Exclusion of liability

This translation is generated by eTranslation, a machine translation tool provided by the European Commission.

Website experience degraded
We are currently facing a technical issue with the website which affects the display of data. The full functionality will be restored as soon as possible. We appreciate your understanding. If you have any questions or issues, please contact EEA Helpdesk (helpdesk@eea.europa.eu).

Europa sud-occidentale

Paesi della regione

Regioni meridionali della Francia, l'intero territorio della Spagna (comprese le Isole Baleari e poi territori di Melilla e Ceuta), il Portogallo e il territorio britannico di Gibilterra a seguito di Andorra

 

Quadro politico

1.    Programma di cooperazione transnazionale

Il programma INTERREG V B South West Europe (SUDOE) sostiene la cooperazione nei settori dello sviluppo intelligente e sostenibile. Si concentra sulla cooperazione tra le reti di ricerca e innovazione, diffondendo la ricerca applicata legata alle tecnologie abilitanti chiave e incoraggiando la cooperazione tra i vari dipartimenti e istituzioni che sostengono lo sviluppo e l'internazionalizzazione delle piccole e medie imprese (PMI). Il programma sostiene anche la diffusione di migliori pratiche e soluzioni innovative per l'efficienza energetica negli edifici e il consumo di energia rinnovabile, lo sviluppo di strategie e attività di coordinamento della gestione dei rischi, in particolare quelle legate alla carenza di risorse idriche, e la conservazione e la promozione del patrimonio naturale e culturale, in particolare dei siti della rete Natura 2000. Per il periodo 2014-2020 il programma si concentra su cinque priorità:

  1. Ricerca e innovazione;
  2. Competitività delle PMI;
  3. Economia a basse emissioni di carbonio;
  4. Lotta contro i cambiamenti climatici;
  5. Ambiente ed efficienza delle risorse.

L'adattamento ai cambiamenti climatici è coperto dalla priorità 4, che è dotata del 12 % del finanziamento complessivo del programma (17,08 milioni di euro). Questo asse si concentra sulla gestione e sulla prevenzione dei rischi di cambiamento climatico associati alla scarsità di risorse idriche e all'elevata variabilità delle precipitazioni, che favorisce l'intensificazione delle condizioni di siccità, la desertificazione, l'erosione del suolo, gli incendi boschivi e le inondazioni.

 

2.    Convenzioni internazionali e altre iniziative di cooperazione

Alcune aree della regione SUDOE sono incluse nella convenzione OSPAR per la protezione dell'ambiente marino dell'Atlantico nord-orientale, in particolare nella regione IV — baia di Biscaglia e costa iberica. In base a questa convenzione, i cambiamenti climatici (e l'acidificazione degli oceani) sono affrontati come una questione trasversale in termini di generazione di conoscenze, monitoraggio degli impatti e progettazione di opzioni di gestione volte ad aumentare la resilienza degli ecosistemi. Francia e Spagna sono anche parti contraenti della Convenzione di Barcellona, che copre l'area dell'intero Mar Mediterraneo.

La regione SUDOE comprende la zona montana dei Pirenei, che vanta una lunga tradizione di cooperazione. La Comunità di lavoro dei Pirenei (CTP) è stata istituita nel 1983 su iniziativa del Consiglio d'Europa per affrontare, tra gli altri, le sfide comuni transfrontaliere nei settori dei trasporti, dell'istruzione, della ricerca, del patrimonio culturale e dello sviluppo sostenibile. Nel 2010, il CTP ha finanziato l' Osservatorio Pireneo sui cambiamenti climatici (OPCC) con l'obiettivo di promuovere una migliore comprensione degli impatti dei cambiamenti climatici nella regione e di definire misure di adattamento efficaci. I lavori dell'OPCC sull'adattamento hanno incluso:

  • Un'analisi della vulnerabilità della regione alle minacce climatiche;
  • Una banca dati delle migliori pratiche in materia di adattamento ai cambiamenti climatici nelle zone montane;
  • La definizione — insieme alle parti interessate, ai decisori e alle autorità — di raccomandazioni per il rafforzamento e l'attuazione di iniziative coordinate a medio termine in tutti i Pirenei.

 

Esempi di progetti finanziati nel periodo 2014-2020

Di seguito sono riportati esempi di progetti finanziati dal programma SUDOE 2014-2020.

Il progetto 4KET4Reuse (KET per il riutilizzo delle acque reflue trattate nelle regioni SUDOE) (2016-2019) mira a sviluppare tecnologie abilitanti chiave (KET) per il riutilizzo delle acque reflue per affrontare la scarsità idrica, che nella regione è principalmente guidata dalla diminuzione delle precipitazioni e dall'inquinamento delle risorse disponibili. In particolare, il progetto mira a sviluppare e convalidare quattro sistemi di rigenerazione eliminando gli inquinanti emergenti. Le questioni di gestione delle risorse idriche sono anche l' ambito del progetto AGUAMOD (Sviluppo di una piattaforma di gestione delle risorse idriche nei periodi a bassa acqua nel territorio SUDOE) (2016-2019) che mira a sviluppare una piattaforma per la gestione integrata delle risorse idriche nella regione SUDOE durante i periodi estivi come strumento per rafforzare la cooperazione tra gestori e utenti del territorio.

L'obiettivo del progetto FIRE-RS (wildFIRE Remote Sensing) (2016–2019) è ridurre gli impatti degli incendi boschivi fornendo alle agenzie di emergenza e ai centri di coordinamento uno strumento innovativo per l'individuazione precoce e la gestione efficiente degli incendi. In una nota diversa, PLURIFOR (piani transnazionali per la gestione dei rischi forestali) (2016-2019) mira a ridurre la vulnerabilità delle aree boschive a più rischi (plaghi, malattie, tempeste e incendi) creando o migliorando piani di gestione in Spagna, Francia e Portogallo.

Oltre al programma INTERREG V B SUDOE, la cooperazione transfrontaliera (INTERREG A) svolge anche un ruolo importante nella creazione di una base di conoscenze comuni e nel trasferire, replicare e capitalizzare le conoscenze di adattamento nella regione. Ciò è esemplificato dal sostegno fornito alle attività di ricerca dell'Osservatorio sui cambiamenti climatici dei Pirenei da parte dell'INTERREG Un programma di cooperazione transfrontaliera Spagna-Francia-Andorra (POCTEFA) sia nell'ambito del periodo di programmazione precedente che in corso. Il progetto OPCC-2 (2016-2019) dovrebbe migliorare le attuali conoscenze sugli impatti e le vulnerabilità dei cambiamenti climatici nei Pirenei e sostenere il processo decisionale individuando e attuando misure di adattamento.