Home Banca dati Opzioni di adattamento Piani d'azione per la salute termica

Exclusion of liability

This translation is generated by eTranslation, a machine translation tool provided by the European Commission.

Website experience degraded
The European Climate and Health Observatory is undergoing reconstruction until June 2024 to improve its performance. We apologise for any possible disturbance to the content and functionality of the platform.
Adaptation option

Piani d'azione per la salute termica

L'Europa ha registrato diverse ondate di caldo estive estreme e continui nuovi record in termini di temperature estreme dal 2003, che hanno portato a morbilità e mortalità legate al calore, riduzione della produttività del lavoro e impatti economici. Si prevede che le ondate di calore di grandezza simile o maggiore aumenteranno in termini di frequenza (AR5, 2013; Russo et al., 2014, EEA, n.1/2017), fino a uno ogni due anni nella seconda metà del 21º secoloin uno scenario ad alte emissioni (RCP 8.5).

Al fine di migliorare la risposta alla salute pubblica alle temperature estreme e alle ondate di calore, il progetto EuroHEAT ha quantificato gli effetti sulla salute del calore nelle città della regione europea dell'OMS e ha individuato opzioni per migliorare la preparazione dei sistemi sanitari e le loro risposte per proteggere la salute. Il messaggio chiave del progetto è che il calore minaccia la salute e il cambiamento climatico sta aumentando il verificarsi di ondate di calore.

Gli effetti del caldo possono essere prevenuti sulla salute e possono essere adottate strategie e misure per la salute pubblica. La prevenzione richiede un portafoglio di azioni a diversi livelli, tra cui: sistemi meteorologici di allarme rapido, consulenza pubblica e medica tempestiva, servizi sanitari rivolti a gruppi particolarmente vulnerabili, miglioramenti dell'ambiente urbano e costruito (ad esempio miglioramento dell'edilizia abitativa e della pianificazione territoriale) e garantire che l'assistenza sanitaria e i sistemi sociali siano pronti ad agire. Queste azioni possono essere integrate in un piano d'azione definito per la salute del calore.

Il progetto EuroHEAT raccomanda le seguenti otto fasi per elaborare un piano d'azione per la salute del calore:

  1. La collaborazione tra organismi e istituzioni e l'individuazione di un organismo capofila per coordinare le risposte;
  2. Disponibilità di sistemi di allarme accurati e tempestivi;
  3. Informazioni sanitarie legate al calore sviluppate in anticipo;
  4. Evitare o ridurre l'esposizione al calore;
  5. Particolare attenzione ai gruppi di popolazione vulnerabili;
  6. Fornitura di assistenza sanitaria, servizi sociali e infrastrutture;
  7. Sorveglianza sanitaria in tempo reale incorporata nel processo di pianificazione e
  8. Componenti e criteri di monitoraggio e valutazione.

Esempi di piani d'azione per la salute del calore o piani analoghi a livello nazionale sono:

Iniziative si possono trovare anche a livello regionale, come il servizio "Heat Hotline Parasol" implementato nella regione di Kassel in Germania.

I sistemi adottati nei paesi europei vanno dagli approcci tradizionali di comunicazione passiva (ad es. comunicati media), alle comunicazioni attive agli individui vulnerabili, ad esempio gli avvisi vengono inviati ai gruppi target.

Dettagli aggiuntivi
Informazioni di riferimento

Dettagli sull'adattamento

Categorie IPCC

Istituzionale: politiche e programmi del governo, Sociale: informativo

Partecipazione degli attori interessatI

Al fine di preparare piani d'azione per la salute del calore, è essenziale la collaborazione tra diversi attori. Si tratta di attori di istituzioni diverse (multi-agenzia) e di diversi settori (intersettoriali), come per quasi tutti i piani di emergenza. Mentre molte azioni rientrano nel settore sanitario, anche il coinvolgimento attivo di altri settori è molto rilevante. Inoltre, i piani d'azione per la salute del calore sono spesso elaborati a livello nazionale e attuati anche a livello regionale a livello locale; pertanto, il coinvolgimento e la collaborazione verticale tra le istituzioni e gli attori pertinenti a tutti i livelli di governance è della massima importanza.

La comunicazione è parte integrante della gestione dei rischi per la salute, che comporta un processo interattivo di scambio di informazioni, concetti o preoccupazioni relative a tali rischi, tra individui, gruppi e istituzioni. Instaurare un dialogo il più presto possibile tra i diversi attori coinvolti — compresi gli utenti destinatari — offre diversi vantaggi. Pertanto, all'inizio, c'è la necessità di fornire informazioni e conoscenze. Ciò aumenterà la consapevolezza e la preoccupazione da parte dei diversi attori. In particolare, gli sforzi di accompagnamento, come la sensibilizzazione nella popolazione in relazione agli effetti legati al calore e ai problemi di salute, in particolare concentrandosi sui gruppi più vulnerabili soggetti ai rischi per la salute del calore, sono componenti estremamente importanti di qualsiasi piano per la salute del calore e la sua efficace attuazione.

Successo e fattori limitanti

Sulla base dell'esperienza dell'OMS Europa in materia di calore e salute (ad esempio EuroHEAT, consulenza sanitaria e gruppo di lavoro europeo sulla salute nei cambiamenti climatici) e tratto dai piani d'azione e dalla letteratura esistenti per la salute del calore, è possibile individuare elementi fondamentali per l'attuazione efficace dei piani d'azione per la salute del calore:

  • un organismo di coordinamento responsabile dell'attuazione del piano e della collaborazione con più agenzie;
  • sistemi di allerta accurati e tempestivi, per determinare le soglie di intervento;
  • un piano per informare e comunicare informazioni sanitarie legate al calore, compresa una chiara identificazione di ciò che deve essere comunicato, a chi e quando;
  • raccomandazioni (ad esempio sulla riduzione dell'esposizione al calore e consigli su come mantenere basse le temperature interne durante gli episodi di calore) rivolte ai gruppi di popolazione più vulnerabili;
  • una preparazione più a medio-lungo termine del sistema sanitario e sociale (ad esempio attraverso la formazione e la pianificazione del personale, un'assistenza sanitaria adeguata e il miglioramento dell'ambiente fisico);
  • Monitoraggio della mortalità e della morbilità associate a periodi di stress termico e un meccanismo di valutazione per valutare le prestazioni del piano;
  • Riferire alle principali parti interessate (ad esempio il ministro della sanità) e al pubblico in merito alle attività sviluppate nel corso dell'anno.

Questi elementi non sono sequenziali, anche se alcuni riguardano principalmente la pianificazione e altri più sulla risposta.

Per attuare pienamente i piani sono necessari sforzi di coordinamento tra diversi attori a livello nazionale, subnazionale e locale. Questo sforzo può essere impegnativo e deve essere definito in dettaglio, in particolare in termini di flusso di informazioni e consigli su chi sta facendo cosa e quando. Anche se le informazioni sono ben comunicate, non implica che i gruppi più vulnerabili della società (anziani, bambini piccoli, persone con problemi di salute attuali, ecc.) siano raggiunti e possano agire in base alle informazioni fornite. Alcuni sforzi supplementari possono essere necessari in termini di attuazione delle azioni proposte, il che implica altri sforzi finanziari e potrebbe essere più difficile da attuare a breve termine (ad esempio in caso di cambiamento degli edifici).

Costi e benefici

La maggior parte dei piani esistenti sono guidati e/o finanziati da ministeri settoriali collegati; in alcuni casi i progetti di ricerca sono stati il punto di partenza per l'elaborazione del piano e l'attuazione (pilota). La piena attuazione di un piano d'azione per la salute del calore richiede il lavoro del personale in vari settori legati alla prevenzione dei rischi per la salute, pertanto la stima dei costi e delle risorse associati ai piani è piuttosto difficile e specifica nel contesto.

I benefici dei piani consistono nella prevenzione degli effetti negativi sulla salute, in particolare sui gruppi target più vulnerabili. I benefici finora non sono stati completamente analizzati o calcolati, dal momento che molti piani sono in vigore solo per alcuni anni e quindi attualmente monitorati, ma non ancora valutati.

In generale, si può affermare che la fornitura delle informazioni a più attori subnazionali e locali — che possono di conseguenza prevenire o almeno minimizzare gli effetti negativi sulla salute — rispetto alla mancanza di informazioni è già un chiaro vantaggio. Ciò vale anche in termini di costi, in quanto le informazioni fornite aiutano a pianificare in modo efficiente il personale sanitario e le relative strutture sanitarie.

Le basi giuridiche e politiche per un piano d'azione per la salute del calore possono essere di natura diversa e possono includere documenti come strategie di adattamento, piani d'azione di adattamento o strategie di riduzione/gestione del rischio. La maggior parte dei piani sono stati elaborati a livello nazionale. In alcuni casi esistevano già piani subnazionali; il piano nazionale è stato elaborato per raccogliere queste esperienze e mira a fornire un piano ombrello a livello nazionale (ad esempio nel caso dell'Austria).

Tempo di implementazione

L'elaborazione di un piano d'azione per la salute del calore è un processo relativamente rapido, che può richiedere alcuni anni, a seconda anche del livello di collaborazione necessaria tra gli attori nel campo della salute e dell'allarme precoce. L'attuazione e il monitoraggio sono uno sforzo continuo. La maggior parte dei piani d'azione per la salute del calore sono operativi da maggio a settembre.

Durata

Si presume che le azioni previste dai piani continuino normalmente a lungo termine. Il monitoraggio, la valutazione e la revisione sono componenti essenziali di qualsiasi piano, per adattarlo alle condizioni in evoluzione. Alcuni piani prevedono una revisione del piano dopo aver acquisito più esperienza.

Informazioni di riferimento

Riferimenti:

Organizzazione mondiale della sanità (OMS)

Progetto Euroheat, compreso il documento: Ufficio regionale dell'OMS per l'Europa (2009). Migliorare le risposte alla salute pubblica alle condizioni meteorologiche estreme/onde di calore — sintesi per i responsabili politici

Collaboratore:
Ufficio regionale dell'OMS per l'Europa

Pubblicato in Climate-ADAPT Nov 22 2022   -   Aggiornamento più recente in Climate-ADAPT May 17 2024

Azioni sul documento