Exclusion of liability

This translation is generated by eTranslation, a machine translation tool provided by the European Commission.

Website experience degraded
We are currently facing a technical issue with the website which affects the display of data. The full functionality will be restored as soon as possible. We appreciate your understanding. If you have any questions or issues, please contact EEA Helpdesk (helpdesk@eea.europa.eu).
5

Attuazione

5.2 organizzazione della governance dell'attuazione a tutti i settori e livelli

L'adattamento ai cambiamenti climatici è un campo politico intersettoriale, multilivello e multi-problema che riguarda tutti i settori della società e richiede un'azione a più livelli, dai governi nazionali agli attori locali. In quanto tale, l'attuazione di strategie e piani di adattamento richiede adeguati assetti istituzionali e quadri di governance per garantire un'attuazione efficace, coerente e continua.

Il coordinamento e la cooperazione a livello orizzontale e verticale sono necessari per integrare l'adattamento nei pertinenti settori politici e a tutte le scale di governance. La governance è importante in tutte le fasi del ciclo politico di adattamento, a partire dall' impostazione iniziale del processo di adattamento, ma la necessità di un coordinamento sia orizzontale che verticale aumenta quando i paesi avanzano verso le fasi di attuazione e valutazione.

L'istituzione di un quadro di governance per l'attuazione dell'adattamento comporta essenzialmente l'organizzazione della comunicazione, della cooperazione e del coordinamento tra settori e livelli mediante l'istituzione di strutture, norme, meccanismi, modalità e formati adeguati. È un vantaggio se l'attuazione dell'adattamento ai cambiamenti climatici si avvale di diverse modalità di governance, combinandole in misura variabile in modi dipendenti dal contesto. I possibili approcci variano all'interno del seguente spettro di modalità di governance:

  • Governance formale: giuridicamente, istituzionalizzato, permanente, dall'alto verso il basso, "difficile" (ad esempio, obblighi di rendicontazione vincolanti, organismi di coordinamento permanenti con mandato legale, requisiti normativi per i piani di adattamento settoriali);
  • Governance informale: volontari, informali, non gerarchici, basati sulla cooperazione, "soft" (ad esempio, persuasione, accordi volontari, formati di dialogo e scambio, condivisione delle conoscenze, offerte di sviluppo delle capacità).

Entrambi gli approcci hanno i loro punti di forza e di debolezza. Da un lato, approcci di governance più formali creano una maggiore pressione sull'attuazione attraverso obblighi vincolanti. D'altra parte, i processi di governance informale possono trarre beneficio dall'essere meno politicizzati e da conflitti, perché essere fuori dai riflettori politici spesso consente decisioni più rapide e può aprire un margine di manovra creativo per gli attori impegnati. La combinazione di modalità di governance formale e informale in modo flessibile consente di capitalizzare i punti di forza di entrambi gli approcci.

Il buon coordinamento dovrebbe, in linea di principio, ridurre gli ostacoli all'attuazione che in genere sorgono in condizioni di scarsa governance, vale a dire responsabilità poco chiare, cooperazione limitata tra le parti interessate, mancanza di scambio di conoscenze, limitate capacità istituzionali (ad esempio, in termini di risorse finanziarie e umane e know-how), normative incoerenti o contrastanti e valori e interessi contrastanti.

Principi e facilitazione dei fattori di governance dell'adattamento

Ogni processo di adattamento è unico e sono possibili varie disposizioni gestionali e istituzionali. La standardizzazione degli approcci di governance non è quindi né possibile né utile, vale a dire non esiste un approccio unico per tutti. Tuttavia, dalle esperienze disponibili nell'attuazione dell'adattamento sono emersi alcuni principi di buone pratiche e fattori di facilitazione. Sono state descritte nelle relazioni dell'AEA (relazione SEE n. 4/2014) e in altri studi europei. I seguenti fattori di successo contribuiscono a superare gli ostacoli all'attuazione e si applicano sia alla governance verticale che orizzontale:

  • Designazione di organismi di coordinamento permanenti: Gli organismi permanenti e centrali per la guida e il monitoraggio dei processi di attuazione dovrebbero essere istituiti e istituzionalizzati nelle autorità pubbliche responsabili a tutti i livelli, dalle amministrazioni nazionali alle amministrazioni locali. Le responsabilità importanti di tali unità di coordinamento comprendono l'orientamento del processo tra unità settoriali all'interno dell'autorità, il collegamento con i coordinatori dell'adattamento ad altri livelli, la formulazione di progetti di politica, l'attività di punto di contatto per l'adattamento verso altre autorità e istituzioni esterne, la comunicazione dell'adattamento alle parti interessate e al pubblico, la gestione delle procedure di rendicontazione, monitoraggio e valutazione, ecc. Gli organi di coordinamento centrali istituzionalizzati sono un fattore di successo se sono combinati con responsabilità chiaramente assegnate, un solido mandato politico, capacità di leadership, risorse sufficienti e impegno personale dei membri.
  • Mantenere la continuità degli attori del processo: I meccanismi e i formati di coordinamento possono cambiare nelle diverse fasi del processo di politica di adattamento, ad esempio dalla formulazione all'attuazione. Tuttavia, mantenere una certa continuità per quanto riguarda gli attori chiave durante le fasi del ciclo di adattamento è chiaramente un vantaggio. Per quanto possibile, i membri esperti del gruppo centrale di adattamento installato all'inizio del processo di adattamento e del gruppo direttivo incaricato di coordinare lo sviluppo del piano d'azione dovrebbero pertanto essere coinvolti nell'unità di coordinamento permanente.
  • Avvalendosi di approcci di governance informale: Gli obblighi giuridici per i livelli di rango inferiore e per i settori di definire i propri piani di adattamento o integrare l'adattamento nelle loro attività sono un forte motore dell'attuazione orizzontale e verticale. Analogamente, l'ancoraggio giuridico dei mandati per gli organismi di coordinamento può rafforzare significativamente il loro ruolo. Tuttavia, i meccanismi di coordinamento istituzionalizzati da soli sono raramente sufficienti e nella maggior parte dei paesi le politiche di adattamento sono attualmente piuttosto non vincolanti, "politiche non vincolanti". È qui che le modalità di governance volontarie, "soft" e basate sulla cooperazione devono intervenire e sono in grado di apportare un valore aggiunto sostanziale. È quindi utile in ogni caso sviluppare una cultura degli approcci di governance informale. Questi includono interazioni ad hoc, colloqui informali, scambio di informazioni, formati di dialogo, sviluppo di capacità, networking, riunioni basate su casi o accordi volontari.
  • Impegnare gli attori dell'adattamento a sostenere il coordinamento: Al fine di orientare e controllare i processi di attuazione in tutti i settori e livelli amministrativi, i coordinatori dell'adattamento devono disporre di un numero minimo di meccanismi di coordinamento pratici e affidabili. Tra questi figurano disposizioni come piani di lavoro ciclici, procedure di monitoraggio, rendicontazione e valutazione e relazioni periodiche sullo stato di avanzamento. Se non previsto da requisiti formali, tali impegni devono essere basati su accordi volontari.
  • Rafforzare le capacità di coordinamento a tutti i livelli: La rata di coordinatori proattivi e impegnati nelle autorità pubbliche a tutti i livelli, unita a chiare responsabilità e ruoli istituzionalizzati, ha dimostrato di essere un fattore chiave di successo per l'attuazione dell'adattamento. Questi "agenti di cambiamento" fungono da iniziatori, comunicatori e motori dei processi di adattamento, sono i principali agenti del coordinamento verticale e orizzontale e fungono da importanti intermediari tra livelli e settori. I prerequisiti importanti per i coordinatori dell'adattamento che consentono loro di svolgere i loro ruoli di "curatori" includono: un atteggiamento proattivo, l'impegno personale, le qualità di leadership, il sostegno di un solido mandato politico, la dotazione di risorse sufficienti (tempo di lavoro, personale, bilancio, competenze esterne), potere decisionale formale, capacità di coordinamento e comunicazione, solide competenze professionali e buoni contatti con le giuste comunità politiche e attori. Le capacità di coordinamento dovrebbero pertanto essere rafforzate a tutti i livelli, anche attraverso i requisiti obbligatori per la creazione di una rispettiva responsabilità, il finanziamento pubblico (co) dei costi del personale, le qualifiche e la formazione.
  • Apprendimento transnazionale sulla governance dell'adattamento: I governi nazionali e subnazionali dispongono di una varietà di meccanismi di coordinamento e di modelli di governance per l'attuazione dell'adattamento in atto. Tenendo conto delle condizioni del contesto specifico per paese, i paesi possono migliorare ulteriormente il loro coordinamento dell'adattamento imparando la diversità negli approcci tra paesi e regioni e condividendo le esperienze e gli insegnamenti tratti. Le pagine dei paesi Climate- ADAPT supportano tali sforzi e i progetti e le strutture di cooperazione nelle regioni transnazionali offrono potenzialità fertili per tali scambi e apprendimento. Ciò include l'esplorazione e la sperimentazione di innovazioni di governance.

La governance orizzontale e verticale dell'adattamento condivide molte somiglianze e può basarsi in larga misura sugli stessi fattori di successo. Tuttavia, l' integrazione dell'adattamento nei settori e il coordinamento multilivello affrontano anche sfide specifiche che richiedono approcci differenziati per superarli.

Elementi della banca dati Climate-ADAPT

Relevant tile