Exclusion of liability

This translation is generated by eTranslation, a machine translation tool provided by the European Commission.

Website experience degraded
We are currently facing a technical issue with the website which affects the display of data. The full functionality will be restored as soon as possible. We appreciate your understanding. If you have any questions or issues, please contact EEA Helpdesk (helpdesk@eea.europa.eu).

Energia,

Land's End, Sennen, Regno Unito Crediti
d'immagine: Annie Spratt su Unsplash, 2016

Messaggi chiave

  • I cambiamenti climatici influenzano il settore energetico in termini di produzione di energia (sia non rinnovabile che rinnovabile) e condizioni di approvvigionamento. I rischi includono tassi di efficienza ridotti di tutti i tipi di centrali elettriche e danni alle infrastrutture energetiche causati da eventi estremi. Rendere il settore energetico resiliente ai cambiamenti climatici è fondamentale per l'azione dell'UE per il clima, soprattutto per il suo ruolo nella mitigazione come una delle principali fonti di emissioni di gas a effetto serra antropogeniche.
  • La "legge europea sul clima" e il pacchetto "Fit for 55" si tradurranno in una sostanziale decarbonizzazione del settore energetico dell'UE. Sebbene non siano state ancora proposte azioni specifiche nella nuova strategia di adattamento dell'UE, è probabile che tali politiche in materia di clima abbiano conseguenze importanti sulle opzioni di adattamento del settore. Sulla base delle informazioni e degli orientamenti contenuti nella strategia di adattamento dell'UE e nei documenti della politica di coesione, l'Europa intende investire specificamente in infrastrutture resilienti ai cambiamenti climatici, in particolare per creare infrastrutture per le energie rinnovabili.
  • Mentre gli studi di modellizzazione per valutare l'impatto dei cambiamenti climatici sul settore energetico sono stati forniti dal Centro comune di ricerca e le opportunità di adattamento per il sistema energetico europeo e la resilienza climatica nel sistema energetico europeo ora e in futuro, dove analizzati dall'AEA, diversi progetti di ricerca e innovazione finanziati dall'UE propongono soluzioni per integrare l'adattamento in questo settore politico chiave dell'UE.

Impatti e vulnerabilità

I cambiamenti climatici influenzano il settore energetico in molteplici modi, che vanno dai cambiamenti delle richieste di riscaldamento e raffreddamento stagionali e annuali ai rischi e alle opportunità sulle condizioni di produzione e fornitura di energia. I rischi includono modifiche dei tassi di efficienza delle centrali elettriche, problemi con il raffreddamento dell'acqua e danni alle infrastrutture energetiche causati da eventi estremi. Inoltre, le infrastrutture energetiche possono essere maggiormente esposte ai danni dovuti al cambiamento delle condizioni climatiche.

Il settore energetico non è solo soggetto a importanti vulnerabilità legate al clima: è fondamentale per l'azione dell'UE per il clima, soprattutto per il suo ruolo nella mitigazione come una delle principali fonti di emissioni di gas a effetto serra antropogeniche. Dato questo duplice ruolo, l'integrazione dell'adattamento in questo settore appare di fondamentale importanza e ciò è debitamente preso in considerazione nella nuova strategia di adattamento dell'UE.

Quadro politico

Gli orientamenti strategici della Commissione europea per il settore energetico sono stabiliti nel quadro 2030 per il clima e l'energia e nell' Unione dell'energia. Nel giugno 2021 il Consiglio dell'Unione europea ha adottato la nuova legge europea sul clima. Esso stabilisce l'obiettivo di un'Unione europea climaticamente neutra entro il 2050, rendendo così l'obiettivo finale un requisito giuridico vincolante per la prima volta. Il pacchetto "Fit for 55" dell' UE comprende proposte politiche che definiscono il percorso per l'ambizione dell'UE di realizzare il suo contributo nell'ambito dell'accordo di Parigi. È la proposta della Commissione relativa agli strumenti legislativi per conseguire gli obiettivi concordati nella legge europea sul clima. Propone inoltre soluzioni per il settore energetico che devono essere attuate in modo resiliente ai cambiamenti climatici. 

La Commissione europea ha presentato il 18 maggio 2022 RepowerEU, un piano per ridurre al minimo la dipendenza dell'Europa dai combustibili fossili russi che aiuta anche a mantenere l'UE sulla buona strada verso la neutralità in termini di emissioni di carbonio. Il piano è costruito su tre pilastri: conservazione dell'energia; diversificazione degli approvvigionamenti energetici; e la rapida sostituzione dei combustibili fossili in tutti i settori accelerando la transizione verso l'energia pulita. Il piano prevede investimenti sostanziali nella sicurezza dell'approvvigionamento di gas e delle reti elettriche e nella creazione di una spina dorsale dell'idrogeno a livello dell'UE. Il piano ha implicazioni per l'adattamento nel settore energetico dell'UE, in quanto l'attuazione dei tre pilastri potrebbe ridurre i rischi derivanti dagli impatti climatici sia in termini di infrastrutture energetiche al di fuori dell'UE sia in termini di esposizione complessiva al rischio climatico del settore energetico dell'UE.

Il Green Deal europeo 2020 si tradurrà in una sostanziale decarbonizzazione del settore energetico dell'UE. Sebbene ciò possa avere conseguenze importanti sulle opzioni di adattamento del settore, la nuova strategia dell'UE sull'adattamento ai cambiamenti climatici non ha una sezione specifica sul settore dell'energia, ma contiene diverse raccomandazioni pertinenti. L'attenzione alla siccità, ad esempio, comprende azioni di adattamento della gestione idrica per il funzionamento di centrali idroelettriche e termoelettriche. La strategia di adattamento raccomanda di integrare la strategia di adattamento nelle procedure di monitoraggio richieste dalla governance dell'Unione dell'energia e dall'azione per il clima; e sottolinea il ruolo dell'efficienza idrica nell'ambito delle normative in materia di etichettatura energetica e produzione di energia.

Il settore energetico è indirettamente rilevante per altre azioni della strategia. Occorre tenerne conto nell'affrontare l'integrazione con altre iniziative del Green Deal europeo, in particolare l' ondata di ristrutturazioni, che si occupa ampiamente dell'uso dell'energia nell'ambiente costruito, dei piani d' azione per l' economia circolare e dell'inquinamento zero e della strategia per una mobilità intelligente e sostenibile, a causa del ruolo svolto dall'energia nell'industria manifatturiera e nei trasporti. Analogamente, la necessità di nuovi investimenti a prova di clima menzionati nella strategia si applica a tutte le infrastrutture energetiche.

Infine, gli impatti dei cambiamenti climatici a livello transfrontaliero menzionati nella strategia per il funzionamento dei mercati internazionali dell'energia e dell'approvvigionamento energetico all'UE. Le interruzioni delle infrastrutture portuali sono importanti per il trasporto di combustibili energetici, i conflitti indotti dai cambiamenti climatici sono importanti per la sicurezza energetica e i cambiamenti nelle regioni polari indotti dal cambiamento climatico in termini di nuove rotte di approvvigionamento e lo scongelamento del permafrost che potrebbero minacciare i siti di estrazione di combustibili fossili e i gasdotti nell'Artic.

Sipossono prevedere implicazioni per l'adattamento derivanti dall'annunciata revisione del quadro normativo per le infrastrutture energetiche, compreso il regolamento TEN-E, al fine di garantire la coerenza con l'obiettivo della neutralità climatica.

Migliorare la base di conoscenze

Le informazioni pertinenti sugli impatti dei cambiamenti climatici sul settore energetico a livello mondiale sono state fornite dall' Agenzia internazionale per l'energia (AIE). I rischi incrementali dei cambiamenti climatici sui sistemi energetici per l'aumento della temperatura globale di 1,5ºC e 2ºC sono stati valutati nel rapporto speciale IPCC sul riscaldamento globale di 1,5ºC. Il servizio Copernicus sui cambiamenti climatici sta inoltre lanciando un servizio operativo per il settore energetico da utilizzare nelle loro decisioni di gestione.

Il Centro comune di ricerca (JRC) ha condotto studi di modellizzazione per valutare l'impatto dei cambiamenti climatici sul settore energetico.

Nel 2 019 l'AEA ha pubblicato il rapporto " Adattamento sfide e opportunità per il sistema energetico europeo ", che analizza le esigenze di adattamento ai cambiamenti climatici e di resilienza ai cambiamenti climatici nel sistema energetico europeo ora e in futuro.

Il servizio operativo Copernicus Climate Change Services (C3S) Energy mira a fornire informazioni chiave per gli indicatori legati al clima rilevanti per il settore energetico europeo.

Nell'ambito del Settimo programma quadro di ricerca e sviluppo tecnologico (7º PQ) sono stati finanziati diversi progetti di ricerca che coprono la resilienza del settore energetico. Tra questi figurano il progetto ToPDAd (Sviluppo politico sostenuto dagli strumenti per l'adattamento regionale), che fornisce, tra l'altro, informazioni sulle valutazioni di impatto e vulnerabilità, nonché strategie di adattamento per il settore energetico, e EUPORIAS, che fornisce conoscenze sulla variabilità futura del clima per raggiungere soluzioni efficaci sotto il profilo dei costi per il futuro funzionamento della rete energetica.

L'adattamento ai cambiamenti climatici è stato anche uno dei punti focali del programma di finanziamento dell'UE per la ricerca e l'innovazione Orizzonte 2020, ad esempio la resilienza delle infrastrutture critiche come le reti intelligenti, mentre il programma europeo sulla protezione delle infrastrutture critiche comprende anche i rischi naturali, il cambiamento climatico non fa ancora parte di tale programma. Sono state sviluppate metodologie per valutare come utilizzare le politiche sulle infrastrutture esistenti in Europa in modo da sostenere la resilienza delle infrastrutture. Il programma Orizzonte 2020 finanziava progetti relativi all'adattamento nel settore dell'energia come RESIN e progetto EU-CIRCLE. Il progetto RESIN aiuta le città a elaborare solide strategie di adattamento sulle loro infrastrutture più critiche. Il progetto UE-Circle sviluppa un quadro a livello dell'Unione per sostenere le infrastrutture vitali da preparare ai rischi naturali, compresi i cambiamenti climatici. Una prosecuzione di Orizzonte 2020 è il programma di ricerca e innovazione Orizzonte Europa per il periodo 2021-2027, con un bilancio totale di 95,5 miliardi di EUR.

Altre attività pertinenti finanziate dall'UE sono l'Istituto europeo di innovazione e tecnologia (EIT) Comunità della conoscenza e dell'innovazione CCI Innoenergy e la Climate-KIC.

Sostenere investimenti e finanziamenti

I finanziamenti dell'UE per l'adattamento sono sostenuti dal quadro finanziario pluriennale 2021-2027, che garantisce che le azioni di adattamento ai cambiamenti climatici siano state integrate in tutti i principali programmi di spesa dell'UE. Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale e Fondo europeo di sviluppo regionale.

La politica di coesione europea, che fornisce fondi agli Stati membri per sviluppare nuovi progetti infrastrutturali, come ad esempio le reti elettriche, incoraggia la valutazione della resilienza climatica di tali progetti. Sulla base delle informazioni e degli orientamenti contenuti nella strategia di adattamento dell'UE e nei documenti della politica di coesione, l'Europa intende investire specificamente in "una transizione più verde e a basse emissioni di carbonio verso un'economia netta a zero emissioni di carbonio" (riorità della politica di coesione 2) e questo aspetto per le infrastrutture per le energie rinnovabili

Una panoramica completa è disponibile sulla pagina del finanziamento dell'UE delle misure di adattamento.

Indicatori evidenziati

Relevant tile

Risorse

Relevant tile