, migliorerà il sequestro del carbonio e raffresca l'ambiente.

Il "nuovo cambio di paradigma dell'acqua " approvato dal programma di ripristino riconosce l'elevato potenziale dell'acqua piovana permitigare gli impatti climatici nella regione, migliorando l'efficienza del drenaggio urbano e l'obiettivo di riduzione del carico di inquinanti per l'abbattimento dell'indice di calore. Precipitazione orizzontale e garantire la raccolta dell'acqua piovana terreni riumiditi e rinnovare piccoli cicli d'acqua, a beneficio di tutti gli ecosistemi.

Questo programma di ripristino supporta tutte le funzioni dell'ecosistema. Un efficiente sistema di cattura delle precipitazioni favorisce l'infiltrazione dell'acqua nel terreno. Imitando la natura, ogni volta che piove, i livelli delle acque sotterranee aumentano e questo si traduce in un aumento della resa primaverile durante la siccità e la riduzione dei flussi di corsi d'acqua durante le inondazioni. Il programma prevede di raccogliere metà delle precipitazioni annuali, valutate per le precipitazioni estreme con un intervallo di ricorrenza di 50 o 100 anni, ricaricando naturalmente lo stoccaggio delle acque sotterranee. Se il programma aumenta e riesce a installare tutte le misure di ritenzione idrica proposte, le precipitazioni regolari riempiranno ogni anno le falde acquifere. 

Soluzioni

Il programma di ripristinodiKošice prevede di implementare 60 milioni di metri cubi di strutture per il mantenimento dell'acqua e strutture di ricarica delle acque sotterranee su quasi 700.000 ettari di foreste, terreni agricoli e città. Queste strutture raccolgono le precipitazioni e le rendono disponibili in piccoli cicli d'acqua e attraverso le riserve idriche sotterranee, alimentano le sorgenti e riducono l'erosione del suolo. Il programma propone azioni di gestione integrata del suolo e dell'acqua per ciascun comune, coinvolgendo le parti interessate locali (ad esempio, silvicoltori, agricoltori, proprietari di terreni e proprietà) nelle rispettive proprietà. Le misure relative alla terra e all'acqua attueranno le più recenti tecnologie e pratiche, nel rispetto dei paesaggi fatti dall'uomo esistenti.

Per stimare il volume totale delle misure di bioritenzione necessarie, sono state valutate le caratteristiche geografiche, idrologiche e geomorfiche della regione e il tasso di deflusso per un evento di precipitazione estrema di 60 mm è stato stimato. Il programma di ripristino ha analizzato ogni area distrettuale, ha applicato il telerilevamento, la mappatura e i dati sull'uso del suolo del GIS dalle mappe del registro fondiario dello Stato e delle mappe di rilevamento cadastrale e ha calcolato la quantità del volume di deflusso disponibile, che può essere immagazzinato e raccolto in sicurezza mediante misure naturali di ritenzione idrica.

La proposta è quella di costruire misure di ritenzione idrica in grado di catturare almeno la metà del deflusso. Pertanto, quando si verificano eventi estremi nel territorio, il risultato della stima del rischio di alluvione estremo sarà di almeno un ordine inferiore alla valutazione del rischio di alluvione originaria. Un piano di mantenimento dell'acqua ben attuato mitigherà il rischio di alluvioni. Nei calcoli effettuati, se una precipitazione ad alta intensità di 60 mm al giorno cade sul terreno, tutte le precipitazioni rimarranno nel territorio non causando alcun rischio di allagamento. Considerando un intervallo di ricorrenza di 50-100 anni, il programma presuppone che il 50 % del volume di deflusso delle acque piovane grava sui sistemi di drenaggio esistenti e scarica inutilmente sui corsi d'acqua senza sostenere gli ecosistemi. Le misure di ritenzione dell'acqua piovana possono gestire in modo sicuro questo volume. Il programma di ripristino propone misure nel paesaggio forestale, agricolo e urbano basate sull'attuazione di infrastrutture verdi che limitano il deflusso delle precipitazioni e attenuano il rischio di alluvioni. Le infrastrutture verdi previste dal programma di ripristino possono comprendere varie misure di ritenzione delle precipitazioni, quali strutture di infiltrazione, trincee, bacini, bacini di bioritenzione, pioggia e orti bioclimatici, fasce vegetali, dighe e pozzi che perdono, dighe di controllo, dighe di tronchi, pozzi asciutti, cisterne, pavimentazioni permeabili, modifiche del suolo per aumentare la permeabilità del suolo, colture sequenziali naturali, siepi, raccolta delle acque piovane in agricoltura no-till con campi di pendenza superiore a 2 gradi, tamponi ripariati, biocorridors, tetti verdi e pareti verdi.

Nelle aree urbane, il programma di ripristino prevede misure di inverdimento per affrontare l'effetto delle isole di calore urbano: tutte le città e i villaggi all'interno della regione devono essere raffreddati, non solo Košice, la capitale della regione. Le strategie individuate mirano a riumidire i terreni e a costruire progetti di bioritenzione urbana, migliorando così la capacità del suolo di sostenere l'albero e la copertura vegetativa. Le strategie includono anche l'installazione di pavimentazioni permeabili, pareti verdi e tetti verdi per raffreddare le città.

Il processo di attuazione generale del programma si basa su quattro fasi: 1) sviluppare capacità tecniche, istituzionali e finanziarie per preparare l'attuazione del programma; 2) svolgere azioni in sei distretti situati nei diversi distretti geografici; 3) attuare progetti su vasta scala nei settori forestale, agricolo e urbano di tutti i distretti, 4) monitoraggio e ricerca. 

Le componenti chiave del programma di restauro sono la ricerca, il monitoraggio e la valutazione: L'impatto delle misure di mantenimento dell'acqua sulla ricarica delle acque sotterranee sarà misurato, mappando l'aumento della resa delle colture agricole e valutando il potenziale di produzione di biomassa forestale. I risultati saranno utilizzati dall'amministrazione regionale per riesaminare periodicamente il programma di ripristino e sviluppare le linee guida per le strategie di adattamento.

Il programma di ripristino ha utilizzato i risultati del progetto finanziato dall'UE sulla modellazione dinamica del sistema transnazionale SIM4Nexus e dei suoi dodici casi di studio per quantificare i benefici dell'ecosistema. Sim4Nexus ha aumentato la comprensione di come la gestione delle risorse idriche, il cibo, l'energia, la biodiversità e le politiche di utilizzo del suolo sono correlate e come influenzano gli obiettivi climatici e di sostenibilità. Lamodellazione delle acque piovane di Košice considera la struttura del suolo, la porosità, la topografia, i processi geomorfici di bacini idrografici che sono soggetti a diversi usi del suolo e copertura del suolo nei distretti regionali. 

Governance

L'adozione del programma di ripristino ha favorito profondi cambiamenti nel sistema di governance della regione, con la creazione di sei comitati consultivi indipendenti per il ripristino delle risorse idriche e dei terreni per sei distretti della regione. Essi formano insieme un Consiglio regionale per l'acqua dell'ombrello, fortemente impegnato nell'attuazione del programma di ripristino (maggiori dettagli sulla composizione di tali consigli nella sezione "partecipazione delle parti interessate").

Si prevede che i comitati consultivi per il ripristino dell'acquae del territorio coordinino i progetti di ritenzione idrica stabiliti dal programma di ripristino. Essi dovrebbero supervisionare il completamento del progetto, con il possibile sostegno delle istituzioni scientifiche in Slovacchia e il coinvolgimento attivo dei comuni. L' Agenzia per il sostegno allo sviluppo regionale Košice è stata inoltre istituita per assistere e consigliare il governo slovacco e la regione di Košice. 

I comuni e i governi delle città sostengono il programma e nominano il loro "Ambasciatore dell'acqua" per coordinare i progetti a livello comunale. I piani comunali saranno soggetti al coordinamento dell'Umbrella Regional Water Board. 

I comitati consultivi per il ripristino dell'acqua e del territorio svolgono attualmente la funzione di consulenza attraverso un approccio intersettoriale olistico che favorisce l'impegno della comunità. Soluzioni basate sulla natura, come la riumidificazione dei paesaggi e la rivitalizzazione dei bacini idrografici, aumenteranno la resilienza dei bacini idrografici e risponderanno alle esigenze delle comunità locali.

Sono stati adottati sei piani d'azione per i sei distretti per attuare il programma di ripristino a livello di distretto. Il programma di ripristino è stato elaborato dal 2018 e approvato dal Consiglio della regione autonoma di Košice il 19 febbraio 2021.  

Rilevanza

Caso sviluppato, implementato e parzialmente finanziato come misura di adattamento ai cambiamenti climatici.

Dettagli aggiuntivi

Partecipazione degli attori interessatI

Il Programma di Restauro pone piccoli proprietari, comuni e villaggi della regione al centro delle iniziative. L'approccio basato sulla comunità affronta le questioni ambientali e presta attenzione anche all'aspetto sociale in quanto considera l'occupazione locale, che è fondamentale per il successo del programma di restauro. Responsabilizzare le comunità locali e fornire lavoro ai disoccupati in relazione al ripristino consentirà parità di accesso alle opportunità, alle conoscenze e alle risorse locali.

Diverse riunioni si sono svolte nel 2019, dopo la preparazione della prima proposta del programma di restauro. Diversi rappresentanti statali, insieme alle autorità regionali e locali, ad esempio sindaci, hanno partecipato agli incontri con agricoltori, gestori forestali, imprenditori, volontari e attivisti. Da novembre 2019 a dicembre 2020 si sono tenute ventisei riunioni del comitato consultivo per l'acqua per elaborare piani d'azione per la gestione integrata del suolo e dell'acqua. Il know-how di circa 120 persone è stato condiviso. L'obiettivo principale degli incontri è stato quello di istituire tavole per l'acqua per modellare la visione della protezione integrata dell'acqua nei singoli distretti della regione. 

Sono stati infine istituitisei comitati consultivi per il ripristino dell'acqua e del territorio per i sei distretti della regione. Ciascuna delle sei commissioni è impegnata in una sana gestione del paesaggio e dello spartiacque della sua area, curando terreni naturali, foreste urbane e rurali, terreni agricoli e pascoli e aree urbane tra cui proprietà immobiliari comunali e private. 

I membri del consiglio sono rappresentanti dei governi municipali, urbani e regionali, degli organi dell'amministrazione statale, degli imprenditori, degli attivisti, dei volontari e del pubblico. I membri dei banchi d'acqua hanno creato piani per la protezione integrata delle acque nel loro territorio, che sono entrati a far parte della strategia di sviluppo della regione. 

Successo e fattori limitanti

Il programma di restauro può contare su precedenti esperienze di successo realizzate nella regione di Košice, in particolare nell'ambito del precedente "Programma di rivitalizzazione del paesaggio e gestione integrata dei bacini idrografici" del 2010-2012 e del "Protocollo sull'acqua di Košicedel 2005 per l'acqua nel 21º secolo".

Nel 2010-2012, nell'ambito del programma di rivitalizzazione, molte strutture di ritenzione idrica sono state installate nella regione di Košice e in tutto il territorio slovacco, dimostrando il loro successo, anche dopo diversi anni, nel ridurre l'erosione del suolo, infiltrarsi nell'acqua e rivitalizzare il paesaggio. In città, villaggi, terreni agricoli e boschi, le strutture di ritenzione completate raccolgono regolarmente acqua piovana e nevicata rendendo le città resilienti alle precipitazioni intense mentre le immagazzinano per i periodi di siccità. L'impatto in corso di queste strutture di raccolta dell'acqua piovana esistenti, completato nel 2012, aumenta ogni anno la capacità di ritenzione idrica del paesaggio di 10 milioni di m³ all'interno del territorio slovacco per iripetuti benefici dell'ecosistema e della biodiversità ogni anno.

Nell'ambito del protocollo sull'acqua di Košice, ilprogetto pilota dellacittà di spugna,che copre solo 3 ettari, ha mantenuto le precipitazioni per un periodo di 18 anni, evitando un intenso deflusso e l'erosione del suolo. Secondo le stime dell' ONG People and Water, lestrutture ancora funzionanti aggiungono una capacità di ritenzione dell'acqua piovana stimata di 6,000 m3 all'anno. Pertanto, tra il 2005 e il 2023, almeno 108,000 m3 di acqua sono stati messi a disposizione per l'infiltrazione e l'evapotraspirazione, prevenendo nel contempo le proprietà di allagamento e protezione.

Un altro elemento riconosciuto di successo dei programmi precedenti, che dovrebbe essere replicato in quello attuale, è stato il grande sforzo per consentire alle comunità di creare soluzioni ambientali positive nel proprio interesse. Sono stati creati posti di lavoro verdi per ripristinare i cicli locali dell'acqua e del carbonio attraverso programmi di riabilitazione dei bacini idrografici. Forniscono formazione e occupazione, sviluppo della comunità eco-sufficiente, identità culturale e autostima alle comunità disoccupate ed emarginate. La consapevolezza del pubblico e degli esperti circa la necessità e l'importanza delle misure di ritenzione idrica e della raccolta dell'acqua piovana è stata notevolmente aumentata a livello regionale e nazionale.   

Il programma di rivitalizzazione si è concluso prematuramente a causa di cambiamenti politici nella coalizione di governo nazionale e delle conseguenti priorità finanziarie: solo il 4 % dei fondi stanziati è stato utilizzato prima della fine del programma. I finanziamenti sono stati sospesi prima dell'attuazione di qualsiasi monitoraggio. Tuttavia, la maggior parte dei precedenti progetti di restauro sono stati completati nelle regioni slovacche di Kysuce, Turiec, Prešov, Horehronie e alcuni comuni della regione di Košice. Nella sola regione di Košice, il programma nazionale di rivitalizzazione slovaccaha completato 250,000 m3 di infrastrutture verdi e progetti di raccolta dell'acqua piovana tra il 2010 e il 2012. Data la media annuale delle precipitazioni nella regione, la valutazione delleONG People and Waterindica che dal 2010 12 milioni di m3 di ritenzione dell'acqua piovana hanno beneficiato le persone e la natura nei comuni partecipanti della regione di Košice. 


Un'altra limitazione era il fatto che la proprietà fondiaria non è stata stabilita tra lo Stato e gli ex proprietari terrieri: le terre private furono nazionalizzate negli anni'50, quando vaste aree di terreno privato furono incluse nelle fattorie cooperative e nei parchi nazionali.  Ciò si riflette nelle statistiche di Eurostat , secondo cui la superficie media totale dell'azienda agricola slovacca è di 77 ettari per azienda, la terza più alta in Europa. Le grandi aziende agricole sono progettate per un eccessivo drenaggio per facilitare pratiche agricole industriali intensive, eliminando le siepi e la ritenzione naturale dell'acqua piovana. 

Il successo del programma di restauro dipende dall'interesse e dalle opportunità di finanziamento provenienti dal governo nazionale. Attualmente non dispone di finanziamenti sufficienti per il monitoraggio e la misurazione delle stazioni per valutare il successo dei restauri dei bacini idrografici. Pertanto, il ministero slovacco dell'Agricoltura e dello sviluppo rurale sta preparando un nuovo strumento finanziario — "Un Fondo per il clima per il suolo" che sosterrà questi tipi di misure di adattamento e gestione su una base sistematica e su larga scala. Questo sarà fatto nell'ambito delsistema di certificazione Carbon and Water Bank, che è in preparazione. Inoltre, il ministero sostiene l'approccio integrato della gestione del suolo, del suolo e dell'acqua. Il ministero ha presentato l'approccio NEXUS sotto forma di documento di esperti "Acqua per la guarigione del clima — Un nuovo libro bianco sul paradigmadell'acqua" alla conferenza delle Nazioni Unite sull'acqua del 2023 (22-24 marzo 2023) e durante la riunione di coordinamento degli Stati membri dell'UE, nonché durante molteplici discussioni presso la FAO. Inoltre, il nuovo progetto dell'UE DALIA — Faro del Danubio sta sviluppando una metodologia per il monitoraggio, fornendouno strumentointegrato per un migliore processo decisionale e un miglioramento del ripristino degli ecosistemi idrici freschi e transitori nel bacino del Danubio.

Un altro ostacolo ai finanziamenti è il limitato accesso ai fondi della politica agricola comune (PAC), che deve riconoscere come misura la ritenzione idrica e l'infiltrazione del suolo. Le attuali politiche nazionali rendono molto difficile per gli agricoltori presentare la richiesta di sovvenzioni per la raccolta delle precipitazioni. Il nuovo piano strategico della PAC 2023-27 per la Slovacchia ha offerto per la prima volta l'opportunità di aumentare la capacità di ritenzione idrica delle strutture del suolo e del paesaggio. Gli obblighi di comunicazione per i piccoli agricoltori con diversi limiti sul campo devono ancora essere semplificati.   

Infine, vi è una forte necessità di coordinamento, vale a dire una prospettiva sistemica. La gestione delle risorse idriche è condivisa da più parti interessate e disciplinata da politiche diverse. Gli amministratori pubblici, il Ministero dell'Agricoltura, il Ministero dell'Economia e il Ministero dell'Ambiente devono affrontare la gestione dei bacini idrografici nell'ambito dell'approccio sistemico che supporta tutte le attività economiche e le funzioni ecosistemiche. In la regione diKo Šice, l'organizzazione di riunioni di lavoro con le parti interessate è stata ulteriormente complicata dalle pandemie di COVID-19 e l'organizzazione di riunioni di lavoro in loco è stata sospesa nel 2021.

Costi e benefici

Le misure di ritenzione idrica proposte dal programma di ripristino hanno benefici misurabili in materia di mitigazione delle inondazioni e si prevede che prevengano danni alle infrastrutture, devastazione delle colture, distruzione di proprietà e distruzione degli ecosistemi. Inoltre migliorano la ricarica delle acque sotterranee, aumentando la falda idrica, con benefici per l'approvvigionamento idrico. In particolare, il programma di ripristino considera la saturazione delle acque sotterranee un'alternativa più economica e sostenibile allo stoccaggio delle acque superficiali. I benefici attesi (dopo la completa attuazione del programma dellaregione diKo Šice) comprendono: 12 000 l/s di ricarica delle falde acquifere, riduzione della temperatura media di 0,7ºC (in tutta la regione, ma 1,3ºC nelle città), 1,8 milioni di tonnellate di sequestro del suolo e del carbonio da biomassa, 3200 nuovi posti di lavoro e 32 milioni di euro di aumento della resa agricola annuale grazie al miglioramento della fertilità del suolo (Programma di ripristino).

La migliore funzione di spugna del suolo (in grado di trattenere e filtrare l'acqua) e il miglioramento dell'evapotraspirazione facilitata dalle piante sono importanti benefici ecosistemici che sono stati quantificati nella modellazione SIM4Nexus. Al completamento di tutte le misure di ritenzione idrica proposte, l'effetto di raffreddamento dell'evaporazione allevierà le isole di calore e invierà quasi 40 TWh di calore agli strati superiori dell'atmosfera.

Il programma di ripristino dovrebbe inoltre apportare un contributo significativo al miglioramento della biodiversità, alla riduzione dei rischi per la salute, alla riduzione dell'inquinamento atmosferico e delle polveri e alla fornitura di benefici sociali. La regione diventerà più attraente, migliorando la qualità della vita, sviluppando valori immobiliari più elevati e incoraggiando il turismo locale, sostenendo l'economia locale.

Il costo totale del programma nazionale di rivitalizzazione nel 2012 è stato di 42 milioni di euro, impiegando 8.000 persone in 488 città. Sulla base della precedente esperienza con i progetti di ritenzione idrica completati (100,000 mila strutture di ritenzione installate in Slovacchia tra il 2010-2012), i pianificatori stimano che la costruzione di un metro cubo di volume di bioritenzione in un'area urbanizzata sviluppata costerà 28 EUR/m3. In campagna (diversi tipi di terreno, come foreste, terreni agricoli, pascoli, frutteti, giardini, vigneti), i progetti di conservazione dell'acqua costeranno 5 EUR/m3. L'intera regione di Košice richiederà quindi un investimento di 408 milioni di euro nell'arco di dieci anni. Gli investimenti più significativi andranno nelle aree urbane. I progetti di conservazione dell'acqua sui terreni agricoli richiederanno il secondo investimento più alto e l'ecosistema forestale richiederà il terzo più alto investimento. (Le stime si basano sul costo del 2019 e devono essere riadattate per riflettere i prezzi correnti.)

Tutti i comuni e le regioni slovacche possiedono dati, statistiche e mappe sulle proprietà del suolo e sull'uso del suolo. Questi dati, conservati nei Registri Territoriali, possono essere utilizzati per valutare le esigenze e le risorse necessarie per attuare progetti di gestione delle risorse idriche per area geografica e tipo di utilizzo del suolo.

Il 24 febbraio 2005, il Parlamento di Košice ha approvato con la sua risoluzione il "Protocollo sull'acqua di Košice nel XXI secolo" come documento strategico per la protezione delle acque nell'agglomerato di Košice, per prevenire inondazioni, siccità e altri impatti dei cambiamenti climatici. L'obiettivo del protocollo era quello di rafforzare la conservazione dell'acqua piovana direttamente nel paesaggio urbano, ripristinando così gli ecosistemi danneggiati per far parte di un clima sano. Nel 2010, il governo slovacco ha adottato il programma "Rivitalizzazione del paesaggio e gestione integrata dei bacini idrografici" che ha permesso l'attuazione di molte misure di ripristino nella regione. Nel 2019, firmando la risoluzione 73/284 delle Nazioni Unite ( decennio 2021-2030 di ripristino dell'ecosistema), il governo slovacco ha rafforzato il suo impegno a prevenire, arrestare e invertire il degrado degli ecosistemi. I dipartimenti statali, i comuni, le ONG e le imprese sono chiamati a collaborare ai loro sforzi di ripristino come uno dei percorsi strategici per raggiungere gli obiettivi della risoluzione. Ilprogramma di ripristino di Košice 2022 è il proseguimento di questo percorso e fissa la direzione strategica della regione fino al 2030.

Nel 2018 il governo regionale di Košice ha approvato una prima proposta del programma di restauro e infine l'ha adottata nel febbraio 2021. Nel 2019 sono stati istituiti sei "comitati consultivi per l'acqua e il ripristino del territorio" per sei distretti geografici della regione di Košice, che formano insieme un comitato regionale per l'acqua dell'ombrello. 

Tempo di implementazione

Il programma di restauro è stato proposto nel 2018 e adottato nel 2021 dalla regionediKošice. La sua attuazione ha un orizzontetemporale di diecianni, dal 2021 al 2030. Durante questo periodo, tutti i progetti sono programmati per essere attuati e monitorati.

Durata

La durata del programma di restauro è di dieci anni. Tuttavia, i cambiamenti nei sistemi di governance e le misure di ritenzione idrica attuate, con una corretta manutenzione, dovrebbero avere una durata superiore alladurata del programma di ripristino.

Informazioni di riferimento

Contatto

Zuzka Mulkerin 
info@waterholistic.com 

Michal Kravčík
kravcik@ludiaavoda.sk  

Jaroslav Tesliar 
Director of the The Agency for the Support of Regional Development Košice 
jaroslav.tesliar@arr.sk, website link 

Martin Kovac 
State Secretary of the Ministry of Agriculture and Rural Development of the Slovak Republic 
martin.kovac@land.gov.sk, website link  

Pubblicato in Climate-ADAPT Aug 28 2023   -   Aggiornamento più recente in Climate-ADAPT Apr 08 2024


Si prega di contattarci per qualsiasi altra richiesta su questo caso di studio o per condividere un nuovo caso di studio (e -mail climate.adapt@eea.europa.eu )

Azioni sul documento