Exclusion of liability

This translation is generated by eTranslation, a machine translation tool provided by the European Commission.

Website experience degraded
We are currently facing a technical issue with the website which affects the display of data. The full functionality will be restored as soon as possible. We appreciate your understanding. If you have any questions or issues, please contact EEA Helpdesk (helpdesk@eea.europa.eu).

Solo resilienza

Progetto pilota di inverdimento urbano a Trnava: lo spazioaperto dopo la rivitalizzazione.
Crediti immagine: Istituto di sviluppo dei Carpazi

Messaggi chiave

  • Dal livello locale a quello globale, le persone e le comunità più vulnerabili sono maggiormente a rischio dagli impatti dei cambiamenti climatici, hanno la minore capacità di adattarsi e sono le meno probabilità di essere ascoltate, riconosciute e beneficiano di azioni di adattamento. Le strategie di resilienza giusta riconoscono la distribuzione diseguale degli impatti dei cambiamenti climatici sulle persone e sui luoghi, i prerequisiti disomogenei e le capacità (sociali, economiche, politiche, sanitarie, ecc.) di adattarsi e di partecipare ai benefici offerti dalle azioni di adattamento.
  • Il concetto di "non lasciare indietro nessuno" è un elemento chiave nelle recenti e future politiche dell'UE relative all'adattamento ai cambiamenti climatici, tra cui il pacchetto politico del Green Deal europeo e la missione dell'UE sull'adattamento ai cambiamenti climatici. La nuova strategia di adattamento dell'UE, in particolare, ha posto l'accento esplicito sulla giusta resilienza.
  • Garantire che nessuno sia lasciato indietro richiede un'attenzione particolare agli aspetti dell'equità in tutte le fasi della pianificazione, dell'attuazione e del monitoraggio dell'adattamento, nonché a tutti i livelli di governance. Anche un significativo coinvolgimento dei gruppi vulnerabili in questi processi è essenziale.

Giusta resilienza — superare le disuguaglianze nei rischi climatici e nell'azione di adattamento

Le persone più vulnerabili — a causa dell'età, della salute, del luogo di residenza o dello stato socioeconomico — e i sistemi sono maggiormente a rischio dagli impatti dei cambiamenti climatici, hanno la minore capacità di adattarsi e hanno le meno probabilità di essere ascoltati, riconosciuti e beneficiano di azioni di adattamento. L'azione di adattamento ha la capacità di porre rimedio ad alcune di queste disuguaglianze, ma rischia anche di aggravare le lacune già esistenti.

Il concetto di "non lasciare indietro nessuno" nei cambiamenti climatici, chiamato anche "giustizia nell'adattamento" o "giusta resilienza", deve quindi essere adeguatamente preso in considerazione nell'attuazione di un adattamento climatico giusto, trasformativo e a lungo termine per evitare pratiche disadattative, ridistribuire i rischi o rafforzare le disuguaglianze esistenti ed evitare di creare "vincitori" e "perdenti" (ETC, 2021). In particolare, ciò comporta:

  • Ridurre l'onere diseguale dei rischi climatici — Alcuni gruppi e regioni sono colpiti in modo sproporzionato dai cambiamenti climatici a causa dell'esposizione disomogenea dei cambiamenti climatici, delle vulnerabilità preesistenti, delle diverse capacità economiche e politiche, nonché del diverso accesso ai servizi pubblici e alle infrastrutture (come un alloggio adeguato che protegge dalle inondazioni e dalle temperature estreme). Una relazione dell'AEA fornisce ulteriori informazioni sulle disuguaglianze nella vulnerabilità e nell'esposizione ai rischi climatici.
  • Garantire l'equità nella distribuzione dei benefici (e degli oneri) dell'adattamento — Misure e politiche adattivi non vanno necessariamente a beneficio di tutti nella stessa misura, e in alcuni casi possono persino portare a una "maladattazione". Ad esempio, gli investimenti di adattamento (ad esempio, aree verdi, assicurazione contro le inondazioni, misure locali di risparmio idrico o di raffreddamento) che non garantiscono l'accessibilità economica possono escludere le famiglie a basso reddito

Garantire che nessuno sia lasciato indietro richiede pertanto un'attenzione particolare agli aspetti della giustizia in tutte le fasi del ciclo politico di adattamento, nonché un coinvolgimento significativo dei gruppi colpiti e vulnerabili nei processi decisionali.

Quadro politico

Vi è un crescente riconoscimento della necessità di "non lasciare indietro nessuno" in tutti i settori politici dell'UE, non da ultimo nell'adattamento ai cambiamenti climatici. La giusta resilienza è fondamentale sia per l' Agenda 2030 delle Nazioni Unite che per la nuova strategia di adattamento dell'UE, che attua la legislazione dell' UE in materia di clima. La strategia sottolinea l'importanza di conseguire la resilienza in modo equo ed equo e di concepire misure di adattamento in modo da tenere conto degli aspetti sociali, comprese le dimensioni internazionali del rischio climatico e dell'adattamento. Impegna l'Unione europea a sostenere una transizione giusta attraverso una serie di politiche e programmi di finanziamento, nonché attraverso l'applicazione della legislazione in materia di occupazione e sociale esistente.

Il Green Deal europeo sottolinea la "transizione giusta" verso una società senza emissioni nette di gas a effetto serra entro il 2050, riconoscendo che è necessario affrontare l'onere sproporzionato per alcuni paesi e gruppi di popolazione. L'azione nell'ambito del Green Deal europeo, come la FIT per il pacchetto 55, sarà guidata dal pilastro europeo dei diritti sociali, al fine di bilanciare le politiche economiche e ambientali con quelle sociali.

Miglioramento della base di conoscenze

Sebbene il termine "resilienza giusta" sia relativamente nuovo nel panorama della politica climatica, esiste già un campo di ricerca consolidato sulle implicazioni sociali dei cambiamenti climatici e recentemente la base di conoscenze a livello mondiale ed europeo è in crescita.

Diverse relazioni riguardano specificamente l'argomento, sia a livello mondiale che a livello dell'UE. La quinta relazione di valutazione dell'IPCC (AR5) ha già riconosciuto la distribuzione disomogenea dei rischi climatici nei diversi settori e l'ultimo sesto rapporto di valutazione dell'IPCC (AR6) evidenzia la giustizia come una qualità fondamentale dell'adattamento ai cambiamenti climatici a tutti i livelli di governance. In particolare, il contributo del II gruppo di lavoro all'AR6 individua i principi di giustizia che dovrebbero essere presi in considerazione nella valutazione delle opzioni di adattamento.

L' ottava relazione sulla coesione economica, sociale e territoriale presenta le attuali disparità socioeconomiche e territoriali in Europa e il modo in cui sono aggravate dagli impatti dei cambiamenti climatici, indicando che la politica di coesione dovrebbe evolvere per rispondere a tali sfide.

Il documento tecnico ETC/CCA dal titolo "Lasciare nessuno dietro" nella politica e nelle pratiche di resilienza climatica in Europa(2021) esamina le implicazioni pratiche della "transizione giusta" nel contesto dell'adattamento e della resilienza climatica — "resilienza giusta". Fornisce approfondimenti su come considerare gli aspetti della giustizia in tutte le fasi del ciclo di politiche di adattamento secondo lo strumento di sostegno all'adattamento. Altri prodotti dell'AEA e dell'ETC/CCA importanti per la comprensione della giusta resilienza tengono conto degli aspetti sanitari e urbani delle politiche di giusta resilienza.

L'AEA mira ad affrontare la considerazione degli aspetti della giustizia nelle politiche di mitigazione e adattamento in un approccio integrato. Esplorando le sfide sociali delle politiche energetiche a basse emissioni di carbonio in Europa, gli aspetti di adattamento sono presi in considerazione nella valutazione degli impatti sleali delle tasse sul carbonio e dell'energia e nell'analisi delle politiche per massimizzare i benefici per gli obiettivi connessi all'adattamento.

Il briefing del SEE 2022 Verso una "resilienza giusta": non lasciare indietro nessuno quando si adatta ai cambiamenti climatici guarda come il cambiamento climatico colpisce i gruppi vulnerabili e come questi impatti possono essere prevenuti o ridotti attraverso azioni di adattamento eque. Presenta inoltre esempi di politiche e misure orientate all'equità provenienti da tutta Europa.

L'UE intraprende inoltre diverse azioni per contribuire a fornire ai responsabili politici e ai professionisti ulteriori conoscenze e metodologie per attuare politiche e misure di resilienza giuste. Ad esempio, il gruppo di esperti sull'impatto economico e sociale della ricerca (ESIR) fornisce alla Commissione consulenza politica basata su dati concreti su come sviluppare una politica di ricerca e innovazione equa, lungimirante e trasformativa.

In collaborazione con diversi partner dell'UE e globali, la Commissione europea e l'AEA stanno sviluppando l' Osservatorio europeo del clima e della salute. Fornisce l'accesso alle risorse di conoscenza più pertinenti sulla vulnerabilità dei gruppi sociali agli impatti e ai rischi climatici legati alla salute, nonché alla giustizia nelle risposte politiche.

La giustizia nelle politiche climatiche è anche un tema chiave del programma Orizzonte 2020, in particolare per la mitigazione dei cambiamenti climatici. In termini di adattamento, alcuni progetti in corso stanno studiando le implicazioni distributive dei rischi climatici e delle relative politiche. Ad esempio, il progetto CASCADE studia la propagazione dei rischi climatici a livello internazionale sulle società europee, valutando i potenziali inconvenienti socioeconomici. Le politiche sono al centro del progetto NAVIGATE, che sviluppa nuovi modelli di valutazione integrata in grado di modellare le disuguaglianze e valutare come le politiche di mitigazione e adattamento le influenzano. Inoltre, il progetto JustNature intende attivare soluzioni basate sulla natura come strumenti per garantire il diritto alla salute e al benessere in sette città pilota.

Il programma LIFE contribuisce anche all'ampliamento della base di conoscenze. Ad esempio, il progetto Regioni in evoluzione fornirà un'esperienza pratica sulla mappatura dei gruppi vulnerabili per le valutazioni dei rischi e l'esame degli aspetti della giustizia nella tabella di marcia di adattamento municipale e regionale

 

Sostegno ai finanziamenti e agli investimenti

L'UE si impegna a sostenere una "transizione giusta" attraverso programmi di finanziamento specifici come il Fondo per una transizione giusta.

I finanziamenti per l'adattamento sono disponibili da vari flussi di finanziamento dell'UE e molti di essi sostengono anche una giusta resilienza. Il quadro finanziario pluriennale 2021-2027 garantisce che le azioni di adattamento ai cambiamenti climatici siano state integrate in tutti i principali programmi di spesa dell'UE, come previsto anche nella strategia di adattamento dell'UE. Inoltre, la Commissione europea fornisce anche fondi attraverso il programma Next Generation EU (750 miliardi di EUR) per riprendersi dalla crisi economica connessa all'epidemia di COVID-19. Il programma finanzia i piani nazionali per la ripresa e la resilienza volti a trasformare radicalmente le economie europee attraverso una transizione climatica e digitale equa.

Il programma LIFE è interamente dedicato all'ambiente e dispone di un bilancio di 1,9 miliardi di EUR per l'azione per il clima che include l'adattamento ai cambiamenti climatici.

Affrontare le disuguaglianze nella transizione verde è anche al centro degli orientamenti strategici chiave di Orizzonte Europa (95,5 miliardi di EUR). Conformemente al piano strategico 2021-2024, il programma contribuisce, attraverso la ricerca, alla creazione di una società europea più resiliente, inclusiva e democratica. A tal fine, il tema dell'equità nelle azioni di mitigazione e adattamento trasversali dei programmi di lavoro di Orizzonte Europa e, in particolare, sei nuovi inviti contribuiranno all'attuazione della missione di adattamento ai cambiamenti climatici. Anche se nessuno degli inviti menziona esplicitamente gli aspetti sociali, la loro attuazione considererà gli aspetti della giustizia in base agli obiettivi della missione dell'UE sull'adattamento ai cambiamenti climatici.

Altri programmi di finanziamento europei pertinenti sono:

  • La politica agricola comune (378,5 miliardi di euro) sostiene l'adeguamento del settore agricolo, con particolare attenzione ai gruppi vulnerabili di agricoltori
  • Il Fondo sociale europeo Plus (FSE+) è uno strumento finanziario chiave per sostenere i gruppi più vulnerabili in Europa. L'FSE finanzia l'attuazione dei principi del pilastro europeo dei diritti sociali: pari opportunità e accesso al mercato del lavoro; condizioni di lavoro eque, protezione sociale e inclusione.
  • Il Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR) può anche essere dedicato all'adattamento e alla dimensione sociale dell'adattamento. Le priorità di finanziamento del FESR comprendono sia "Più verde, a basse emissioni di carbonio e resiliente [Europa]" sia "Più sociale".

 

Sostenere l'attuazione

A livello europeo, la resilienza giusta è integrata e attuata attraverso azioni derivanti dalla strategia europea di adattamento e da altre iniziative dell'UE.

Il Patto dei sindaci integra il tema della giusta resilienza nell'attuazione delle politiche di adattamento a livello locale. Nell'ambito del suo strumento di sostegno alle politiche, esso fornisce una guida sull'attuazione dell'adattamento che copre esplicitamente l'esposizione diseguale e la vulnerabilità agli impatti climatici. Un programma pilota del 2023 con 40 comuni in 12 paesi è stato avviato per aiutare i comuni nel loro percorso per portare avanti le azioni di adattamento in modo giusto.

La missione dell'UE sull'adattamento ai cambiamenti climatici è guidata dalla DG CLIMA e progettata per sostenere direttamente almeno 150 regioni e comunità europee affinché diventino resilienti ai cambiamenti climatici entro il 2030. La missione si concentra sulle soluzioni e sulla preparazione all'impatto dei cambiamenti climatici in modo giusto ed equo, attraverso processi di governance inclusivi e sostenendo azioni a tutela della salute e del benessere delle persone vulnerabili. Include il cambiamento comportamentale e gli aspetti sociali rivolgendosi alle nuove comunità al di là dei soliti stakeholder.

La nuova iniziativa Bauhaus europea promuove la sostenibilità, la qualità dell'esperienza e l'inclusione nella progettazione degli spazi abitativi europei.