Home Banca dati Casi di studio Ottimizzazione della combinazione di finanziamenti pubblici e privati per realizzare misure di adattamento ai cambiamenti climatici a Malmö

Exclusion of liability

This translation is generated by eTranslation, a machine translation tool provided by the European Commission.

Website experience degraded
We are currently facing a technical issue with the website which affects the display of data. The full functionality will be restored as soon as possible. We appreciate your understanding. If you have any questions or issues, please contact EEA Helpdesk (helpdesk@eea.europa.eu).
Casi studio

Ottimizzazione della combinazione di finanziamenti pubblici e privati per realizzare misure di adattamento ai cambiamenti climatici a Malmö

Ottimizzazione della combinazione di finanziamenti pubblici e privati per realizzare misure di adattamento ai cambiamenti climatici a Malmö

Malmö sta vivendo effetti negativi dai cambiamenti climatici a causa dell'aumento delle temperature e delle precipitazioni eccessive. La città si propone quindi di realizzare misure di adattamento climatico integrandola direttamente nella progettazione di progetti di sviluppo urbano, come nel caso del Western Harbour. Il finanziamento privato per realizzare queste misure è fornito dagli sviluppatori, che realizzano l'effettiva costruzione dei progetti. Si impegnano in un processo di partenariato tra gli stakeholder avviato dalla città per garantire che la realizzazione finale dello sviluppo urbano rifletta la visione sostenibile di Malmö.

La città può avviare una domanda di finanziamenti pubblici aggiuntivi per finanziare ulteriori misure ambientali e raggiungere un livello più elevato di standard. I finanziamenti nazionali ed europei sono stati utilizzati nella maggior parte dello sviluppo del porto occidentale. Applicando il processo di partnership con gli stakeholder, la città ottiene un buon senso dei piani dello sviluppatore. Questo a sua volta consente alla città di realizzare un investimento più efficace di finanziamenti pubblici e privati.

Descrizione del caso studio

Sfide

Malmö sta vivendo effetti negativi del cambiamento climatico a causa dell'aumento delle temperature e delle precipitazioni eccessive. Di conseguenza la città ha dovuto affrontare vari problemi legati alle inondazioni dall'inizio degli anni'90. Il problema più problematico è stato il frequente straripamento di sistemi fognari, che è stato affrontato ad esempio attraverso una progettazione sostenibile per il trimestre Augustenborg, che ha coinvolto la partnership tra le parti interessate. Alla fine degli anni'90 Malmö si trovò di fronte a un grande cambiamento economico. Tradizionalmente l'economia della città dipendeva in gran parte dal suo cantiere navale e dalle industrie pesanti. La chiusura del cantiere a causa di una crisi finanziaria ha rappresentato un'opportunità per trasformare l'economia locale. La città si prefigge quindi di passare da una città industriale a una città sostenibile e basata sulla conoscenza. Questa transizione ha portato Malmö ad essere considerata una delle città più sostenibili del mondo oggi. Tuttavia, la città continua a migliorare affrontando le sfide più grandi di oggi; adattamento cloudburst, disuguaglianza sociale e deficit abitativo.

Obiettivi

Il cambiamento economico ha portato a grandi opere interne all'interno del comune negli anni'90 e all'ambizione di realizzare tre grandi investimenti; il ponte Øresund che collega Malmö a Copenaghen nel 2001, la creazione dell'Università di Malmö nel 1998 e la riqualificazione del porto occidentale dal 2001. Per quanto riguarda l'adattamento ai cambiamenti climatici, ciò includeva l'ambizione di creare un distretto resiliente al cloud. Tuttavia, la città si rese conto che l'effettiva costruzione del distretto era nelle mani degli sviluppatori. La città ha quindi deciso di sviluppare un processo di partenariato con gli stakeholder attraverso il quale potrebbero portare le ambizioni sostenibili della città, pur non finanziando effettivamente la costruzione dello sviluppo. Permette alla città di individuare le misure per le quali sono necessari ulteriori finanziamenti pubblici e quindi il mix ottimale di finanziamenti pubblici e privati per realizzare uno sviluppo urbano sostenibile.

Soluzioni

La città di Malmö ha scelto di realizzare le sue ambizioni di sostenibilità (compreso l'adattamento ai cambiamenti climatici) concentrandosi sulla co-creazione con gli sviluppatori privati attraverso l'organizzazione dei cosiddetti "processi di partenariato tra le parti interessate". Ciò consente un efficace mix di finanziamenti pubblici e privati. L'approccio comporta l'avvio di dialoghi con gli sviluppatori privati fin dall'inizio di un processo di sviluppo urbano. Attraverso il dialogo viene co-creato un modello di sviluppo urbano sostenibile per un sito specifico. In questo modo la città si assicura che le ambizioni di sostenibilità previste prendano forma nella costruzione dello sviluppo urbano senza avere la responsabilità finanziaria per la sua esecuzione. Inoltre, la città è in grado di identificare attraverso il dialogo se è necessario ottenere ulteriori finanziamenti (pubblici) per realizzare un livello più elevato di standard ambientali. Un esempio è la realizzazione di tetti verdi nel porto occidentale per i quali Malmö ha ottenuto finanziamenti nazionali. Il dialogo fornisce alla città un buon senso delle ambizioni ambientali degli sviluppatori. Quando la città ritiene che sia necessario raggiungere un livello più elevato di ambizione, può decidere di introdurre nel dialogo la possibilità di richiedere finanziamenti.

I partenariati con le parti interessate fanno parte di grandi progetti di sviluppo urbano a Malmö dall'inizio degli anni'90. Un processo di partenariato tra le parti interessate consiste generalmente in una serie di riunioni e workshop. Il processo inizia con un viaggio di studio comune. Segue poi una serie di workshop per i quali la città fornisce gli argomenti a seconda degli obiettivi di sostenibilità previsti. Generalmente la città prende l'iniziativa di avviare il processo di partnership. Questo coinvolgimento diminuisce nel tempo man mano che le parti interessate assumono l'iniziativa per le riunioni. Il processo di partenariato termina ufficialmente una volta completato lo sviluppo urbano. Tuttavia, in alcuni casi le parti interessate private hanno continuato i loro partenariati di propria iniziativa una volta terminato l'accordo formale.

Western Harbour è un esempio di un progetto di sviluppo urbano a Malmö in cui sono state utilizzate le partnership tra le parti interessate. Questo ex campo dismesso è stato riqualificato in una "eco-città" sostenibile. Lo sviluppo comprende sia misure di adattamento ai cambiamenti climatici che misure di mitigazione. Esempi di misure di adattamento sono l'applicazione di tetti verdi, aree verdi e misure di gestione delle acque piovane. A ogni sviluppatore collegato all'area di sviluppo come proprietario del terreno o acquirente è stato chiesto di partecipare alla partnership con gli stakeholder. La città ha inoltre invitato altre parti interessate pertinenti agli obiettivi di sostenibilità del progetto; la società energetica E.on (ex Sydkraft), l'Agenzia svedese per l'energia e la Lund University.

Il modo in cui i processi di partecipazione degli stakeholder prendono forma varia per progetto. Ogni progetto consiste in più fasi. Uno dei primi progetti nel porto occidentale consistente nello sviluppo di abitazioni comprendeva le seguenti fasi:

  • Fase 1: Questa fase ha incluso la progettazione di un programma di qualità, che consisteva in una serie di rigide linee guida di sostenibilità. Le linee guida sono state sviluppate insieme a una selezione di sviluppatori.
  • Fase 2: Questa fase ruota attorno al dialogo con le parti interessate. Ha coinvolto tutti gli sviluppatori privati legati all'area come acquirente o proprietario di terreno. Attraverso il dialogo, il partenariato delle parti interessate ha sviluppato da 5 a 6 obiettivi di sostenibilità per l'area.
  • Fase 3: Una volta costruito uno sviluppo, viene condotta una valutazione per verificare se gli sviluppatori hanno mantenuto le promesse delle due fasi precedenti.

Il Quality Program è un documento sviluppato appositamente per il caso Western Harbour. Il documento includeva un terreno comune per gli sviluppatori, un livello minimo di qualità e standard di requisiti per l'architettura, il paesaggio, l'energia, l'acqua, la gestione dei rifiuti e la biodiversità. Ha delineato una serie di linee guida che sono state elaborate insieme a tutte le parti interessate per garantire il mantenimento di elevati standard ambientali. Il programma è stato sviluppato attraverso una serie di incontri che sono indicati come il "dialogo creativo" per enfatizzare il suo carattere aperto. Il Programma Qualità è servito da base rigorosa per le fasi consecutive del progetto.

Rilevanza

Case mainly developed and implemented because of other policy objectives, but with significant consideration of Climate Change Adaptation aspects

Dettagli aggiuntivi

Partecipazione degli attori interessatI

Il processo di partenariato tra le parti interessate è avviato dal dipartimento di pianificazione urbana. Le dimensioni della partnership variano a seconda del progetto. Un gruppo di 30 persone è considerato una piccola partnership. Tale gruppo potrebbe essere composto da 8-10 sviluppatori, ognuno dei quali porta in media 2 rappresentanti. Altri partecipanti sono di solito specialisti della società energetica, della società dei rifiuti urbani o di altre agenzie pertinenti (municipali). La composizione degli esperti varia a seconda dell'argomento che viene discusso. I partner privati possono anche coinvolgere altri esperti specifici, come architetti o consulenti. Finora i partenariati non hanno incluso ONG o cittadini, anche se questa sarebbe anche una possibilità. Il focus della composizione delle partnership rimane sugli sviluppatori in quanto la città intende avere un impatto sugli attori che alla fine formeranno il sito e lo finanzieranno. Quindi una discussione con loro sarà la più efficace.

Successo e fattori limitanti

Ci sono diversi aspetti che sono essenziali per la realizzazione di una partnership di successo. Uno dei fattori più importanti è la fiducia tra i partner. La fiducia non era evidente all'inizio dei primi processi di partenariato tra gli stakeholder per lo sviluppo urbano di Augustenborg. In alcuni casi, gli sviluppatori sono stati trovati ad avere difficoltà a fidarsi l'un l'altro dal momento che di solito sono concorrenti. Le nuove parti interessate sono talvolta sfiducia nei confronti della città. Un processo di partecipazione delle parti interessate dovrebbe quindi iniziare sempre con una visita in loco per coinvolgere tutti nel luogo. È importante non iniziare il processo con una riunione regolare in quanto questo tende a causare i partecipanti a rimanere bloccati rapidamente nelle loro posizioni familiari. La visita in loco è seguita da una serie di seminari e discussioni durante i quali le parti interessate sono divise in sottogruppi. Questi seminari e discussioni sono iniziati dalla città e si concentrano su una trama o un argomento specifico. Poiché la fiducia deve costruire nel tempo, rende il processo di partenariato degli stakeholder meno adatto come soluzione ai problemi a breve termine (politica). Tuttavia, una volta acquisita la fiducia, è uno strumento molto potente per realizzare sviluppi più sostenibili con investimenti finanziari pubblici limitati.

Ci sono anche fattori esterni al di fuori del controllo della città che possono influenzare il successo di un processo di partenariato tra gli stakeholder. La consapevolezza ambientale tra le parti interessate è importante per il successo di un partenariato tra le parti interessate. All'inizio del processo per Augustenborg questa consapevolezza si è rivelata molto limitata. Altri fattori che possono influenzare il successo di un partenariato sono gli sviluppi della legislazione nazionale. Fino al 2016 il processo di partecipazione delle parti interessate è stato integrato dal "Codice dell'edilizia ambientale". Questo programma comunale include ulteriori requisiti tecnici di costruzione, come le norme energetiche e i requisiti di compensazione della natura. Il Green Space Factor, uno strumento applicato nel caso Western Harbour, è stato integrato nel programma. È stato in uso da quasi 10 anni, ma una legislazione nazionale recentemente approvata ha reso impossibile imporre una legislazione tecnica più rigorosa a livello comunale. Non si sa ancora in che modo l'attuazione del processo di partenariato delle parti interessate senza il "codice edilizio ambientale" ne influenzerà l'impatto.

Un processo di partenariato tra le parti interessate può essere un utile strumento politico quando una città non è finanziariamente responsabile della realizzazione di uno sviluppo urbano, ma desidera esercitare il massimo orientamento possibile verso obiettivi di sostenibilità mirati per l'area. Il processo di partecipazione delle parti interessate richiede tuttavia un investimento di tempo da parte del comune senza una garanzia di successo. Richiede anche l'interesse dei privati nello sviluppo del sito. Nel caso di Malmö, lo sviluppo di questi siti urbani da parte di sviluppatori privati è stato tradizionalmente una pratica standard. Il processo funziona quindi particolarmente bene per i progetti di sviluppo urbano. Oltre all'investimento di tempo e all'utilizzo di strutture comunali, il processo di partecipazione delle parti interessate non comporta ulteriori investimenti finanziari. Può quindi essere uno strumento di successo per attuare misure di adattamento al clima quando una città è disposta a investire tempo sufficiente e avere pazienza per vedere risultati visibili a lungo termine.

I finanziamenti nazionali ed europei possono fornire alle parti interessate in un processo di partenariato una fonte complementare di finanziamento per realizzare misure ambientali. Tuttavia, non è una condizione per il successo. Nel caso di Western Harbour, sono stati ottenuti finanziamenti pubblici per realizzare le prime 3 fasi dello sviluppo. La quarta fase, pur essendo generalmente considerata la parte più sostenibile di Western Harbour, non ha comportato alcun finanziamento pubblico. Questa differenza può essere spiegata dalla crescente consapevolezza ambientale della società al momento dell'attuazione della quarta fase. Attraverso il processo di partecipazione degli stakeholder la città ottiene un buon senso delle intenzioni e dei mezzi degli sviluppatori per realizzare la visione ambientale della città. Il processo di partecipazione degli stakeholder consente quindi alla città di individuare in modo più specifico il tipo e l'importo dei finanziamenti pubblici necessari, il che aumenta di conseguenza le possibilità di successo di realizzare lo sviluppo sostenibile come previsto.

Costi e benefici

I costi per la città per attuare un processo di partnership sono limitati. Essi comprendono il tempo trascorso dai responsabili delle politiche che gestiscono il processo e la fornitura di risorse per facilitare riunioni e workshop. Gli sviluppatori privati sono responsabili di tutti i costi relativi allo sviluppo delle trame. Anche le strade, i parchi e le strade del sito, che sono sviluppati dalla città, sono inclusi nel prezzo dei terreni edificabili e sono quindi indirettamente pagati dagli sviluppatori. I costi dello sviluppo del terreno edificabile stesso sono completamente coperti dagli sviluppatori.

Il processo di partenariato tra le parti interessate può offrire ai partner privati l'opportunità di ridurre i costi conducendo studi condivisi. Nel caso di Western Harbour un coordinatore della sostenibilità è stato impiegato dal comune e dagli sviluppatori per effettuare calcoli energetici esaustivi. I costi coinvolti in questo noleggio sono stati suddivisi tra il comune e gli sviluppatori. Questi costi sarebbero stati molto più elevati nel caso in cui ogni sviluppatore avesse dovuto pagare un coordinatore separatamente. Anche i progetti, compresi i partenariati con le parti interessate, possono beneficiare di finanziamenti supplementari. Nel caso di Western Harbour il progetto ha ricevuto finanziamenti come progetto europeo di ricerca e sviluppo denominato SURE/RESECO nell'ambito del 5º programmaquadro dell'UE.

Nel caso di Western Harbour la città ha chiesto finanziamenti da fonti nazionali ed europee per migliorare l'efficienza energetica, realizzare tetti verdi e organizzare eventi per sensibilizzare (cioè standard di livello superiore). Un totale di 250 000 000 SEK (circa 26 300 000 EUR) in finanziamenti nazionali (Fondo Locale per gli Investimenti) è stato assegnato alla città per la realizzazione di vari progetti ambientali all'interno di Western Harbour. I progetti spaziano da un'esposizione di sostenibilità per supportare gli sviluppatori nella realizzazione di tetti verdi. I sussidi sono stati utilizzati anche per costruire edifici più efficienti dal punto di vista energetico. Una domanda di finanziamento europeo è stata ottenuta con successo dal sistema per finanziare il sistema energetico nel porto occidentale. Il sistema consente a Western Harbour di produrre energia localmente attraverso una centrale eolica, la generazione di energia solare e il riscaldamento geotermico.

Il coinvolgimento del numero e del tipo di parti interessate nella domanda di finanziamento varia caso per caso. L'applicazione che prevede finanziamenti nazionali per l'acquisizione di materiali ad alta efficienza energetica per lo sviluppo di Western Harbour è stata creata in collaborazione con lo sviluppatore. Nel caso di finanziamenti per tetti verdi, la città ha gestito completamente l'applicazione e gli sviluppatori hanno chiesto il finanziamento dalla città. Questa differenza di approccio è dovuta principalmente al fatto che la decisione di presentare domanda di finanziamento è entrata in seguito nel processo di sviluppo. La domanda di finanziamento europeo per il sistema energetico è stata sviluppata dalla città in collaborazione con la società energetica. La selezione delle parti interessate da coinvolgere nella domanda di finanziamento viene solitamente effettuata dalla città sulla base del contributo del processo di partecipazione delle parti interessate. Ciò consente alla città di formulare proposte di finanziamento più specifiche. La città agisce sempre come l'iniziatore e autore principale della domanda di finanziamento.

La partecipazione a un processo di partenariato tra le parti interessate non è del tutto volontaria. La città può includere condizioni particolari per quanto riguarda l'impegno per la partnership e i requisiti di sostenibilità nel contratto di vendita del terreno. Questo approccio è limitato alle situazioni in cui la città possiede la trama che deve essere sviluppata. Finora la città si è impegnata solo in una partnership con uno stakeholder che già possedeva il terreno che doveva essere sviluppato. In questo caso il processo di dialogo è risultato più intenso e difficile. Alla fine è stato raggiunto un accordo con il supporto degli acquirenti di terreni edificabili dal proprietario terriero privato.

Tempo di implementazione

La prima partnership con gli stakeholder è stata creata per Augustenborg nei primi anni'90. Lo sviluppo di Western Harbour è iniziato nel 2001 ed è ancora in corso. Il progetto consiste in più fasi per le quali vengono create diverse partnership con gli stakeholder.

Durata

Il processo di partnership tra gli stakeholder inizia non appena i lotti sono stati venduti allo sviluppatore e termina una volta realizzato lo sviluppo urbano.

Informazioni di riferimento

Contatto

Annika Kruuse
Dipartimento dell'Ambiente
Città di Malmö
Tel: + 46 40-34 12 67 Mobil + 46
709-46 72 98 E-mail:
annika.kruuse@malmo.se

Email generica: malmostad@malmo.se

 

Riferimento

The City of Malmö

Pubblicato in Climate-ADAPT Nov 22 2022   -   Aggiornamento più recente in Climate-ADAPT Jul 13 2023


Si prega di contattarci per qualsiasi altra richiesta su questo caso di studio o per condividere un nuovo caso di studio (e -mail climate.adapt@eea.europa.eu )

Azioni sul documento